DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Immigrazione: in Gran Bretagna via alla stretta sugli ingressi

E-mail Stampa PDF

Immigrazione: in Gran Bretagna via alla stretta sugli ingressi

 

Nel nostro percorso sulle pari opportunità ho voluto includere il tema dell’immigrazione, che, anche se non direttamente, riguarda questo campo per il problema del razzismo e della discriminazione delle minoranze in Italia.

Mi riferisco alla notizia della stretta sui sussidi di disoccupazione per i cittadini Ue annunciata dal premier britannicoDavid Cameronil 29 luglio e l’annuncio del vicepremierNick Clegg, sulla riduzione a 100mila dei nuovi ingressi annui nel Paese.

La campagna anti-immigrazione dei politici britannici, come anche di altri leader europei, si imbatte però nella resistenza di Bruxelles, che cerca di salvaguardare il principio cardine dell’Ue fissato nei trattati, quello della libera circolazione delle persone. Nel 2013 Bruxelles ha intentato una causa contro la Gran Bretagna presso la Corte di Giustizia europea per la discriminazione contro i cittadini di altri Paesi Ue tramite un test aggiuntivo per avere il diritto di ricevere i sussidi di Stato.

Un altro Paese che ha riscontrato l’opposizione di Bruxelles nel tentativo di chiudere le frontiere è la Svizzera. Non fa parte dell’Ue, ma è legata all’Europa da diversi accordi bilaterali, tra cui quello sulla libera circolazione delle persone. Accordo che gli svizzeri hanno cercato di rinegoziare attraverso il referendum del febbraio scorso, promosso dal partito di estrema destra Udc, che ha deciso di istituire un tetto all’immigrazione a partire dal 2017. Intanto anche inFranciaprende piede l’iniziativa svizzera di istituire le quote sui migranti.: Marine Le Pen, il leader del Front National, che ha trionfato alle elezioni europee raggiungendo il 24,8% dei consensi, aveva lanciato ancora a febbraio scorso una petizione per convocare in Francia un referendum sul modello svizzero.

La situazione italiana sull’immigrazione è evidentemente altrettanto complessa e a mio parere la legislazione attuale (legge Bossi-Fini del 2002) non tutela nella sua strutturazione i diritti civili degli immigrati, portando avanti un modello che procede verso un indirizzo di segregazione, invece che di integrazione e sostegno sociale.

Da rivedere, il complicatissimo iter burocratico a cui è costretto un richiedente d’asilo o una vittima di sfruttamento, il lungo internamento in centri di identificazione e espulsione e le procedure di rimpatrio di immigrati irregolari.

Come ha commentato lo studioso tedesco Andreas Zick : “La politica delle frontiere chiuse quindi non si basa sul tentativo di gestire l’immigrazione, ma è alimentata dai sentimenti di ostilità nei confronti di immigrati”.

Nora Mulè

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:40 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube