DEApress

Thursday
Apr 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

E allora le foibe?

E-mail Stampa PDF

Sull'onda del revisionismo storico, ormai "in voga" da alcuni anni, il governo guidato da una ex missina non poteva che accentuare la deriva vittimistica delle vicende del "fronte Orientale". Omettendo i fatti storici, primo su tutti la guerra di aggressione dell'Italia fascista e monarchica contro le popolazioni Balcaniche, gli eredi del fucilatore di partigiani Almirante tentano in tutti i modi di far passare anche nelle scuole una narrazione completamente avulsa , appunto, dal contesto storico e dalle cause che provocarono altre tragedie post-seconda guerra mondiale. Si falsificano le cifre, si nascondono precedenti crimini, si "premiano" vittime anche se fascisti/e dichiarate si criminalizza il movimento di resistenza dei partigiani italiani e slavi. Si arriva addirittura a mettere in dubbio i documenti ufficiali degli alleati Anglo-Americani che per primi stesero un primo rapporto ( molto ridimensionato sui numeri) sulla vicenda delle foibe. E si minacciano storici, come Gobetti , che da anni ridanno una giusta lettura sui fatti e sui personaggi.

 

I prefetti impongono iniziative sulle foibe in tutte le scuole

Come ai tempi del fascismo,  i prefetti si rivolgono direttamente ai presidi. Dal Viminale solleciti agli istituti per le iniziative sul tema. Anpi: testo “fazioso e strumentale”. Per l’associazione a rischio l’autonomia scolastica

Le prefetture stanno sollecitando scuole e sindaci a promuovere iniziative per commemorare il massacro delle foibe. Come segnala La Repubblica, circolari sono state già inviate, chiedendo un riscontro immediato per permettere ai prefetti, operanti su indicazioni del Viminale e della Presidenza del Consiglio, di avere un quadro delle iniziative.

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, sembra non essere stato coinvolto, almeno in questa fase.

Il “Giorno del ricordo”, fissato per il 10 febbraio dalla legge del 2004, è dedicato alla memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e del confine orientale. Nonostante la commemorazione sia tra quattro mesi, quest’anno si punta a una celebrazione capillare. In particolare, una circolare della prefettura di Potenza ha sottolineato l’importanza di promuovere iniziative educative “presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado” per conservare la memoria di quelle vicende.

Al centro della disputa, l’interpretazione storica e una possibile riformulazione educativa della nazione, promossa dalla destra al governo.

L’Anpi, l’associazione dei partigiani, ha esortato al ritiro delle circolari, definendole “faziose e strumentali”, accusandole di rappresentare una forzatura della verità storica e di violare l’autonomia scolastica. Gianfranco Pagliarulo, presidente dell’Anpi, critica duramente la narrazione unilaterale proposta, evidenziando l’importanza di una rappresentazione accurata e bilanciata degli eventi storici. Non si mettono in discussione le atrocità delle foibe, ma la narrazione come “pulizia etnica” post-armistizio su italiani inermi nei territori a est di Trieste. L’Anpi sottolinea che non solo gli italiani furono colpiti e che non si trattò di pulizia etnica.

Inoltre, l’Anpi rileva che la circolare ignora la complessa vicenda del confine orientale, tra cui l’aggressione italiana alla Jugoslavia del 1941 e la successiva repressione. Questo, secondo l’Anpi, rappresenta una deformazione della storia. Un’altra questione sollevata è la disparità di trattamento tra la Giornata della Memoria della Shoah il 27 gennaio e il Giorno del Ricordo. L’Anpi denuncia una “natura faziosa e strumentale dell’operazione didattica”, che mira a screditare la Resistenza. Infine, l’obbligo di segnalare le iniziative scolastiche alle prefetture viene visto come una violazione dell’autonomia scolastica e della libertà di insegnamento dei docenti, mettendo in evidenza una tensione tra la necessità di educare e quella di preservare l’integrità dell’insegnamento storico.

Fonte : Orizzonte Scuola

Sulla questione Radio Onda d’Urto ha realizzato una trasmissione con gli interventi di Mario Maviglia, presidente della Commissione scuola ANPI Dolores Abbiati e Gianna Fracassi, segretaria nazionale FLC CGIL. Ascolta o Scarica.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
Attraverso la dichiarazione dei redditi è possibile devolvere una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) senza oneri aggiuntivi per il contribuente, pertanto vi invitiamo a devolverlo al nostro Centro sociale e cu...
Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
San Suu Kyi (Birmana) da oggi è fuori dal carcere: è stata trasferita ai domiciliari ma non si sa se è una misura cautelare o un fine pena. Si ricorda che San Suu Kyi ha settantanove anni e ha anche vinto un premio Nobel   
DEAPRESS . 17 Aprile 2024
Oggi scrivo la seconda parte della storia del Forte Belvedere.    Come avevo già anticipato, il Forte Belvedere quel anno era stato completamente riservato per oltre 30 giorni alla futura famosa holding casa di moda Hugo Bos...
DEAPRESS . 16 Aprile 2024
Mi sono trovata come ogni anno ad organizzare il compleanno alla mia bambina. Ricordo vivamente l’emozione quando siamo arrivati a festeggiare il suo primo anno di vita. Per questa data, insieme ad una giovane famiglia, abbiamo affittato una ludoteca...
Nima Shafiei . 16 Aprile 2024
how to save a dead friend "Tutti dicono che la Russia è solo per i russi. Non è vero, la Russia è per i depressi.". Con questo incipit si apre il documentario.al cinema la Compagnia di Firenze, e iniziata la proiezione del docufilm di  Marusya Syr...
DEAPRESS . 15 Aprile 2024
Storia vissuta direttamente . Il Forte Belvedere. Ebbene, anche il Forte Belvedere ho avuto la fortuna (o sfortuna) di conoscere. È stato costruito e finito alla fine del 500, da Ferdinando primo, figlio di Cosimo primo de Medici, per due motivi. Il ...
Fabrizio Cucchi . 15 Aprile 2024
Preoccupa la diffusione del virus Dengue in Europa. Complice il cambiamento climatico, nonchè l'enorme diffusione delle zanzare, che sono il principale "vettore" del virus, non più contrastate da piani programmatici governativi di dimensioni nazion...
DEAPRESS . 15 Aprile 2024
Riceviamo e pubblichiamo: Ha preso avvio il 14 aprile - secondo appuntamento dell’86 Festival del Maggio Musicale - con il concerto del mezzosoprano Teresa Iervolino accompagnata al fortepiano da Francesco Pareti il ciclo di cinque concerti “Sulle a...
Simone Fierucci . 15 Aprile 2024
17 Aprile 2024 09:30 - 21 Aprile 2024 20:00 XVIII edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia che si tiene dal 17 al 21 aprile. Il centro storico della città vedrà quasi 600 speaker provenienti da tutto il mondo, pronti ad...

Galleria DEA su YouTube