DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La crisi infinita

E-mail Stampa PDF

Dall'Italia dei partiti alla Nazione popolare, dall'Europa delle banche agli Stati Uniti d'Europa /

Ormai sono decenni, forse secoli che la parola crisi è entrata nel lessico e nello sforzo comune di noi cittadini incantati. Incantati dalle nostre grandi conquiste che negli anni e nei secoli sono costate lacrime e sangue e giornate di indicibile dolore, ma anche di gioia immensa per quanto siamo riusciti a prendere, perché solo di questo alla fine si può parlare, delle cose prese malgrado le avverse forze e i grandi poteri che ci hanno combattuto. 

Ma sovviene l'idea che tutto questo non sia bastante, se dopo una grande lotta partigiana caduti il fascismo e la monarchia, questa repubblica stenta a diventare Res-pubblica in favore delle genti di questo Paese. Molti sparlano di Costituzione e non siamo lontani da festeggiarne il 76° anniversario, così come andiamo incontro all'anniversario della Liberazione che è il 77° mentre quasi tutto quello che sembra certezza è in bilico e sembra di prossima caduta. 

Purtroppo in questo nostro Paese così come non c'è stato un Tribunale per il fascismo non c'è stata nenache una riflessione di quanto accaduto a Yalta nel 1945 quando le potenze alleate vincitrici sul nazi-fascismo infame si divisero il Mondo e l'Italia vide restaurate le forze che l'avevano condotta al disastro. Una troppo grande area di impunità e di riabilitazione di personaggi che erano stati complici e in alcuni casi fautori di quel ventennio distruttivo, venne mantenuta e nel silenzio generale instaurata. 

Certune leggi non furono cambiate ed altre furono mantenute apposta per rispettare i nuovi equilibri internazionali che andarono a formarsi, ri-creando una lotta tra oriente e occidente. (la parabola di Osiris, il ruolo di Costantinopoli, le guerre in Asia, niente cambia perché tutto resti com'è) 

Quando nel 1989 l'Europa dell'est giunse al collasso e quell'abortito comunismo rese le armi alla Storia, nel nostro paese le forze e le persone che fino a quel momento avevano cantato le lodi del “sistema sovietico” che in troppi chiamavano e chiamano Comunismo, niente fecero per “scusarsi” col Mondo e con i propri elettori e simpatizzanti. Provarono a darsi una rinfrescata permettendo così nel 1994 la presa di possesso dello Stato da parte di consorterie terziste e impresa mafiosa, faziosa.

I moderati pieni di parole d'ordine tra cui : “ niente prigionieri “ e vanagloriosa forza economica capaci di imporre con forza leggi ad personam e uomini pagati come fosse lo Stato una S.p.A. 

Anche il presente Presidente della Repubblica Italiana che ancora nel 1956 mentre l'Ungheria sacrificava se stessa e i propri cittadini, il “migliorista” Napolitano cantava lodi del sistema repressivo dell'URSS confondendo una grande potenza imperialista con la “patria della Giustizia e del benessere popolare”; e niente in seguito l'ex Presidente della Camera, il Ministro ombra della Giustizia, il garante dell'Unità Nazionale e del compromesso storico ha detto per “scusarsi” dell'errore storico, umano e filosofico compiuto. Così come controfirmò leggi capziose del Governo para-fascista P.d.L. 

In questa patria del silenzio oggi il Presidente degli italiani ( di tutti??) esautora il Parlamento e commissaria ogni organo di discussione politica, così instaurando una ex- democrazia che purtroppo è debole come la maggioranza che cerca di appoggiare il Governo Monti. Il professore della Bocconi è diventato in un mese prima Senatore a vita e poi “arruolato” nelle forze speciali di Napolitano per salvare un Paese, il nostro, che di altro avrebbe bisogno. 

Il silenzio che parte dal Quirinale si è esteso ai Consigli Regionali e ai Consigli Comunali ed è talmente alto da essere fragoroso. I partiti politici sono alle prese con denunzie e inquisizioni da parte della Magistratura per ruberie e prepotenze partitiche varie, trovano nel presidente della Repubblica il garante indefesso, il paladino del “volemose bene” che continuamente rimanda, ritardando qualsiasi tentativo dal basso e per ciò dei cittadini, che sono il copro elettorale della nazione, e per ciò gli unici veri garanti e depositari di questa fragile democrazia nata dalla Resistenza. 

La mancanza di vere riforme illude e impedisce all'Italia e agli italiani di sentirsi ed essere “veri cittadini di Europa “. Non è solamente l'euro, questa incerta moneta continentale, il collante di una unità politica ed economica, che è speranza e progresso del nostro continente.     Questa unità bancaria deficitaria che serve a poco ma che non dobbiamo fare cadere anche se è andata a sostituire la volontà di Spinelli e dei princìpi dichiarati nel “manifesto di Ventotene” che auspicava la nascita e il federalismo delle nazioni, così da creare gli Stati Uniti d'Europa. 

Se vogliamo che questa unità avvenga dobbiamo imporla con forza alla Nazione e chiederla con grande unità di intenti ai pochi “uomini politici” ancora presenti nel nostro Parlamento, e se questi non basteranno si vada ad eleggerne altri che veramente ci rappresentino e che possano portare questa grande unità di intenti all'attenzione generale.

La Grecia, la Spagna? Tutta l'Europa è vicina al collasso e non saranno le mene dei banchieri e dei professori bocconiani a salvarla, a salvarci.       Se così non avviene solamente due strade diventeranno possibili:

a) Una restaurazione contro-riformista delle forze di destra che rappresentano il capitale e le banche; che salveranno se stesse e le istituzione che le garantiscono ( e che hanno permesso questa ultima crisi finanziaria).

b) Una potente forza rivoluzionaria che dovrà imporre un altro sistema economico e sociale, che cambierà e attuerà la Costituzione, che imporrà scelte forti chiarendo che le politiche “lacrime e sangue” è giunto il tempo le paghino quei “poteri forti” che da sempre impongono questa eterna crisi infinita e che si sono dimostrate incapaci di risolvere sia i deficit economici che i problemi della rappresentanza e quelli sociali di cittadinanza. 

walter maccari

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 18 Aprile 2012 15:33 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Ottobre 2020
Antonella è stata sfrattata dalle case delle Minime e oggi un centinaio di sostenitori si sono riuniti in Piazza Signoria per manifestare sdegno e per darle solidarietà con un intervento del Targetti per spiegare l'accaduto del 21 ottobre 2020. &nbs...
DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...

Galleria DEA su YouTube