World Press Video 2012

Venerdì 02 Marzo 2012 11:49 Maria Grazia Silvestri
Stampa

Immagine_3

Immagine_5_copy_copy

Amsterdam 2 marzo 2012

Elles van Gelder ed Ilvy Njiokiktjien vincono  il world press contest 2012  con Africaner Blood. Ilvy Njiokiktjien è una fotografa freelance Olandese. Ha lavorato in molte parti del mondo, con una particolare attenzione per l'Africa. Il suo lavoro è apparso su Der Spiegel, Telegraph Magazine, The New York Times, e l'Espresso, tra gli altri, ed è stato esposto al Visa pour l'Image nel 2012. Riconoscimenti includono un Premio Canon AFJ, un World Press Photo Multimedia Award, e il primo premio nella emissione di POYi Segnalazione Multimedia Story. Nel 2012, Njiokiktjien è stato uno dei 30 fotografi emergenti del PDN. Elles Van Gelder è una giornalista che vive a Johannesburg, Sud Africa.  Ha una Laurea  in Giornalismo a Utrecht  ed un master in Storia Moderna presso l'Università di Amsterdam. Si è trasferita in Sud Africa nel 2007 per lavorare su progetti e incarichi in Africa sub-sahariana come scrittore, giornalista radiofonico, e operatore video. Il suo lavoro è stato pubblicato e trasmesso su  The Telegraph Magazine (UK), L'Espresso (Italia), dsWeekblad (Belgio), Vrij Nederland (Paesi Bassi), OneWorld (Paesi Bassi), edicola GPD (il Paesi Bassi), e Radio Netherlands Worldwide. Africaner Blood è il suo primo progetto multimediale realizzato  insieme a Ilvy Njiokiktjien. Eralier quest'anno ha vinto il Picture of the Year International (POYi) .

Immagine_4_copy_copy

Afrikaner Blood 

Il Kommandokorps in Sud Africa organizza campi durante le vacanze scolastiche per i giovani afrikaner bianchi,discendenti  olandesi e tedeschi. Il corso insegna tecniche di autodifesa insegnamento e come combattere il nemico nero. Il leader del gruppo, auto-proclamato 'colonnello' Franz Jooste, servito con i paesi dell'Africa Defence Force Sud sotto il vecchio regime dell'apartheid e rifiuta  la visione di una nazione multiculturale.  Il video  è impressionante, il lavaggio del cervello al quale sono sottoposti questi ragazzi  è  fonte  di odio puro nei confronti dell'altra parte della popolazione sudafricana di  pigmentazione epidermica meno chiara. Bellissimo documento di denuncia del razzismo dilangante in Sud Africa.

MAria Grazia Silvestri

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 02 Maggio 2013 18:07 )