DEApress

Wednesday
Jan 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Donne rapite in Siria da militari turchi e portate in Libia

E-mail Stampa PDF
Riceviamo e pubblichiamo
139069024_2791595491056873_5086596428205877229_n.jpg
 
RAPITE DAI TURCHI IN SIRIA DONNE CURDE POI PORTATE COME SCHIAVE DEL SESSO IN LIBIA
(operazione militare "Ramoscello d'Ulivo", no comment)
 
Sono centinaia le donne e ragazze curde rapite nel 2018 a Afrin – a maggioranza curda – nella Siria meridionale, quando le forze armate turche hanno lanciato l’operazione militare “Ramoscello d’Ulivo“. Le giovani sarebbero poi state deportate in Libia come schiave del sesso per combattenti pro turchi.
La squallida vicenda è venuta alla luce solo pochi giorni fa, quando Tulay Hatimogullari, deputata turca del pro-Kurdish Peoples’ Democratic Party (HDP), ha chiesto al Parlamento di Ankara di aprire immediatamente un’inchiesta sulla sparizione di queste donne. Ha inoltre domandato al ministro degli esteri di Ankara, Mevlut Çavusoglu, di fare luce quanto prima sulla loro sorte.
La deputata di HDP ha aggiunto che testimonianze e dettagli sui rapimenti sono documentate nel file “Missing Afrin Women Project” e contiene nomi delle ragazze, dove e quando sono state rapite, i gruppi armati responsabili degli incidenti e quant’altro.
Anche Sinam Mohamad, rappresentante del Consiglio democratico siriano a Washington ha denunciato lo scorso 6 gennaio il trasferimento coatto in Libia delle donne rapite e ha chiesto all’Unione Europea e agli Stati Uniti di partecipare a una Commissione d’inchiesta internazionale, affinché sia fatta giustizia su questa squallida vicenda e vengano puniti i criminali autori del traffico.
Sulla base di testimonianze si evince che centinaia di ragazze curde sono state rapite e portate in Turchia attraverso aree di confine siriane-turche controllate dai militari, per essere poi vendute come schiave del sesso a trafficanti del Qatar e portate in Libia.
Durante l’Operazione Ramoscello d’Ulivo sono sparite da Afrin almeno mille donne. L’intervento turco era stato fortemente criticato dalla comunità internazionale per tentato cambiamento demografico e deportazioni.
Nel febbraio 2019 la Commissione d’inchiesta internazionale indipendente dell’ONU sulla Siria aveva rilasciato un rapporto davvero inquietante sulla situazione umanitaria a Afrin: in base a fondati motivi la Commissione ritiene che membri di gruppi armati abbiano commesso crimini di guerra, come sequestri di persone, inflitto torture e altri trattamenti crudeli, saccheggi, arresti arbitrari, sopratutto nei confronti di persone di origine curda.
Anche il Dipartimento di Stato di Washington nel suo rapporto dello scorso novembre ha detto di essere preoccupato per le violazioni dei diritti umani commessi a Afrin da gruppi armati sostenuti dalla Turchia.
Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 13 Gennaio 2021 10:55 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Gennaio 2021
Il CENTRO STUDI D.E.A onus è a disposizione di Studenti, Laureandi, Laureati, Dottorandi e Ricercatori.   Scrittori, Free Lance, Artisti e Creativi Per info redazione@deapress.com
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:   Buongiorno, inviamo, in allegato, il comunicato stampa relativo alle riaperture degli spazi delle Gallerie degli Uffizi e alcune immagini sulla riapertura del Giardino di Boboli di oggi. Il Giardino di Boboli...
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
In Sicilia, dal VIII al X secolo d.c., la poesia ha svolto un ruolo importante, alcune fonti ricordano come i sovrani e i ceti benestanti si appropriarono di questa forma di cultura popolare e la fecero diventare mezzo di esaltazione del potere ad op...
Ni Weijun . 18 Gennaio 2021
Sono state avvistate circa 400 cicogne nere in una riserva naturale inTibet, ai confini della Cina. Questo animale è molto raro e in pericolo di estinzione, anche a causa della caccia e della distruzione dell'ambiente naturale. Si stima che ne siano ...
Ni Weijun . 18 Gennaio 2021
             (le facce dei manifestanti sono state oscurate per rispetto della privacy) Ni Weijun/DEApress
Edoardo Todaro . 18 Gennaio 2021
    Christian Frascella: “ CADAVERI A SONAGLI “ Cristian Frascella accantona il suo personaggio di successo, il detective Contrera, e rimanendo all’interno del genere, il nor, passa completamente ad altro. Dall’accentrare l’attenzione ...
DEApress . 17 Gennaio 2021
Pubblichiamo come DEApress un’interessante intervista di Sara Ortega  al giovane regista palestinese  Ameen Nayfeh per il sito palestinalibre .org . IL suo film di esordio “200Meters” parla della tragedia che molti palestinesi vivono nel te...
DEApress . 16 Gennaio 2021
La Fondazione Italiana Bioarchitettura  esprime soddisfazione circa l'esito della risposta del Ministero sulla richiesta di intervento sullo Stadio Franchi. Soddisfatti perché l'applicazione delle nuove disposizioni di legge hanno trovato da par...
Ni Weijun . 16 Gennaio 2021
Continuano le scoperte archeologiche in cina. Un anno fa un gruppo di tombe appartenenti alla nobiltà dello stato di Zeng e risalenti al Periodo delle Primavere e degli Autunni, tra il 770 e il 476 a.C., rinvenute nella provincia centrale dello Hubei...

Galleria DEA su YouTube