DEApress

Wednesday
Jan 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Un Landai per Malalai

E-mail Stampa PDF

 

UN LANDAI PER MALALA

Iimmagine_malalai.png

 

Essere giornalisti in Afganistan è pericoloso:essendo costantemente minacciati escono per le inchieste da soldati, con giubbetto antiproiettile ed elmetto, ma queste protezioni non sono spesso sufficienti, perché i cronisti scomodi vengono fatti saltare in aria da bombe collocate nelle loro auto.

Anche alle donne è riservata questa tragica fine, lo testimonia il destino di molte giornaliste afgane, tra le quali ricordiamo Malalai Maiwand, di soli 25 anni, che è stata uccisa con colpi di armi da fuoco a Jalabad, il 10 dicembre 2020. L l’ISIS ha rivendicato l’omicidio.

Malalai era una nota giornalista, conduttrice del notiziario della radio televisione ENIKASS, un canale privato per il quale lavorava da 8 anni. Ma la giovane era anche una coraggiosa attivista per i diritti delle donne: A Jalabad era rappresentantedelCentro per la protezione delle giornaliste afgane,perchéin questo paese dominato dal fondamentalismo, le croniste donne sono ancora più vulnerabili, vittime di discriminazioni, intimidazioni, abusi.

Malalai denunciava le crudeltà della guerra e la corruzione della politica,che vedeva ogni giorno nel suo paese martoriato, violazioni che non risparmiano neppure i bambini, che vengono uccisi anche quando sono a scuola o raccolti in preghiera. Sapeva che per questo avrebbe messo a rischio la sua vita. Sua madre, anche lei un’attivista, nel 2015 era stata uccisa dai cecchini, e c’è chi sostiene che la sua morte fosse stata voluta anche dai suoi familiari, che non sostenevano le sue istanze di giustizia. Malalai è la decima giornalista nel 2020 ad aver pagato con la vita la dedizione al suo lavoro, la terza in meno di un mese.

Con la sua morte il campo di azione per le donne si riduce ulteriormente e i colleghi vengono silenziati.

Il suo lavoro alla radio era importantissimo, perché la radio da’ voce alle telefonate delle ascoltatrici, che sono spesso analfabete. E che, per scrivere o recitare le poesie rischiano molto, persino di essere uccise. Per questo, senza rivelare la propria identità, le donne denunciano la loro situazione di oppressione,in forma sibillina e poetica, con versi composti spesso oralmente e tramandati segretamente di donna in donnamentre si riuniscono per i lavori domestici.

Sulle ondein tal modo vibrano i componimenti tradizionali delle poetesse afgane, i landai, che sono distici attraverso i quali le donne -spesso ragazzine- raccontano lapropria vita nelle gabbie della famiglia patriarcale. Brevi frasi, clandestine, dettate al telefono in anonimato e recitate via radio con la voce della disperazione e del sarcasmo, ma proprio per questo assumono un significato politico straordinario.

Spinte dall’ascolto dei landai alla radio altre donne decidono di fare altrettanto, raccontando la propria schiavitù e i propri desideri di libertà.

Dedico a Malalai un landai di Meena Muska, scritto a 17 anni:

"Sono un tulipano nel deserto, muoio prima di sbocciare

e le onde della brezza del deserto soffiano via i miei petali"

 

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Gennaio 2021
Il CENTRO STUDI D.E.A onus è a disposizione di Studenti, Laureandi, Laureati, Dottorandi e Ricercatori.   Scrittori, Free Lance, Artisti e Creativi Per info redazione@deapress.com
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:   Buongiorno, inviamo, in allegato, il comunicato stampa relativo alle riaperture degli spazi delle Gallerie degli Uffizi e alcune immagini sulla riapertura del Giardino di Boboli di oggi. Il Giardino di Boboli...
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
In Sicilia, dal VIII al X secolo d.c., la poesia ha svolto un ruolo importante, alcune fonti ricordano come i sovrani e i ceti benestanti si appropriarono di questa forma di cultura popolare e la fecero diventare mezzo di esaltazione del potere ad op...
Ni Weijun . 18 Gennaio 2021
Sono state avvistate circa 400 cicogne nere in una riserva naturale inTibet, ai confini della Cina. Questo animale è molto raro e in pericolo di estinzione, anche a causa della caccia e della distruzione dell'ambiente naturale. Si stima che ne siano ...
Ni Weijun . 18 Gennaio 2021
             (le facce dei manifestanti sono state oscurate per rispetto della privacy) Ni Weijun/DEApress
Edoardo Todaro . 18 Gennaio 2021
    Christian Frascella: “ CADAVERI A SONAGLI “ Cristian Frascella accantona il suo personaggio di successo, il detective Contrera, e rimanendo all’interno del genere, il nor, passa completamente ad altro. Dall’accentrare l’attenzione ...
DEApress . 17 Gennaio 2021
Pubblichiamo come DEApress un’interessante intervista di Sara Ortega  al giovane regista palestinese  Ameen Nayfeh per il sito palestinalibre .org . IL suo film di esordio “200Meters” parla della tragedia che molti palestinesi vivono nel te...
DEApress . 16 Gennaio 2021
La Fondazione Italiana Bioarchitettura  esprime soddisfazione circa l'esito della risposta del Ministero sulla richiesta di intervento sullo Stadio Franchi. Soddisfatti perché l'applicazione delle nuove disposizioni di legge hanno trovato da par...
Ni Weijun . 16 Gennaio 2021
Continuano le scoperte archeologiche in cina. Un anno fa un gruppo di tombe appartenenti alla nobiltà dello stato di Zeng e risalenti al Periodo delle Primavere e degli Autunni, tra il 770 e il 476 a.C., rinvenute nella provincia centrale dello Hubei...

Galleria DEA su YouTube