Poesia di Brahim Salek - combattente saharawi

Lunedì 20 Dicembre 2021 10:41 Silvana Grippi
Stampa

Quando la poesia è per il popolo

 

Quando la poesia è grido

di rivoluzioe e di militanza.

Quando germogliano i versi

con tenace urgenza...

Quando un popolo esiste

e gli negano i suoi diritti.

Quando un bambino sconfortato

piange nei deserti.

Quando l'Africa incatenata

da anelli di tirannia

vede morire i suoi figli.

Quando l'impero poderoso 

impunemente tortura

e il suo sbirro ambizioso

ci porta alla disperazione.

Quando i popoli coscienti

si organizzano per lottare

e per difendere il loro onore

con sangue e ribellione.

Quando un grido unito

che denuncia il mondo dei morti.

Allora unite le mani 

si eternizzano gli abbracci.

Quando all'oppressore insano

lo percuotono dure mazze.

Quando con rabbia

il poeta

versi puri sparerà.

Quando si scorge la meta

e si lotta faccia a faccia

la poesia è indignazione, impegno.

Allora,

si costruiscono i popoli

sui massicci eterni

uniti e consolidati

nella cosceinza dell'uomo. 

 

 

Brahim Salek

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Dicembre 2021 10:51 )