LA STORIA DI EVA GONZALEZ PEREZ

Venerdì 22 Gennaio 2021 12:55 Laura Ciampini
Stampa

EVA: UN’AVVOCATA CHE TUTELA LE FAMIGLIE DEGLI IMMIGRATI

Di Laura Ciampini

 

Eva González Pérez è nata a Cáceres, la sua famiglia si è trasferita dalla Spagna franchista in Olanda, dove Eva si è laureate in Giurisprudenza.

Oggi è l’ avvocata di 48 anni che, a gennaio 2021, è riuscita a portare alle dimissioni in blocco del governo xenofobo olandese, capeggiato da Mark Rutte, quando mancavano solo due mesi alle elezioni amministrative. Vediamo il perchè.

Dal 2013, oltre 26.000 nuclei familiari furono accusati di frode nel percepire gli aiuti sociali. Nessuna prova lo confermava e le richieste di spiegazioni risuonarono nel vuoto. Il marito di Eva, che dirige una materna, fece notare alla moglie che di anno in anno sempre meno famiglie straniere mandavano i loro figli a scuola. E presto si è scoperto il motivo: non solo non si concedevano loro le facilitazioni per accedervi, ma coloro che avevano avuto gli aiuti avevano dovuto restituirli. Non conveniva, certamente, mandare i bimbi a scuola. Eva si è messa al lavoro: possibile che le famiglie fraudolente fossero solo quelle di origine turca o maghrebina? Qualcosa non quadrava. Il fisco non solo esigeva la restituzione di somme spropositate, ma anche quando queste venivano saldate gli uffici tornavano di nuovo ad esigerle, adducendo che non erano state pagate. 

Dopo 7 anni di indagini – dal 2014 al 2021- Eva ha portato a galla il maggior scandalo economico e sociale del governo, svelando le irregolarità discriminazione istituzionale contro gli immigrati, che partono dalla violazione del sistema di protezione dei dati delle famiglie fino a colpire gli immigrati e metterli in crisi. 

Con questo sistema a tutte queste persone non rimaneva altra scelta che andarsene dall’Olanda.

Eva, però, ha smascherato una nazione che in Europa era considerata il modello nella lotta contro la diseguaglianza sociale. Con tenacia ha vinto la sua battaglia legale e non solo ha bloccato un esodo dal paese, ma adesso il governo dovrà rimborsare quelle famiglie. 

Per una donna straniera, figlia di immigrati, è un risultato straordinario.

Brava Eva!

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 08 Febbraio 2021 20:33 )