DEApress

Tuesday
Oct 04th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Come possiamo liberarci dalla cultura del Ghetto?

E-mail Stampa PDF

Una politica attuata dalle forze politiche è quella di ghettizzare i poveri in periferia e i rom ai margini della città. Ogni volta  che ci troviamo di fronte a come dedfinire il deserto sociale di una metropoli ci vengono in mente tante domande da fare e sono solo a noi ma soprattutto ad una cittadinaza che vive sulla logica ghettizzante delle fascie sociali dove i politici sono a volte assenti e anche interventisti in modo sbagliato. Non c'è logica nel gestire le emergenze sociali. .

Ecco! la città è un elemento dove bisogna porre attenzione per creare una cultura adatta ai bisogni sociali, culturali ed educativi e soprattutto per superare il concetto di educazione civica. Ad esempio la considerazione che gli zingari o rom (come vogliamo chiamrli...)siano un problema è notoriamente secolare. Questo è uno dei principali problemi delle periferie dove sono relegati e della città che spesso lo vive, Uno dei motivi più profondi da cui nelle varie società nasce il rifiuto verso la loro identità nomane e non si può trovare nel persistere di una organizzazione sociale, diversa da quella maggioritaria. Questa categoria sociale è presa di mira più di altre minoranze, dato che svolgono il ruolo di capri espiatori. Su di loro si scaricano paure, frustraioni, disagi e non solo legende metropolitane ma vere e proprie guerre intestine (come in casi successi all'Isolotto quartiere di Firenze).

Quindi ai margini delle città abbiamo senzatetto, randagi invisibili, ex-comunitari, nomadi e/o zingari, e questo crea uno spostamento di uomini e donne che spesso vengono cacciati da nuna zona per poi ritrovarli in altre zone periferiche oppure sotto ponti disponibili in estate e giardini pubblici notturni. Tutta questa massa di persone considerata responsabile della insicurezza collettiva e pericolosi per la con i dnza civile dunque affidati ai religiosi (vedasi periodo di Don Mazzi). I campi Olmatello , Masini e Poderaccio ci han no insegnato poco, purtroppo le soluzioni erano superficiali e così i problemi sono rimasti anche senza quei campi. Ora cosa bolle in pentola per la città di Firenze? Esiste un tavolo di discussione serio con le associuazioni di volontariato?

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 13 Dicembre 2021 10:44 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 03 Ottobre 2022
simone fierucci . 03 Ottobre 2022
Il 3 ottobre nella Giornata internazionale di lotta alla crisi e al carovita. L’Unione Sindacale di Base annuncia che in tutta Italia manifesterà oggi davanti alle maggiori aziende dell’energia e alle sedi dei loro maggiori azionisti, a partire da Ca...
Silvio Terenzi . 03 Ottobre 2022
Ivan francesco Ballerini“Racconti di mare. La via delle spezie” "Al bar del porto" - Official Video Esce “Racconti di mare. La via delle spezie” il terzo disco di Ivan Francesco Ballerini che troveremo anche dentro i principali canali digit...
Samira Sharfeddin . 03 Ottobre 2022
        Non sono state le streghe a bruciare. Erano donne. Donne che erano viste come: Molto belle. Molto colte e intelligenti. Perché avevano l'acqua nel pozzo, o una bella piantagione (sì, ...
Silvana Grippi . 03 Ottobre 2022
         
Silvana Grippi . 03 Ottobre 2022
Silvana Grippi . 01 Ottobre 2022
Entre Dos Mundos Festival del Cinema Iberoamericano – V edizione Firenze, 29 settembre – 2 ottobre 2022 | Cinema La Compagnia Sesto Fiorentino, 5 - 6 ottobre 2022 | Multisala Grotta Domani, domenica 2 ottobre si conclude al Cinema La Co...
DEAPRESS . 01 Ottobre 2022
Da tempo ormai sentiamo notizie sulla guerra in Ucraina. Se non ci siamo abituati - poco ci manca - eppure vorrei spendere poche parole su questa situazione che sta peggiorando sempre più, addirittura a livello di guerra mondiale. Secondo fonti ANSA...
DEAPRESS . 30 Settembre 2022
  Ragazzo iraniano dipinge Mahsa Amini in piazza S. Croce a Firenze - Ph. Silvana Grippi     AMNESTY INFORMA - "Il 13 settembre Mahsa Amini, 22 anni, è stata arrestata a Teheran dalla cosiddetta polizia “morale” irani...

Galleria DEA su YouTube