DEApress

Thursday
Nov 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La crisi del Venezuela vista con gli occhi delle donne

E-mail Stampa PDF

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

 

COMUNICATO STAMPA

Il ricavato sarà devoluto ai progetti dell'Associazione Venezuela in Toscana
La crisi del Venezuela vista con gli occhi delle donne
Domani allo Stensen, alla presenza della regista, il doc su uno dei Paesi più pericolosi al mondo

Domani, giovedì 21 novembre, alle ore 21, al Cinema Stensen di Firenze (viale Don Minzoni 25/G), in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, verrà proiettato il film-documentario “Donne nel caos venezuelano” alla presenza della regista Margarita Cadenas.

Il film, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti in diversi festival internazionali sui diritti umani, racconta la storia di cinque donne venezuelane. Attraverso le loro voci e la loro vita in presa diretta, la regista franco-venezuelana Margarita Cadenas ha documentato, con coraggio e passione, la situazione di uno dei Paesi più pericolosi al mondo. Scena dopo scena, emergono le difficoltà quotidiane che in particolare le donne sono obbligate ad affrontare, dalla mancanza di cibo e di assistenza sanitaria alla criminalità, alla prigionia politica e alle violenze.

Dopo essere stato presentato in giro per il mondo, con il riconoscimento di Amnesty International e Human Right Watch, ora il film arriva anche in Italia grazie al sostegno dell'Associazione Venezuela in Toscana, un'organizzazione di volontariato apartitica che si propone di diffondere i valori della pace e della solidarietà.

«Il film di Margarita Cadenas ci mostra una testimonianza cruda e drammatica di quello che è stata la situazione del Venezuela, che negli anni è ulteriormente peggiorata. Oggi questo Paese attraversa una crisi umanitaria senza precedenti» commenta Carolina Garrido, vicepresidente dell'Associazione Venezuela in Toscana. «Il film della Cadenas si caratterizza per essere completamente al femminile. Non solo perché parla di donne, ma perché racconta ciò che il maschile non riesce a intravedere: l'urgenza di prendersi cura dei diritti fondamentali troppo a lungo negati».

«Vorrei sottolineare il coraggio delle cinque donne protagoniste che hanno accettato di far entrare una telecamera nelle loro vite per denunciare la loro situazione quotidiana piegata dalla povertà estrema. Sono donne altere, forti, provate ma ancora speranzose che la loro situazione possa cambiare. Ecco perché hanno accettato di rischiare donandoci queste loro testimonianze» aggiunge la giornalista Annamaria Tossani, testimonial dei diritti umani per l'Associazione Venezuela in Toscana.

Ingresso 8 euro. Il ricavato sarà devoluto interamente ai progetti dell'Associazione Venezuela in Toscana. www.venezuelatoscana.it

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 25 Novembre 2020
Marcello aveva un carattere combattivo.  Portava avanti battaglie faticose ma sempre in prima fila per i diritti di Rom e Sinti. Senza di te sarà  più  dura la strada dei diritti zingari. 
Giovanni Vessella . 25 Novembre 2020
SEGNALI DI “SPERANZA” IN GUATEMALA Dalla Colombia al Cile passando per il Perù, cresce la protesta anti-governativa dei popoli latinoamericani. Sabato 21/11 centinaia di manifestanti hanno dato alle fiamme un'ala del parlamento per chiedere le dimi...
simone fierucci . 25 Novembre 2020
Divulghiamo il documento finale del convegno dei rappresentanti del popolo Rom tenutosi a Roma nei giorni 28 e 29 Settembre 2020.     Questo è il documento con il quale le delegazioni di Rom che si sono incontrate a Roma il 28 e ...
Silvana Grippi . 25 Novembre 2020
Per raccontare la città serve una rappresentazione filosofica e un realismo visionaro. Il paesaggio urbano fotografato e alcuni libri possono portarci ad un'analisi dei luoghi e poi alla descrizione. Dopo aver letto Benjamin, Sebald e Ballard so che ...
Silvana Grippi . 25 Novembre 2020
 
Silvana Grippi . 25 Novembre 2020
Mostra fotografica La Birmania - di Mariella Croce Galleria DEA Firenze - foto Archivio DEApress/20!3
Ni Weijun . 24 Novembre 2020
Un nuova conquista del governo cinese: è partito un satellite dalla Cina per un nuovo viaggio verso la Luna, con la Missione Chang'e- 5. L'obiettivo è quello di raccogliere delle rocce lunari per portarle a terra e studiarle. Un viaggio importante ...
Silvana Grippi . 24 Novembre 2020
Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...

Galleria DEA su YouTube