DEApress

Thursday
Nov 14th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Schönberg, Ravel e Weill alla Sala Orchestra del Teatro del Maggio

E-mail Stampa PDF

61790757_10216625405460059_8707744402467979264_n.jpg 61744474_10216625405540061_777955225985089536_n.jpg

Monica Bacelli e Claudio Marino Moretti

voce e pianoforte per un concerto ricco di suggestioni

lunedì 3 giugno ore 20

Sala Orchestra – Teatro del Maggio

Il mezzosoprano Monica Bacelli accompagnata al pianoforte da Claudio Marino Moretti si esibirà lunedì 3 giugno alle 20 nella Sala Orchestra del Teatro del Maggio in un concerto intimo e suggestivo. In programma Das Buch der hängenden Gärten op. 15 aus Das Buch der hängenden Gärten von Stefan George di Arnold Schönberg, Trois poèmes de Stéphane Mallarmé di Maurice Ravel e Trois chansons di Kurt Weill.

Arnold Schönberg - Das Buch der hängenden Gärten op. 15 aus Das Buch der hängenden Gärten von Stefan George

Quando compone nel 1908 i quindici Lieder su Das Buch der hängenden Gärten, Schoenberg aveva già da qualche anno abbandonato le certezze del sistema tonale diventando il paladino dell’avanguardia musicale. Tra le opere maturate in seno alla nuova estetica - che imponeva l’emancipazione della dissonanza e l’abolizione di ogni punto di riferimento tonale stabile - vi sono anche i Lieder op. 15, su testi poetici del Libro dei giardini pensili di Stefan George. L’incontro con la poesia visionaria ed ermetica di George invita Schoenberg a mettere in campo nuove possibilità espressive: il discorso musicale perde ogni legame con la tonalità e si smaterializza in un’atmosfera di rarefazione sonora e di distacco emotivo in cui la voce è chiamata a esprimersi con modalità lontane dalla tradizione, passando dal recitativo a frasi melodiche con salti vertiginosi.

Maurice Ravel - Trois poèmes de Stéphane Mallarmé

“Ho voluto trascrivere in musica le poesie di Mallarmé e particolarmente quel suo speciale preziosismo, tanto ricco di significati profondi.” Così si pronunciò Ravel dopo la creazione dei suoi Trois poème de Stéphane Mallarmé, sottolineando l’influenza esercitata dal poeta su una nutrita schiera di artisti tra cui anche il collega Debussy, che, come lui, nello stesso anno stava mettendo in musica le medesime liriche. Se l’ispirazione poetica giunge dal vate del simbolismo francese, quella musicale va ricercata invece nelle esperienze del Pierrot lunaire di Arnold Schoenberg e delle Trois poésies de la lyrique japonaise di Igor Stravinskij, opere delle quali Ravel adotta quasi lo stesso ensemble strumentale (voce, due flauti, due clarinetti, quartetto d’archi e pianoforte). Sull’onda del simbolismo di Mallarmé, Ravel sperimenta un linguaggio nuovo che accoglie sonorità pungenti, accordi dilatati, passaggi atonali e armonie dissonanti nella pur sempre elegante e raffinatissima scrittura.

Kurt Weill - Trois chansons

Con l’avvento della dittatura nazista i maggiori esponenti della cultura tedesca di origine ebraica furono costretti alla fuga. Tra loro anche vi era anche Kurt Weill che, dopo gli inizi accademici e la fortunata collaborazione con Bertold Brecht, si trasferisce a Parigi sperando di sfruttare la sua notorietà per guadagnarsi da vivere. Nella capitale francese è di gran moda il cabaret, un genere leggero che coniuga ritmi ballabili a un’intonazione del testo chiara, talvolta parlata o gridata, e che ha eliminato le barriere tra musica d’arte e musica popolare, essendo molto apprezzato e praticato anche da compositori di musica colta (tra cui Debussy, Poulenc, Satie). Le chanson di Weill in programma risalgono al 1934; le prime due, Complainte de la Seine e Je ne t’aime pas, su testi di Maurice Magre, furono composte per la cantante e attrice di cabaret Lys Gauty, mentre la terza, Youkali, fu composta per la pièce Marie Galante di Jacques Deval.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 13 Novembre 2019
COMUNE DI FIRENZE Q. 2 Festival Mediamix 2019 XIII Edizione “In Viaggio” Villa Arrivabene – Piazza Alberti Firenze Premiazione sabato 30 novembre 2019 dalle ore 16.00 in poi È giunta a conclusione la XIII edizione del Festival Mediamix - "In ...
DEApress . 13 Novembre 2019
Nella giornata di ieri, Venezia è stata colpita dall’alta marea a seguito delle intense piogge: intorno alle 22:50 il livello dell’acqua ha toccato un metro e 87 – la seconda misura nella storia della città subito dopo i 194 cm del 1966. Oggi, intor...
DEApress . 12 Novembre 2019
Dopo tre settimane di scontri violenti, Evo Morales si è dimesso dal ruolo di presidente della Bolivia. Assieme a lui si sono dimessi anche il suo vice Álvaro García Linera e i presidenti dei due rami del parlamento boliviano. L’ex Presiden...
Silvio Terenzi . 11 Novembre 2019
Krishna Biswas“RADHA” “Baliset” - Official HD Parliamo di un ascolto difficile, per quanto abbia senso parlare di difficoltà in campo artistico. Di certo ci riferiamo ad un ascolto che non sfrutta comunicazioni immediate, strutture pop e soluzion...
DEApress . 11 Novembre 2019
Riceviamo e pubblichiamo da CGIL Toscana"La misura è colma. Non possiamo più rimanere fermi, né limitarci alla condanna verbale sui social media o sui giornali. Arci, Anpi, Cgil e Libertà e Giustizia Firenze chiedono una presa di posizione netta. Al ...
Silvana Grippi . 11 Novembre 2019
"E fu proprio il 9 novembre 1982, mentre mi recavo alle Nazioni Unite per una cerimonia che onorava l’African National Congress, che nove membri del Joint Terrorism Task Force mi fermarono all’angolo tra Broadway e la 94ma strada. Dopo una condanna d...
Silvana Grippi . 11 Novembre 2019
  In preparazione premiazione 30 novembre 2019   https://www.deapress.com/new-media/24024-festival-mediamix-2019-.html
DEApress . 11 Novembre 2019
                                                                     &...
Silvana Grippi . 11 Novembre 2019
 - Agenzia di stampa DEAonlus -  Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  Crea iniziative, opportunità di dialogo e scambi  Presenta nuovi autori...

Galleria DEA su YouTube