DEApress

Thursday
Dec 01st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La schiavitù continua "ex lege" in Louisiana

E-mail Stampa PDF

Flag of Louisiana.svg

(bandiera dello stato della Louisiana)

Il tredicesimo emendamento della costituzione degli Stati Uniti recita: "Né la schiavitù né la servitù involontaria, tranne che come punizione per un crimine per il quale la parte è stata debitamente condannata, esisteranno negli Stati Uniti o in qualsiasi luogo soggetto alla loro giurisdizione". Questo emendamento "evolve" dal "proclama di emancipazione" -del 1862- in cui Lincoln durante la guerra di secessione americana, a seguito del successo nordista nella battaglia di Antietam liberò gli schiavi degli stati secessionisti (1).

Questo "lasciava fuori" gli stati del Kentucky, Missouri, Maryland e Delaware; stati che non avevano preso parte alla secessione, ma dove dove la schiavitù "economica" era legale. Questa anomalia venne parzialmente corretta nel 1865 con il tredicesimo emendamento (2). Al di là della lentezza con cui anche formalmente gli stati "recepirono" questo emendamento, esso comunque ammetteva la possibilità della schiavitù a seguito di una condanna giudiziaria. A seconda della legislazione dei vari stati, la schiavitù "per condanna"  è stata possibile fino ad oggi (e come vedremo è ancora attualmente possibile ad es. in Louisiana). In 5 stati (Alabama, Louisiana, Oregon, Tennessee e Vermont), lo scorso 8 Novembre gli elettori si sono pronunciati anche su questo tema. Questo non è solo un problema formale; in molte prigioni Usa (molte gestite da aziende private) infatti questo “problema giuridico” viene usato come scusante per estorcere ai detenuti del lavoro sottopagato o non pagato affatto (3) .

Come è noto, e come è stato più volte denunciato anche da fonti non proprio "rivoluzionarie" gli Stati Uniti hanno il tasso di incarcerazione più alto del mondo, pari a 666 detenuti ogni 100 mila abitanti (4). Stati che vengono normalmente giudicati tra i più repressivi come la Corea del Nord, hanno paradossalmente una percentuale della popolazione nelle prigioni sul totale degli abitanti molto minore di quella della “culla della democrazia”.

Si calcola che attualmente circa 800,000 persone siano sottoposte (sia di fatto, che “ex lege”) a questa forma di schiavitù (5). E' difficile quindi giustificare le pretese statunitensi di avere "qualcosa da insegnare" al resto del mondo in tema di diritti. Paradossalmente su questo tema, gli Stati Uniti si trovano oggi “dietro” alla Mauritania, che è stato l’ultimo paese a abolire formalmente (ma completamente) la schiavitù nel 1981.

Due giorni fa, mentre in Alabama, Oregon, Tennessee e Vermont gli elettori hanno votato per bandire anche queste residue forme di schiavitù, in Louisiana 6 elettori su 10 hanno votato per il proseguimento della pratica (6).La maggior parte della popolazione incarcerata è “di colore”. Quindi i discendenti degli schiavi delle piantagioni della Louisiana si trovano oggi a lavorare in schiavitù esattamente come i loro antenati.

Fabrizio Cucchi/DEApress


(1)https://it.wikipedia.org/wiki/Proclama_di_emancipazione
(2)https://it.wikipedia.org/wiki/XIII_emendamento_della_Costituzione_degli_Stati_Uniti_d'America
(3)https://www.bbc.com/news/world-us-canada-63338784
(4)https://www.antigone.it/tredicesimo-rapporto-sulle-condizioni-di-detenzione/01-politiche-internazionali/#:~:text=Il%20tasso%20di%20detenzione%20degli,il%209.7%20della%20popolazione%20reclusa.
(5)https://www.aclu.org/report/captive-labor-exploitation-incarcerated-workers
(6)https://www.bbc.com/news/world-us-canada-63578133

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

simone fierucci . 30 Novembre 2022
Proteste in Cina Paolo Beffa per la Redazione di Contropiano L’incendio di Urumqi Il 24 Novembre è scoppiato un incendio in un condominio di Urumqi, la capitale della provincia dello Xinjiang. 10 persone sono morte nell’incendio. Rapi...
Silvana Grippi . 30 Novembre 2022
Galleria DEA onlus in Via Alfani 16/r Firenze  Mercatino di Solidarietà per finanziare Edizioni DEA   1 dicembre 2022 - 5  gennaio 2023 Info: redazione@deapress.com
Fabrizio Cucchi . 30 Novembre 2022
L'Agenzia DEApress, su decisione dell' Assemblea della Redazione DEA e DEApress, sostituisce il Capo Redattore dott. Samuele Petrocchi con la dott.ssa Silvana Grippi. "Accetto questa carica in attesa di un nuovo caporedattore che sappia guidarci" -...
DEAPRESS . 29 Novembre 2022
Si è aperta la campagna di tesseramento di D.E.A. e DEApress 2023. L'iscrizione al gruppo da diritto ai servizi offerti con un contributo di 20 euro e permette di scrivere articoli su DEApress, con possibilità di accredito e di lavoro di stampa pr...
Silvana Grippi . 29 Novembre 2022
I tatuaggi vanno di moda ma spesso reinterpretano quelli del passato. Come i geroglifici molte interpretazioni sono da ricercarsi come archeologia del passato. Eccovi una credenza utile tradotta da un antropologo di cui non ricordo il nome: Le parol...
DEAPRESS . 29 Novembre 2022
      Foto di Silvana Grippi Oggi, dopo una lunga pausa, sono finalmente tornato al mio posto di lavoro. Ora sto scrivendo, e mi sento come se fossi arrivato da un lungo viaggio: viaggio non di "piacere", poiché l'ennesima rica...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
Riceviamo e pubblichiamo:"Domenica 4 dicembre torna la Domenica Metropolitana Domenica 4 dicembre torna la Domenica Metropolitana, giornata nella quale tutti i residenti della Città Metropolitana di Firenze potranno visitare gratuitamente i musei cit...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
  L'Associazione Novoli Bene Comune e la Casa Editrice D.E.A. presentano: Presentazione del libro "La storia infinita, l'Urban Center di Novoli" di Alberto di Cintio. Presso Le Murate, Caffè Letterario   Interverranno: L'autore Albe...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
Il 15 dicembre 2022, presso la Biblioteca delle Oblate di Firenze, si terrà la presentazione del libro: "Io e Cencio. Il movimento degli Arditi del Popolo dal 1919 al 1922"di Pierluigi Gatteschi a cura del centro socio-culturale D.E.A. e dell'A.N...

Galleria DEA su YouTube