DEApress

Wednesday
Jul 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Elena Travaini giudice a Danzainfiera

E-mail Stampa PDF

52384654_10215895106643045_4432835046121930752_n.jpg

Elena Travaini protagonista a Danzainfiera 2019 e giudice

all’Expression International Dance Competition di IDA

La ballerina ipovedente insieme al compagno Anthony Carollo porterà il suo ‘Blindly Dancing’ all’evento più atteso dal mondo della danza con una serie di appuntamenti imperdibili nel corso della kermesse fiorentina.

E a proposito del ruolo di giudice al concorso Expression dichiara: “Sarò giusta ma severa”

“Come giudice ciò che valuterò sarà la visione di insieme, ovvero il messaggio che riuscirò a percepire a livello emozionale; il mio compagno Anthony, invece, terrà conto dell’aspetto della tecnica. Il voto finale sarà la sintesi di questi due giudizi: la vittoria verrà assegnata a chi dimostrerà di avere una marcia in più e, oltre a mostrare una tecnica eccezionale, riuscirà ad instaurare un sincero feeling con il pubblico”.

Per Elena Travaini, ballerina professionista ipovedente dalla tenera età e ideatrice insieme a Anthony Carollo del progetto Blindly Dancing è un vero onore essere giudice a Danzainfiera all’Expression International Dance Competition di IDA, soprattutto nella categoria ‘Danza Inclusiva (Diversamente Abili)’, introdotta per la prima volta quest’anno come novità assoluta della 15° edizione del Concorso.

Sebbene Elena non abbia mai partecipato a competizioni nelle cosiddette ‘sezioni speciali’, sa bene che per certe disabilità motorie tale possibilità è preclusa, ma non per questo il suo giudizio sarà viziato da pietismi: “Anche se con più difficoltà rispetto ad altri, mi aspetto comunque il massimo dell’impegno dai partecipanti nell’affrontare questa sfida; giudicherò in modo ‘giusto e severo’, valutando senza sconti gli stessi criteri presi considerazione in altre categorie”.

Oltre ad essere giudici al Concorso Expression, Elena Travaini e il compagno Anthony Carollo daranno saggio del proprio talento grazie ad una performance sul palco Expression nel pomeriggio di sabato 24 febbraio e saranno protagonisti di Danzainfiera nel pomeriggio di venerdì 23 grazie ad una lezione di ‘Danza al Buio’ in programma al 13.45 al Pad. Spadolini Piano Attico AULA 4 a cui farà seguito una chiacchierata con la stampa ed il pubblico alle 17.45 al Pad. Spadolini Piano Terra Area Press.

Blindly Dancing letteralmente significa ‘ballare ciecamente’ o ‘ballare ad occhi chiusi’, dal 2013 ad oggi ha già fatto danzare al buio oltre 120.000 persone diventando un vero e proprio metodo di insegnamento attraverso il quale gli allievi seguono bendati le indicazioni dei maestri. L’idea di abbattere le differenze nella danza è alla base del progetto: “L’intenzione - spiega Elena – è far comprendere a chi si mette in gioco ballando bendato che non esiste l’abile o il disabile; ognuno di noi ha delle capacità peculiari che non ci devono impedire di fare o non fare qualcosa ma, semplicemente, di farla in modo particolare. Grazie a questo progetto – conclude Elena - negli anni ho potuto sperimentare in diversi contesti come la danza sia una terapia per chiunque, che aiuta a superare le paure e a lavorare su se stessi. La produzione di endorfina conseguente al ballo ha tanti vantaggi: è un ottimo antistress e fa sentire liberi”. Un messaggio forte e chiaro che Elena e Anthony lanciano anche ogni qual volta calcano le scene internazionali con il loro show in cui indossano una mascherina nera sul viso.

Per essere sempre aggiornati sul programma DIF2019: facebook.com/danzainfiera

Danzainfiera 2019:21/24 febbraio 2019, Firenze - Fortezza da Basso | Info: 0574 575618   www.danzainfiera.it - info@danzainfiera.it

Orari: giovedì: 15.00-20.00 | venerdì, sabato e domenica: 9.00-20.00

Ingresso: ridotto per bambini 8-12 anni | Gratuito: diversamente abili, bambini sotto gli 8 anni

Riduzione Gruppi (min. 30 ingressi): acquistabili online entro l'8 febbraio 2019

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 23 Luglio 2019
Nel nord-est della Siria, dove incombono le propaggini sud-occidentali delle catene montuose anatoliche, c'è la parte di territorio definito "Kurdistan siriano" o "Rojava". Tribù kurde sono presenti anche nella regione semimontuosa dell'est del Paes...
DEApress . 23 Luglio 2019
Con la caduta dell'impero ottomano e la nascita della Repubblica turca guidata da Mustafa Kemal Atatürk, si impone un modello di stato a forte impronta nazionalista che esalta la cultura, la lingua e le abitudini turche. I kurdi costituiscono il gru...
Silvana Grippi . 22 Luglio 2019
Lo scopo del laboratorio DEApress è imparare il lavoro di Redattore sociale: 1. La comunicazione indispensabile per inquadrare le problematiche sociali; 2. L'informazione da divulgare 3. La formazione per poi poter insengnare. Laboratorio a...
Marco Ranaldi . 22 Luglio 2019
Che Tex Willer fosse un mito questo lo si sapeva da lungo tempo. Oggi che ha compiuto 70 anni di permanenza nelle edicole italiane lo è di più poichè è dura essere vegliardi nel fumetto di casa nostra. Solo la tenacia dei Bonelli poteva presagire tan...
DEApress . 22 Luglio 2019
Paolo Sorrentino riceve il Premio Fiesole ai Maestri del Cinema 2019 “I film sono belli quando si occupano del falso” Fiesole (Firenze), 18 giugno – “I film sono belli quando si occupano del falso. La verità, secondo me, dentro un film si ra...
DEApress . 22 Luglio 2019
www.middleastnow.it   Middle East Now   /// Global Connections:   ...
DEApress . 20 Luglio 2019
I Kurdi nel corso dei secoli Le origini del popolo kurdo risalgono a tempi remotissimi: quando dall'Asia centrale si mosse la grande massa di indoiraniani, dividendosi verso l'India da una parte e l'Europa dall'altra; vari gruppi, col passare del te...
DEApress . 19 Luglio 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Cosimo Biliotti . 19 Luglio 2019
Sono passati quasi 11 anni dal fatidico settembre del 2008 quando la famiglia Della Valle lanciò in grande stile l'idea del nuovo stadio per Firenze. Da allora una successione di piccoli passi pareva stesse avvicinando la città all'obbiettivo, lent...

Galleria DEA su YouTube