DEApress

Wednesday
Nov 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Svolta In Iran: sì alle donne negli stadi

E-mail Stampa PDF

Piccolo, grande passo avanti in Iran nella lotta ai diritti femminili. Sì alle donne negli stadi. Ad annunciarlo in uina nota il ministro dello Sport della Repubblica Islamica, Masoud Soltanifar. "Tutte le preparazioni necessarie sono state fatte in modo che le donne, inizialmente solo per le partite internazionali, possano entrare negli stadi di calcio". Il prossimo 10 ottobre sarà la prima, storica occasione, con la gara che la nazionale maschile di calcio iraniana giocherà allo stadio Azadi di Teheran contro la Cambogia per le qualificazioni al Mondiale del 2022 in Qatar. Misure di sicurezza sono già state attuate: ingressi sono già stati studiati, sono stati fatti bagni separati per maschi e femmine, ed è atteso un dispiegamento rafforzato di forze di polizia per evitare ogni tipo di incidente. 

Il provvedimento arriva in seguito alle polemiche derivanti dalla morte di Sahar Khodayari, ventinovenne appassionata di calcio che si era tolta la vita per evitare il carcere dopo essere stata scoperta in uno stadio. La ragazza, entrata mimetizzandosi per assistere ad un match della Champions League asiatica, era stata tradita da una foto inviata alla sorella e scoperta dalla polizia nel Marzo scorso. Rilasciata dopo tre giorni in carcere, avendo il sentore di tornarci, rischiava una condanna a sei mesi, ha compiuto la sua ultima decisione. L'avvenimento ha scatenato l'indignazione generale e intensificato le pressioni sul governo per un cambio di rotta. La stessa federazione calcistica internazionale (Fifa) ha sollecitato l'inclusione femminile, tanto da minacciare una possibile esclusione dall'Iran dai prossimo mondiali. 

Una apertura moderata era comunque già arrivata grazie al governo moderato di Hassan Rohani, scontrandosi con il parere più conservatore del clero sciita. I diritti civili sembrano nonostante le opposizioni aver fatto un altro passo avanti: il divieto alle iraniane di entrare negli stadi, entrato in vigore nel 1978 dopo la rivoluzione islamica, è fortunatamente giunto al capolinea. E' triste che per arrivarci sia stata necessaria l'ennesima tragedia.

https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/2019/09/19-61317984/iran_le_donne_potranno_entrare_negli_stadi/

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Ni Weijun . 24 Novembre 2020
Un nuova conquista del governo cinese: è partito un satellite dalla Cina per un nuovo viaggio verso la Luna, con la Missione Chang'e- 5. L'obiettivo è quello di raccogliere delle rocce lunari per portarle a terra e studiarle. Un viaggio importante ...
Silvana Grippi . 24 Novembre 2020
Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...

Galleria DEA su YouTube