DEApress

Thursday
Apr 02nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Situazione dei detenuti palestinesi

E-mail Stampa PDF

Come abbiamo visto qui in Italia (1) i detenuti sono le prime vittime della paura di questa nuova epidemia. Andiamo a vedere cosa succede nelle prigioni israeliane dove sono detenuti migliaia (2) di prigionieri politici palestinesi. Cominciamo con il dire che ad oggi sono stati contati 41 casi di Coronavirus nei territori sotto l’autorità palestinese (3) e, fino a qualche giorno fa, 178 casi in tutta Israele (4) che oggi (5) ha imposto misure di quarantena generale simili (solo un po' più blande) a quelle che stiamo sperimentando noi in Italia.

Le visite dei familiari e persino degli avvocati dei prigionieri palestinesi sono state sospese per un mese. Ai detenuti già condannati sarà permessa, in caso di altri processi penali in corso, una sola telefonata prima delle udienze, e una dopo le sentenze, all’avvocato. La seconda telefonata sarà sotto la sorveglianza del personale della prigione che ne decide la durata. Quelli tenuti nei centri di interrogatorio, potranno incontrare l’avvocato durante le sedute del loro processo, a meno che non sia stato precedentemente disposto il contrario. Comunque alcune corti stanno rimandando le udienze. I procedimenti civili che coinvolgono detenuti palestinesi potranno essere tenuti in loro assenza. (6)

A Gerusalemme nella prigione di Al-Maskobiya, le autorità hanno isolato un centinaio di detenuti dopo che una guardia è stata sospettata di aver contratto il virus, ma le autorità israeliane affermano che ciò ha avuto fine dopo che l’individuo in questione è risultato negativo al test. Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh, sabato scorso ha ufficialmente chiesto il rilascio di tutti i prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, a causa della pandemia. (7)

Comunque, le condizioni igenico sanitarie delle carceri israeliane sono cattive, e l’aiuto medico che viene dato, all’interno di quelle ai detenuti palestinesi, è particolarmente scarso, anche “in condizioni normali”. (8)

Fabrizio Cucchi, DEApress

 

(1) https://www.deapress.com/cronache/24336-rivolte-nelle-carceri-in-conseguenza-dellemergenza-corona-virus.html

 

(2) 6119 al 1 gennaio 2018. Fonte: http://www.infopal.it/dati-statistici-sui-prigionieri-palestinesi-nelle-carceri-israeliane/ Altre fonti ne stimano il numero attuale intorno ai 5000

 

(3) http://english.wafa.ps/page.aspx?id=KThY6Ra115420038063aKThY6R

 

 

(4) https://www.agi.it/estero/news/2020-03-14/coronavirus-israele-netanyahu-7531247/

 

 

(5) http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2020/03/17/coronavirus-israele-non-uscite-di-casa_48a4d1ec-6d61-4236-b5de-302118f15517.html

 

 

(6) http://www.addameer.org/news/israeli-prison-services%E2%80%99-measures-regards-covid-19

 

 

(7) https://www.aa.com.tr/en/health/coronavirus-outbreak-worries-families-of-palestinian-prisoners/1767480

 

 

(8) https://www.mintpressnews.com/coronavirus-reveals-appalling-medical-neglect-palestinians-israel/265786/

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Marzo 2020 18:44 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Marco Ranaldi . 31 Marzo 2020
Con questa prima intervista intendo portare all'attenzione del lettore quello che diversi uomini di intelletto mi hanno detto. Si tratta di una sorta di memoria collettiva di questo tempo, una necessità di narrare attraverso una visione metalinguisti...
DEApress . 31 Marzo 2020
    Vedere in questi giorni le strade cittadine di una Italia isolata e abbandonata è una immagine desolante che, per quanto necessaria, anticipa e determina una crisi nella crisi. Una economia nazionale già penalizzata da sacrifici e lim...
DEApress . 30 Marzo 2020
Riceviamo e pubblichiamo dal Csa Next-Emerson: "NON C’È NESSUNA GUERRA… …a parte le solite. La retorica di guerra che caratterizza la questione corona virus rende la realtà confusa, edulcorata, pericolosa.La guerra è una situazione nella quale le p...
DEApress . 30 Marzo 2020
Silvana Grippi . 30 Marzo 2020
  Ecco una foto fatta da Francesca Dari durante un reportage in Tunisia per le elezioni di ottobre 2011. Andammo speranzose per vedere un popolo in festa, invece.....Ennahda ottenne 52 seggi sui 217 e ancora oggi mi domando perché, in quanto ...
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Associazione DEAonlus  L'  Agenzia di stampa  deapress è gratuità   Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  a servizio di coloro che lottano per i diritti ...
luca grillandini . 28 Marzo 2020
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Stiamo perdendo i giorni ma non la speranza. Ce la faremo! 

Galleria DEA su YouTube