DEApress

Monday
Dec 05th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Sono oltre 7 milioni i poveri in Italia

E-mail Stampa PDF
Sono oltre sette milioni e mezzo le persone che vivono in ristrettezze economiche in Italia, oltre due milioni e cinquecento le famiglie povere. Superano il milione le famiglie considerate particolarmente povere. E’ quanto emerge dai dati diffusi oggi dall’Istat sulla povertà relativa in Italia nel 2007.
Il Veneto è la regione con la minor incidenza di povertà, mentre la Sicilia si riconferma all'ultimo posto della classifica nazionale.
Rispetto al 2006 la situazione appare stabile: solo le famiglie toscane hanno registrato un miglioramento delle loro condizioni di vita in un anno, mentre in tutto il paese sono molte le famiglie considerate a rischio indigenza. Anche nel 2007 la povertà relativa si conferma maggiormente diffusa al Sud, dove l'incidenza è quattro volte superiore a quella del resto del paese.
Secondo l’Istat, quindi, restano invariate le caratteristiche tipiche della povertà italiana: l'indigenza colpisce soprattutto il Sud, le famiglie numerose, i woorking poor (persone con bassi profili professionali, dal momento che il reddito basso non tutela più dalla povertà), le persone anziane e le famiglie monogenitore.
In Italia, inoltre, la presenza di minori poveri è superiore a quella registrata in altri paesi. L'incidenza di povertà è del 14% tra le coppie con due figli e del 22,8% tra quelle con almeno tre. Se i figli sono minori, i valori salgono rispettivamente del 15,5% e del 27,1%. Al Sud il 36,7% delle famiglie con tre o più figli minori vive in condizioni di povertà. Nel 2007 sono peggiorate le condizioni di vita delle famiglie con un solo figlio e migliorate quelle dei nuclei con due o più figli.
 
Valentina Casini - DEApress

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 04 Novembre 2008 18:26 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 03 Dicembre 2022
STATUTO D.E.A. Didattica-Espressione-Ambiente   ART.1E' costituita l'Associazione denominata "D.E.A.". ART.2L'associazione ha sede in Firenze, Via Alfani 16/r ART.3L'associazione ha durata illimitata, lo scioglimento, in caso di impossibili...
DEAPRESS . 03 Dicembre 2022
Oggi il Rapporto annuale del Censis dipinge il quadro di un'Italia sempre più malinconica e impaurita, schiacciata sotto il peso delle "quattro crisi sovrapposte dell'ultimo triennio: la pandemia perdurante, la guerra cruenta alle porte dell'Europa, ...
Ni Weijun . 02 Dicembre 2022
Sciopero generale: manifestazione a Firenze. Fotoreportage. I volti di alcun* manifestanti sono stati oscurati per rispetto alla privacy.                              ...
Silvana Grippi . 02 Dicembre 2022
30 novembre – 3 dicembre | Teatro della Pergola – Saloncino ‘Paolo Poli’ (mercoledì, venerdì, sabato, ore 21; giovedì, ore 19) Prima Assoluta LA COLONIA di Marivaux traduzione Beppe Navello scene e costumi Luigi Perego musiche&n...
Silvana Grippi . 02 Dicembre 2022
Galleria DEA onlus in Via Alfani 16/r Firenze  Mercatino di Solidarietà per finanziare Edizioni DEA   4 dicembre 2022 - 4  gennaio 2023 Info: redazione@deapress.com
DEAPRESS . 01 Dicembre 2022
Si è aperta la campagna di tesseramento di D.E.A. e DEApress 2023. L'iscrizione al gruppo da diritto ai servizi offerti con un contributo di 20 euro e permette di scrivere articoli su DEApress, con possibilità di accredito e di lavoro di stampa pr...
simone fierucci . 30 Novembre 2022
Proteste in Cina Paolo Beffa per la Redazione di Contropiano L’incendio di Urumqi Il 24 Novembre è scoppiato un incendio in un condominio di Urumqi, la capitale della provincia dello Xinjiang. 10 persone sono morte nell’incendio. Rapi...
Fabrizio Cucchi . 30 Novembre 2022
L'Agenzia DEApress, su decisione dell' Assemblea della Redazione DEA e DEApress, sostituisce il Capo Redattore dott. Samuele Petrocchi con la dott.ssa Silvana Grippi. "Accetto questa carica in attesa di un nuovo caporedattore che sappia guidarci" -...
Silvana Grippi . 29 Novembre 2022
I tatuaggi vanno di moda ma spesso reinterpretano quelli del passato. Come i geroglifici molte interpretazioni sono da ricercarsi come archeologia del passato. Eccovi una credenza utile tradotta da un antropologo di cui non ricordo il nome: Le parol...

Galleria DEA su YouTube