DEApress

Sunday
Jan 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Terra 3.0 - 24/03/11

E-mail Stampa PDF

Terra 3.0: l'ultima speranza per salvare il pianeta

 

In questi giorni il nostro pianeta è stato colpito da due gravi eventi (o meglio, due gravi eventi hanno raggiungo rilevanza nei mass media, di disastri e massacri come al solito ce ne sono molti altri in contemporanea ma evidentemente con meno appeal). Un terremoto con tsunami e catastrofe nucleare da una parte, una guerra civile con massacri e bombardamenti dall'altra. Ad unire i due eventi, oltre al dramma umano si trova un altro tema, quello dell'energia, che costringe a riflettere attentamente sul futuro della Terra.

Giappone e Nucleare: certe cose non si possono evitare. Soprattutto se ci si trova sulla cintura di fuoco del Pacifico. E così il Giappone, paese tecnologicamente evoluto, abituato ai terremoti e dotato dell'edilizia più sicura dal punto di vista sismologico, ha dovuto piangere quelli che ormai si prospettano più di 10 mila morti, in massima parte dovuti all'inarrestabile tsunami. Oltre a questa disgrazia il Giappone ha dovuto affrontare il terzo problema, la centrale nucleare di Fukushima, che danneggiata dalla furia della natura ha tenuto con il fiato sospeso tutto il mondo. I pericoli dovuti agli atomi radioattivi che si sono diffusi nell'atmosfera a causa delle esplosioni dovute all'accumulo eccessivo di idrogeno, sono nulli. Ma il disastro è stato evitato solo grazie al sacrificio di enormi quantità di energia, soldi e purtroppo, probabilmente anche di vite umane: tecnici che sono rimasti a lavorare per scongiurare il peggio in luoghi dove le radiazioni superavano di gran lunga la soglia di pericolo di morte. E' bene dire le cose come stanno: un disastro nucleare come quello di Chernobyl è impossibile che si ripeta. Come è bene dire che il numero di persone morte a Chernobyl è circa il numero di persone che muore ogni anno in pianura Padana a causa dell'inquinamento. La verità è che in teoria la fissione nucleare è sicuramente un metodo di produzione energetica più pulito e più sano rispetto alla combustione di idrocarburi. Ma il nucleare ha un grosso problema appunto, che non è la sicurezza, bensì i costi della sicurezza. E' praticamente impossibile che centrali di nuova generazione possano creare disastri o ecatombi. Ma questa sicurezza ha un prezzo. Ed è un prezzo enorme, appunto. Il nucleare si porta dietro una zavorra di proporzioni incalcolabili, tra sistemi di sicurezza super sofisticati, sforzi sovrumani per costruire le nuove centrali, e sforzi ancora più enormi per stoccare le scorie. Per non parlare delle difficoltà di convincere le popolazioni ad accettare le centrali e i luoghi di stoccaggio. E poi la materia prima, l'uranio, l'unica risorsa veramente non rinnovabile del pianeta, che va trovato scavando miniere, comprato dai produttori, trattato, trasportato, tutto con i massimi criteri di sicurezza. E l'ultimo piccolo problema: tra poco l'uranio finirà, è una questione di decenni. "Prima usciamo dal nucleare, meglio è." Parola di Angela Merkel.

Pensare di mettersi a costruire ora nuove centrali in Italia è pura follia.

Libia e Petrolio: la rivolta per il pane e la democrazia infiamma il Mediterraneo. I tunisini si rivoltano, l'occidente (come esigono le buone maniere) si schiera con i ribelli, i ribelli vincono e abbattono il governo corrotto e dittatoriale. Poi tocca agli egiziani che si rivoltano, l'occidente si schiera con i ribelli, i ribelli vincono e abbattono il governo corrotto e dittatoriale. Ora tocca ai libici a ribellarsi, l'occidente si schiera con i ribelli, i ribelli perdono. Ops! Che sfortuna! Gheddafi infatti se l'è presa a male e sentenzia: “non vi do più il petrolio a voi occidentali traditori!” Gli occidentali rimangono spiazzati per un paio di giorni, poi iniziano a piovere le bombe sulla Libia. Tutto già visto. Quasi noiose queste guerre per il petrolio. Eppure continuano a susseguirsi e continueranno a farlo finché ci sarà bisogno di petrolio. Il petrolio, una simpatica sostanza che uccide e distrugge in mille modi. Per lui si muore uccisi in una battaglia per conquistarne un pozzo e si muore in un letto di ospedale con i polmoni pieni del particolato prodotto dalla sua combustione. Il petrolio è una maledizione, così poco costoso in termini di denaro e così terribilmente costoso in termini di vite umane.

