DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'aborto in Italia e il triste declino della legge 194

E-mail Stampa PDF

 

alt

Il tema dell’interruzione volontaria di gravidanza ha incontrato in Italia problematiche imponenti, che vanno dalla mancanza di una legislazione che permettesse questa pratica, agli accesissimi dibattiti pro e contro aborto, fino all’opposizione di movimenti religiosi e non.

Nel nostro paese, permeato da una tradizione cattolica e a tratti conservatrice, è sempre risultato difficoltoso trovare un’uniformità di visioni, che potesse condurre a un’univoca posizione sull’argomento.

La legge 194 del 1978, che all’epoca legalizzò l’aborto in un clima di tensioni politiche, ostacoli e polemiche, sembra aver amaramente riscoperto ostilità e intralci nella sua attuazione.

Simbolo di questa tendenza è il crescente numero di medici e infermieri obbiettori di coscienza negli ospedali italiani:secondo gli ultimi dati rilasciati dal ministero della Salute relativi al 2012, il tasso di obiezione di coscienza per i ginecologi è pari al69,3. Al Sud in particolare i dati sono impressionanti con 88.4% in Campania, 87.9% in Molise, 85.2% in Basilicata, 84.6% in Sicilia, 83.8% in Abruzzo.

Contro i numeri ufficiali si scaglia però la Libera associazione italiana ginecologi per l’applicazione della legge 194/1978 (Laiga), che denuncia invece una percentuale pari al 91,3% di medici obbiettori.

Fa riflettere il ricorso accolto dal Consiglio d’Europa sull’eccessiva presenza di obbiettori di coscienza negli ospedali italiani, presentato della Laiga, che ha condannato il nostro paese per “violazione dei diritti delle donne”, in quanto la percentuale di obiettori è troppo alta perché una donna possa abortire senza ostacoli.

Ancora più allarmante, è il conseguente fenomeno degli aborti clandestini: terribile ritorno dopo il buio gli anni ’70, costringe le donne a mettere in pericolo la propria vita, istigandole all’omertà e all’illegalità, oltre che gravissimi rischi per la salute.

Ventimila gli aborti illegali calcolati dal ministero della Sanità con stime mai più aggiornate dal 2008, quarantamila, forse cinquantamila quelli reali. Settantacinquemila gli aborti spontanei nel 2011 dichiarati dall'Istat, ma un terzo di questi, frutto probabilmente di interventi "casalinghi" finiti male. Cliniche fuorilegge, contrabbando di farmaci: sul corpo delle donne è tornato a fiorire l'antico e ricco business che la legge 194 aveva quasi estirpato.

Questo è il destino riservato alle donne meno abbienti che non possono permettersi un aborto in una clinica o all’estero e sono costrette a metodi pericolosi e dolorosissimi, perché magari non dispongono dei mezzi necessari per crescere un figlio. Ma è ormai appurato che donne di ogni ceto sociale sono costrette a utilizzare mezzi illegali per interrompere una gravidanza.

Il nostro paese sembra aver ormai imboccato la strada verso la negazione dei diritti dei suoi cittadini, a discapito così della loro salute e del loro benessere.

Togliendo alle sue donne la possibilità di trattamenti sanitari che dovrebbero essere garantiti e, soprattutto, negando loro la possibilità di una scelta.

Nora Mulè

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:39 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube