DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'impronta sul Patrimonio dell'Umanità

E-mail Stampa PDF

Monastero_of_Hripsimian_Virgins_Ani_Armenia-Turchia-archeologia-sito-unesco-patrimonio-umanità-620x388.jpg

Monastero della Vergine Hripsimian Ani ArmeniaTurchia

La Convenzione del Patrimonio Mondiale è stata istituita nel 1972 dall’Unesco al fine di garantire le risorse naturali e culturali più importanti del mondo. La convenzione ha lo scopo di tutelare i luoghi con eccezionale valore universale che trascendono i confini nazionali, e che si intendono tutelare per il futuro. Questi luoghi sono considerato Patrimonio dell’Umanità , il più alto riconoscimento a livello mondiale (UNESCO, 2015). L’attenzione ai cambiamenti ecologici è fondamentale per la loro conservazione, e il rapporto pubblicato su Biological Conservation redatto da ricercatori dell’Università del Queensland richiama l’attenzione sui rischi che l’impronta umana sta determinando sull’ambiente. Dal 1993 ad oggi la pressione, che prende in riferimento parametri come urbanizzazione, industrializzazione, e perdita di aree verdi, è aumentata del 63% in tutti i continenti ad eccezione dell’Europa. La più marcata impronta umana si rileva in Asia. I Paesi che ospitano questi siti sono, secondo la Convenzione, direttamente responsabili per la conservazione dei luoghi, e devono documentare il loro stato alle Nazioni Unite. Sono oltre 190 i paesi firmatari della Convenzione, che si sono impegnati a conservare i siti Patrimonio dell'Umanità. Se la condizione ed il valore di un sito vengono compromessi, la sua posizione nella lista del Patrimonio mondiale può essere revocata e il Paese ospitante vedrebbe negato l’accesso al Fondo Mondiale dell’Unesco e perdere le opportunità di sviluppo. Questo prevede la stesura di un rapporto dettagliato ogni 6 anni, il monitoraggio coordinato dall’Unesco. Il rapporto di cui parliamo ritiene che rafforzare con modalità più scientifiche la rilevazione dello stato dei luoghi, potrebbe favorirne una migliore conservazione del tempo. Il grado di impronta umana è aumentato molto più lentamente rispetto alla media mondiale, in aumento dell'1,7% tra il 1993 e il 2009, rispetto alla crescita globale del 9%. Nella maggior parte dei casi gli incrementi erano piccoli; tuttavia, 14 siti (15%) sono stati oggetto di un sostanziale aumento della pressione umana come Il Manas Wildlife Sanctuary in India che ha subito il maggiore aumento dell’ indice di 5 punti con un punteggio di 17 arrivando ad essere il sito più altamente modificato dall’uomo. Anche il Parco Nazionale di Komodo in Indonesia ha subito una crescita di 4 punti.

Ma vanno ricordate anche diminuzioni notevoli che si sono rilevate nella Foresta Sinharaja in Sri Lanka, e Hierapolis-Pamukkale e Göreme National Park in Turchia, il cui indice è diminuito rispettivamente del 7, 6,5 e 4.

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 09 Febbraio 2017 13:06 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Ottobre 2020
Antonella è stata sfrattata dalle case delle Minime e oggi un centinaio di sostenitori si sono riuniti in Piazza Signoria per manifestare sdegno e per darle solidarietà con un intervento del Targetti per spiegare l'accaduto del 21 ottobre 2020. &nbs...
DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...

Galleria DEA su YouTube