Pensare di continuare a fondare la politica energetica italiana sul petrolio è pura follia.

L'uomo ha due grandi fortune: la prima è una centrale a fusione nucleare che in un'ora fornisce alla Terra l'energia che l'intera umanità consuma in un anno (e non è pericolosa perché è lontana 150 milioni di chilometri da qui). La seconda è un organo in dotazione a ognuno di noi (anche se a volte non sembra) che ci permette di capire ed usare questa energia. Queste due fortune sono il Sole e il cervello. Usiamoli.

24/03/11

Cosimo Biliotti

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 25 Gennaio 2020
Donna dogon che mi ha svelato i segreti delle stelle nel cielo  foto silvana grippi   
DEApress . 24 Gennaio 2020
TEATRO DI RIFREDI da martedì 28 gennaio a domenica 2 febbraio(feriali ore 21 – domenica ore 16:30) Tedavi ‘98 CAMERINI scritto e diretto da    Alessandro Riccio con  Miriam Bardini, Maravillas Barroso, Cele...
DEApress . 24 Gennaio 2020
Invito al prossimo incontro per la       ‘Piccola opera nella valle del torrente Terzolle’    giovedì 30 gennaio alle 17 all’SMS di Serpiolle.     Segnaliamo anche questa opportunità di escu...
DEApress . 24 Gennaio 2020
RONINIL “BRUTO MINORE TOUR” FA TAPPA A ROMASABATO 25 GENNAIO IN CONCERTO AL “FANFULLA 5/a”ore 22.00 – ingresso con tessera Arci   Sabato 25 gennaio il “BRUTO MINORE TOUR” dei RONIN farà tappa a ROMA. La band, infatti, suonerà al Circolo Fanf...
Piero Fantechi . 23 Gennaio 2020
Prosegue la Settimana Palestinese all'Affratellamento Venerdì 24 Gennaio dalle ore 19.30 Aperitivo (contributo libero) e a seguire "Racconti di Viaggio" a cura delle delegazione dell'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese che si è recata i...
Silvio Terenzi . 23 Gennaio 2020
Marcello Parrilli“Moderne Solitudini” “La resa” - Official HD Torniamo nella nostra terra toscana, torniamo tra le righe di questa scena di cantautori che ormai ci hanno abituato a grandi scritture e a contenuti tutt’altro che pop e scontati come...
DEApress . 23 Gennaio 2020
ASSOCIAZIONE ARCHEOSOFICA  SEZIONE DI SIENA  Dal 25 gennaio l’Associazione Archeosofica di Siena propone un ciclo di quattro conferenze ad ingresso gratuito che offrono una singolare lettura della città.  Fra arte e storia, un v...
DEApress . 23 Gennaio 2020
GIORNATA DELLA MEMORIA "DER BOXER", IN SCENA LA STORIA DI JOHANN TROLLMAN IL PUGILE ZINGARO CHE SFIDÒ IL TERZO REICH Di e con Michele Vargiu, dal 24 AL 26  gennaio a Roma al Teatro Kopo'...
DEApress . 23 Gennaio 2020
Segnaliamo l'articolo di Sara Munari sulla prossima biennale di fotografia femminile a Mantova. 16 GENNAIO 2020 / SARAMUNARI L’Associazione culturale La Papessa organizza la Biennale della Fotografia Femminile dal 5 a...

Galleria DEA su YouTube