DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Redazionale: su questioni di violenza e di genere

E-mail Stampa PDF

Quando si presentano casi di femminicidio come quello di Giulia Cecchettin, la ragazza barbaramente assassinata dal fidanzato Filippo Turetta, dal mondo maschile si leva solitamente un coro, che dice più o meno "non siamo tutti così", che avanza pretese di gentilezza, cortesia e cavalleria. Quasi un'autodifesa automatica che circola immancabilmente nei post e nei commenti social così come nelle chiacchere da bar. 

Questa difesa, però, manca il punto centrale della questione. Ed è la sorella della vittima, Elena Cecchettin, a ribadire questo punto, in una lettera pubblicata dal Corriere del Veneto:«Viene spesso detto «Non tutti gli uomini». Tutti gli uomini no, ma sono sempre uomini [a compiere questo tipo di violenze, n.d.r.]. Nessun uomo è buono se non fa nulla per smantellare la società che li privilegia tanto».
Elena Cecchettin inquadra la situazione in un panorama più generale, dimostrando lucidità e capacità di analisi ammirabili considerando il lutto di questi giorni: il femminicidio non è un delitto passionale, ma un delitto di potere, e il femminicida non è un mostro, non è un'eccezione. Come i movimenti femministi (Non Una Di Meno in testa) sostengono da anni, egli è "figlio sano del patriarcato", il prodotto estremo di una cultura che si esprime anche nei gesti quotidiani e in atteggiamenti che possono sembrare innocui e banali. 

Smantellare questa cultura significa affrontare un lungo lavoro che si dipana su almeno due piani.
Il primo piano è quello politico e sociale, che consiste nel riconoscere nel femminicidio l'esito estremo di una violenta e capillare dinamica di potere sottesa alla concezione tradizionale del rapporto tra uomo e donna. Come commenta Lucia Secchi Tarugi (avvocata e coordinatrice della Commissione pari opportunità del CNF), ci troviamo di fronte a «un modello socio-culturale, in cui la donna occupa una posizione di subordinazione, divenendo soggetto discriminabile, violabile, uccidibile» e che riproduce all'interno delle coppie e delle famiglie la stessa dinamica di oppressione che investe la società in genere. Questo modello può e deve essere combattuto non solo tramite l'intervento legislativo (che in questo periodo sembra orientato a iniziative di stampo securitario che non centrano la radice del problema), ma anche e soprattutto attraverso un minuzioso lavoro sociale quotidiano, rivolto alla protezione delle donne e all'educazione dei giovani e degli uomini. Da questo punto di vista, le richieste mosse dai movimenti e dalla base sono le stesse da anni: fornire più risorse a centri anti-violenza e strutture con fini simili, e istituire percorsi di educazione sessuale ed affettiva all'interno delle scuole, così da diffondere un nuovo tipo di cultura e un nuovo modo di pensare nelle ragazze e, soprattutto, nei ragazzi.

L'altro è quello personale, interno ad ogni uomo, che consiste in un riconoscimento della condizione privilegiata assegnatali dalla società e dalla cultura dominante. A questo fine, la risposta del "non siamo tutti così" appare come una difesa retorica decisamente inadeguata. Gli uomini dovrebbero, al contrario, rivolgersi a loro stessi e chiedersi in che modo siano o siano stati "così", in quale misura la violenza e il possesso siano ingranati nel loro atteggiamento nei confronti delle donne e dei più deboli, o comunque di soggettività che si ritrovano ad essere ridotte a un livello subordinato, secondario rispetto al ruolo di padre padrone che la cultura in cui siamo cresciuti ci ha imposto ciò a cui tutti gli uomini dovrebbero aspirare (aspirazione che, del resto, è spesso frustrata, fonte di ansia, senso di inadeguatezza e stress psicologico anche negli uomini).

Unirsi a questa lotta è doveroso, anche per gli uomini. Occorre riconoscere il nostro potere e cederlo, per una società democratica, giusta e priva di ogni tipo di violenza, anche quella più subdola e normalizzata. 

 

La lettera di Elena Cecchettin: 
https://corrieredelveneto.corriere.it/notizie/venezia-mestre/cronaca/23_novembre_20/lettera-elena-cecchettin-a165ccdc-5bd8-4db1-bdaf-963424ba0xlk.shtml?refresh_ce

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 21 Novembre 2023 11:54 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube