DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La cucina fiorentina

E-mail Stampa PDF
La cucina Toscana fiorentina rientra nella cucina regionale italiana, tra le più virtuose eccellenze gastronomiche italiana.
 
La cucina italiana è una cucina regionale e non una cucina tipica nazionale: ogni regione o luogo d'Italia ha una sua specifica peculiarità e diversità. 
E' stata fondata almeno ufficialmente da un noto giornalista scrittore livornese, Pellegrino Artusi.
L
a cucina fiorentina è una cucina povera, dei bassi strati sociali, contadini ecc ecc., non è una cucina di lusso.
La Bistecca alla fiorentina, a dispetto del nome, non è un piatto tipico fiorentino, è una invenzione geniale catturata nel dopoguerra da qualche illustre ristoratore fiorentino. Si dice da trattoria Buca Lapi chi da un altro trattoria famosa. Cosa è la super famosa Bistecca alla fiorentina?
È una semplice fetta tagliata grossa dalla mezzena costola del bovino, e comprende anche una parte del filetto. L'osso del bovino forma una T. 
Gli americani la chiamano T- bone steak e i cavalieri inglesi del 500  e oltre la chiamavano beef- steak. Ma non è una invenzione o creazione fiorentino semplicemente perché nella antichità Firenze era sempre sotto guerre e assedi vari e i pochi bovini venivano usati per il lavoro nei campi e lavoro vario. Ripeto, la cucina tradizionale fiorentina è una cucina povera. I ricchi o nobili mangiavano molta cacciagione, quasi sempre cacciagione a farli venire la gotta. Avevano molti di loro la gotta. Non esistevano farmaci allora. Ecco perché indossavano abiti che coprivano completamente le maniche delle braccia e gambe. I poveri non avevano questo problema. È già molto se riuscivano a cibarsi di un piatto di lenticchie o fagioli. 
 
Ritorno al tema, il piatto forte a Firenze è la ribollita. Una minestra con pane vecchio secco ,e tutto le verdure e legumi che si trovavano in zona. E poi vicino alle radure boschive in inverno o vicino inverno c'era sempre questo fogliame nero ceruleo verdastro con radice arborea legnosa, era un vegetale della grande famiglia del verze cavolo, il cavolo europea era come un pallone ma questo in Toscana o centro italia non c'era. Era in padana o le grandi pianure della vistola o Danubio. Noi a Firenze avevamo il cavolo nero? E lo si metteva dentro questa zuppa di pane. Si toglieva la parte legnosa della pianta , e poi si lasciava questo intingolo di pappa riposare in zona fresca almeno 2 giorni. Come riserva di cibo. Dopo tutto si addolciva, il pane secco ammorbidito nell' intingolo secernava ( buttava via) tutto l'amido farinaceo di troppo e il piatto diventava un sogno di gusto.
Dimenticavo come tutti i piatti tipici, se lo fai altrove, ad esempio a new York, non ha lo stesso gusto e sapore. 
Poi c'è la storia del pane a Firenze senza sale. Si è detto e scritto di tutto, tutte le teorie e mezze verità di come è nato ed il perché. La storia del famoso assedio di Carlo quinto, la storia delle guerre per il sale tra Pisa e Firenze, la storia del sale salario paga dei soldati, e infine la storia del pane come contorno o companatico alla gia gustosa e saporita cucina. Come il riso bollito per orientali una guarnizione di accompagnamento o le patate al resto del occidentali. Il pane non deve essere il piatto principale ma l'accompagnamento.
Io sposo la verità ultima:il pane è un soggetto di sostegno e non il soggetto ( cibo).
Zuppa inglese. O Zuppa degli inglesi. 
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 13 Aprile 2024 10:52 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube