DEApress

Thursday
Oct 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Allarme inquinamento

E-mail Stampa PDF

L'INQUINAMENTO UCCIDE 234 VOLTE PIU' DELLE GUERRE

 Il vertice dell’UNEP a Nairobi di questa settimana è l’occasione per molti ricercatori interni al Programma ambientale delle Nazioni Unite di presentare i propri lavori. Una raffica di studi si sono susseguiti a partire da ieri: tra questi, un lavoro congiunto UNEP-OMS traccia un quadro preoccupante. L’inquinamento, secondo le due agenzie, uccide ogni anno nel mondo un numero di persone 234 volte superiore a quello delle vittime di tutti i conflitti.

Lo scopo del report è evidenziare i collegamenti tra qualità dell’ambiente, sviluppo e salute umana, sottolineando che solo un rapporto positivo fra questi fattori è in grado di garantire il pieno rispetto dei diritti umani. L’Agenda 2030, con i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile, ha così una base di dati in più su cui poggiare per la programmazione di politiche attente a ridurre il deterioramento degli ecosistemi.

I dati del rapporto non sono molto aggiornati, ma il censimento è piuttosto complesso: nel 2012, spiegano gli esperti, 12,6 milioni di persone sono morte prematuramente a causa di patologie collegate con gli alti livelli di inquinamento. Si tratta del 23% dei decessi globali.

Le peggiori condizioni ambientali, causa delle morti premature, si riscontrano nel Sud-Est asiatico (dove ha perso la vita il 28% del totale), nel Pacifico occidentale (27%), nell’Africa subsahariana (23%) e in Medio Oriente (22%).

La percentuale dei morti per degrado dell’ambiente in USA, Canada, Messico e Cile è dell’11%, mentre negli altri Paesi americani fuori dall’OCSE sale al 15%. L’Europa uccide prematuramente il 15% delle persone scomparse per cause legate all’inquinamento.

Le diverse fonti di degrado ambientale hanno ciascuna la sua responsabilità nelle morti premature censite dai ricercatori UNEP-OMS. Ad esempio, l’inquinamento atmosferico uccide 7 milioni di persone all’anno in tutto il mondo, mentre la scarsità di acqua potabile provoca 842 mila vittime. L’esposizione all’amianto stronca 107 mila vite ogni anno, mentre il piombo ben 654 mila. Negli ultimi 20 anni, i disastri naturali hanno mietuto 606 mila vittime. I disagi ad essi associati hanno riguardato 4,1 miliardi di persone.

Secondo il rapporto, alcuni progressi sono stati raggiunti. La lotta all’inquinamento ha prodotto l’eliminazione di circa 100 sostanze che causavano il buco dell’ozono. Questo eviterà, a partire dal 2030, 2 milioni di casi di cancro alla pelle e diversi milioni di casi di cataratta. Eliminare il piombo dalla benzina avrebbe evitato un milione di morti l’anno, generando un risparmio annuale di quasi 2,5 trilioni di dollari.

 

 

L'inquinamento uccide 234 volte più delle guerre 5

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 09 Giugno 2016 09:29 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 21 Ottobre 2020
BOLIVIA ELEZIONI OTTOBRE 2020 Alla fine di una feroce polemica interna la Bolivia si appresta ad eleggere un presidente che dovrebbe continuare l’eredità di Evo Morales, che dopo i presunti brogli elettorali del 2019 si era rifugiato all’estero, su ...
DEApress . 21 Ottobre 2020
  Gio Molina "Artista Plástico"   Artista palestino plasma su arte en nopales, en Querétaro. Como calificas su obra del 1 al 10..... Artista palestinese plasma la sua arte in nopales a Querét...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Un'atroce uccisione quella di Samuel Paty in Francia, colpevole solo perché in classe ha voluto spiegare la satira ai ragazzi. Il giovane professore è stato decapitato da un esaltato musulmano ceceno di 18 anni, Abdoulakh Abuyezidvich Anzorov. Samue...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Bolivia: nessuno ne parla. Come mai non fa notizia?
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
(ph. Giuseppe Varchetta)   E' morto Enzo Mari (un designer che ho amato molto in gioventù). Ora ci giunge la notizia che è morta anche la sua compagna Lea Vergine, geniale critica d'arte che definirfei fantastica e bellissima. Milano era ce...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
LA Rivista A si è diversificata da sempre per la bella impaginazione, la scelta degli articoli e per la disponibilità editoriale.  Un' uomo meraviglioso come Paolo Finzi che ha saputo dare un forte carattere alla Rivista A dove emergeva ...
DEApress . 20 Ottobre 2020
  “American gothic” icona pop dell’America di Grant Wood Spesso osservo questa opera emblematica ed ironica nella composizione (purtroppo ancora non ho ancora avuto il piacere di vederlo dal vivo) e cerco di capire chi sono i personaggi che ...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Solidarietà  al popolo andino
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
CROFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Cari lettori e lettrici eccovi i dati di oggi di  9 ottobre 2020 - Tot. visite: 32.289.980  - h. 9.14  n. 125 visitatori on line  17 ottobre - Tot. visite: 32.328.843 h. ...

Galleria DEA su YouTube