DEApress

Thursday
Apr 02nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'epidemia non ferma "la grande guerra contro gli alberi"

E-mail Stampa PDF

Nonostante le misure di quarantena, la “grande guerra contro gli alberi” da parte di svariate amministrazioni comunali continua “come se nulla fosse”. Venerdì scorso il sito “The submarine” (1) denunciava che nella Milano sconvolta dall’epidemia, si erano -malgrado tutto- trovate la forza e la volontà di abbattere 80 pioppi senza bisogno che ci fossero le famose “ragioni comprensibili”. I cittadini hanno lanciato una petizione di denuncia. La stessa fonte riporta l’ulteriore progetto di abbattere ben 95 platani a Sesto San Giovanni.

Italia Nostra (2) denuncia invece analoghe azioni da parte dell’amministrazione comunale fiorentina, del resto non nuova a simili imprese. Sembra però che la poco invidiabile palma di essere stati i primi cronologicamente a avere l’idea che il periodo di quarantena fosse quello ideale (probabilmente perché i problemi del virus, ponendo in secondo piano tutto il resto, rendono più difficili e meno incisive le eventuali proteste dei cittadini) per dedicarsi all’ascia e alle motoseghe, spetti all’amministrazione locale di Sorrento (3), che agiva in tal senso già il 12 Marzo.

Quindi possiamo concludere che il problema è di rilevanza nazionale, e non si può semplicemente accantonare come “storia locale”. Ora le domande che chi scrive personalmente si pone sono queste: come si può considerare l'abbattimento degli alberi delle città, come un’attività essenziale da continuare assolutamente anche durante questo periodo di “reclusione per (quasi) tutti” ? Non potremmo quantomeno posporre le azioni più insensate?

Fabrizio Cucchi, DEApress

(1)https://thesubmarine.it/2020/03/20/goccia-alberi-quarantena/

(2)https://www.toscanachiantiambiente.it/firenze-le-motoseghe-non-vanno-in-quarantena-italia-nostra-scrive-a-nardella/

(3)https://www.positanonews.it/2020/03/sorrento-claudio-desposito-wwf-le-norme-sul-coronavirus-non-fermano-taglio-degli-alberi/3369750/

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 24 Marzo 2020 18:27 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Marco Ranaldi . 31 Marzo 2020
Con questa prima intervista intendo portare all'attenzione del lettore quello che diversi uomini di intelletto mi hanno detto. Si tratta di una sorta di memoria collettiva di questo tempo, una necessità di narrare attraverso una visione metalinguisti...
DEApress . 31 Marzo 2020
    Vedere in questi giorni le strade cittadine di una Italia isolata e abbandonata è una immagine desolante che, per quanto necessaria, anticipa e determina una crisi nella crisi. Una economia nazionale già penalizzata da sacrifici e lim...
DEApress . 30 Marzo 2020
Riceviamo e pubblichiamo dal Csa Next-Emerson: "NON C’È NESSUNA GUERRA… …a parte le solite. La retorica di guerra che caratterizza la questione corona virus rende la realtà confusa, edulcorata, pericolosa.La guerra è una situazione nella quale le p...
DEApress . 30 Marzo 2020
Silvana Grippi . 30 Marzo 2020
  Ecco una foto fatta da Francesca Dari durante un reportage in Tunisia per le elezioni di ottobre 2011. Andammo speranzose per vedere un popolo in festa, invece.....Ennahda ottenne 52 seggi sui 217 e ancora oggi mi domando perché, in quanto ...
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Associazione DEAonlus  L'  Agenzia di stampa  deapress è gratuità   Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  a servizio di coloro che lottano per i diritti ...
luca grillandini . 28 Marzo 2020
Silvana Grippi . 28 Marzo 2020
Stiamo perdendo i giorni ma non la speranza. Ce la faremo! 

Galleria DEA su YouTube