DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Senza Storia e senza Utopia, giovani allo sbando

E-mail Stampa PDF

Ho intervistato Silvana Grippi, che, in qualità di genitore e di donna che ha avuto un preciso percorso storico politico, ha un tracciato interessante di oltre 60 anni.

In che modo hai contribuito alla crescita delle nuove generazioni?

In qualità di genitore, sento il peso della responsabilità verso i giovani di questa generazione. Nei miei primi venti anni ho assistito alla comparsa di istanze ideologiche e di brividi rivoluzionari ricchi di cultura e di richieste di estensione dei diritti. Ho l’orgoglio di avere partecipato alle battaglie per una nuova identità sociale. La chiara percezione esistenziale degli anni settanta mi ha indicato un percorso ricco, condiviso ed in piena evoluzione. Purtroppo dopo l’orgoglio dell’essere, la logica del fare è stata bloccata.

E gli anni dal 78 in poi com’erano?

Quelli erano anni in cui ancora credevamo nel cambiamento storico fornito di senso e di progresso, che Pasolini definiva “sviluppo”. Se il progresso è stato un miglioramento qualitativo del modo di vivere, ha anche reso il mercato in espansione un mercato “spazzatura” ed “inquinante”. Il nostro coinvolgimento ha permesso azioni e comportamenti a prescindere dalla realizzazione delle nostre utopie. Le manifestazioni studentesche, vero fulcro di ribaltamento e lotte, hanno avuto una brusca interruzione dagli anni ottanta fino ai nostri giorni. Quindi i nostri figli non hanno vissuto le nostre esperienze e non hanno potuto dare ai loro figli strumenti di controinformazione. Pertanto, i giovani oggi si stanno riappropriando delle nuove esigenze ambientali ma vogliono e pretendono una rigorosa razionalità dato che la classe politica non li ascolta, dimostrando un totale disinteresse nei loro confronti. Dare il voto ai sedicenni è l’unica prospettiva che i nostri politici propongono a giovani che a quell’età purtroppo sono manipolabili, ma ciò non è utile all’”ascolto” ed al cambiamento. Gunther Anders dice: “Abbiamo rinunciato a considerare noi stessi come i soggetti della storia, e al nostro posto abbiamo collocato un solo altro soggetto: la tecnica”.

Che futuro credi avranno i nostri giovani?

Sinceramente è difficile dirlo, escono fuori dalla mia logica utopica. Si formeranno indubbiamente nuovi soggetti con proprie idee e convinzioni. Non so se saranno razionali o irrazionali. Questo lo vedremo in corso d’opera.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  Pubblichiamo un vecchio articolo di Michele Azzu - Per ricordare: Sgomebero a Bologna Oggi mi sono vergognato di vivere a Bologna.   "Hanno usato i manganelli contro le mamme". Vetri spaccati, e ancora urla: "Pagherete tutti"...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  In foto  Francesco Mori e Graziella Rumer . ph. silvana grippi/Archivio DEApress Mi chiedi, Silvana, del nostro percorso: Francesco si è laureato nel 1953 ed io nel  1957. Laureatosi, Francesco ha fatto il servizio militare nell’...

Galleria DEA su YouTube