DEApress

Monday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Articolo di Piergiorgio Pescali sul dramma degli stupri in India

E-mail Stampa PDF

 

 

Vi riportiamo qui l’articolo di  Piergiorgio Pescali sulla rivista Missioni Consolata (www.rivistamissioniconsolata.it) di agosto 2014, sul dramma degli stupri in India:

 

 

Stupri, omicidi, violenze senza fine - «Donna, è colpa tua» 

Negli ultimi mesi sui media internazionali c’è stato uno stillicidio di notizie su stupri, omicidi e orrori ai danni di bambine e donne. Sistemi patriarcali, maschilismo, sottomissione: il fenomeno ha radici profonde. In India come in molti altri paesi. Una realtà di violenza che va condannata senza però farsi fuorviare dal sensazionalismo giornalistico e dagli stereotipi. E magari andando a leggere le statistiche. Secondo le quali...

Si racconta che Gandhi abbia detto che si può giudicare una società dal modo in cui essa tratta gli animali. Pandit Jawaharlal Nehru, il primo presidente dell’India, nonché amico dello stesso Gandhi, aggiunse, anni dopo, che il livello di civiltà di una nazione si pesa misurando i diritti che questa riconosce alle donne.

Se dovessimo parametrare l’evoluzione della società indiana secondo i criteri proposti dai suoi due più illustri fondatori il risultato sarebbe decisamente negativo. Nonostante da più parti si continui a descrivere la nazione asiatica come la più grande democrazia al mondo, il rapporto «The Rise of the South: Human Progress in a Diverse World», redatto nel 2013 dell’Undp (United Nations Development Programme), ha posto l’India al 136° posto su 186 nazioni nella classifica dell’indice dello sviluppo umano.

Particolarmente allarmante è la condizione della donna; in questi ultimi anni nelle tre nazioni nate dal retaggio del colonialismo britannico - India, Pakistan e Bangladesh - i casi di violenza nei confronti del sesso femminile si sono moltiplicati.

alt

Le complicità della polizia

Attacchi con acido, violenze, stupri e omicidi hanno attirato l’attenzione dei media internazionali, mentre le dichiarazioni misogine di molti politici indiani, pakistani e bengalesi, sommate alla complicità della polizia con i criminali, hanno dato alle notizie quel tocco di licenziosità sufficiente a trasformarle in sensazionalismi di largo seguito conditi di pettegolezzi e stereotipi.

In Italia, alcune testate giornalistiche si sono lanciate in iperboli incredibili per agganciarsi alla vicenda dei marò dipingendo l’intera classe politica indiana, e a volte la stessa cultura, in termini dispregiativi.

Se ne è parlato con clamore soltanto nei mesi scorsi, eppure la violenza contro le donne non è un fenomeno nuovo nella società indiana. Anzi, si potrebbe dire che, da qualche anno a questa parte, l’India ha cominciato a strappare qualche velo che nascondeva agli occhi della nazione un problema di cui tutti erano al corrente ma di cui nessuno parlava. E, forse proprio per questa apertura sociale e l’accresciuto interesse dei media, è scoppiato il «fenomeno» stupri: non ce ne sono di più, ma se ne parla di più.

In realtà, la prima grande svolta nella visione della violenza sulle donne la si ebbe già nel 1972 quando un’adolescente di 14-16 anni di nome Mathura venne violentata da due poliziotti nel villaggio di Desaiganj, nello stato del Maharashtra. Mathura, oltre a essere orfana di entrambi i genitori, era una adivasi1, il che la poneva in una posizione di assoluta inferiorità nella complicata gerarchia castale indiana. Per mantenere il fratello maggiore si prodigava come domestica presso una casa privata dove incontrò Ashoka, nipote della padrona, il quale la chiese in sposa. Avrebbe potuto essere una normale storia d’amore se il fratello di Mathura non si fosse opposto al matrimonio e, per impedirlo, non avesse denunciato Ashoka per aver rapito la sorella. La questione venne chiarita senza problemi presso il locale commissariato, ma quando tutti i protagonisti della vicenda se ne stavano tornando a casa, i gendarmi trovarono una scusa per trattenere Mathura. E fu lì, proprio tra le mura che avrebbero dovuto difendere la legge, che la ragazza subì gli stupri dei due poliziotti in servizio.

Nonostante la giovane età e la sua condizione sociale, Mathura fece una cosa che nessuno, prima d’allora in India, aveva osato fare: denunciò i suoi stupratori.

Il processo fu, come ci si poteva aspettare, una farsa: i due agenti vennero assolti perché la corte non credette a Mathura. Troppo giovane, povera e illetterata perché le sue parole potessero avere sufficiente autorevolezza. Inoltre la sentenza di assoluzione stabiliva che la ragazza «era già abituata a rapporti sessuali» e, di conseguenza, non vi sarebbe stata alcuna violenza perché la vittima non era illibata.

Il verdetto passò inosservato per diversi anni fino a quando alcuni professori dell’Università di Delhi lo contestarono gettando le basi per una prima riforma di legge sullo stupro varata nel 1983, secondo cui l’atto sessuale senza il consenso della donna è un crimine.

La norma rivoluzionò il modo di porsi delle donne indiane all’interno della società: l’attivista per i diritti femminili Lotika Sarkar fondò il Forum Against Rape (Foro contro lo stupro) e il Centre for Women’s Development Studies (Centro studi per lo sviluppo delle donne), due istituzioni che negli anni seguenti sarebbero stati dei fari cui i movimenti di emancipazione femminile avrebbero guardato.

Le cuginette dalit

Mathura venne subito dimenticata ed oggi vive con il marito e i suoi figli in un villaggio poco distante da Desaiganj, pressoché ignara di quello che il suo gesto ha significato per l’India. È vero, come afferma la giornalista e scrittrice Nilanjana S. Roy in un articolo apparso sul quotidiano The Hindu, che «nessuna legge al mondo ha mai fermato gli stupri, così come nessuna legge al mondo ha mai fermato gli assassini. Ma leggi migliori, assieme a cambiamenti politici e sociali hanno contribuito a far diminuire sia le violenze sessuali e gli omicidi in diversi paesi».

altNella vita pratica delle donne indiane nulla o quasi cambiò sino a quando, quarant’anni più tardi, a Delhi, un altro fatto sconvolse l’opinione pubblica femminile. Il 16 dicembre 2012 Jyoti Singh Pandey, una studentessa di medicina di 23 anni, dopo aver visto il film Storia di Pi al centro commerciale Select Citywalk di Delhi salì su un autobus con il suo ragazzo per tornare a casa. Con loro viaggiavano cinque persone, tutte amiche dell’autista e ubriache. A un certo punto l’automezzo si fermò e, immobilizzato il ragazzo, a turno i sei amici seviziarono Jyoti. Una volta appagati i loro piaceri, lasciarono le loro vittime agonizzanti in mezzo alla strada. Jyoti morì dopo due settimane a Singapore, dove nel frattempo era stata trasferita, a causa delle ferite infertele durante lo stupro.

Fu la classica goccia che fece traboccare il vaso: in poche ore migliaia di persone scesero in piazza per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione della donna in India. Anche in questa occasione le forze di polizia dimostrarono la loro insensibilità: anziché limitarsi a controllare che tutto si svolgesse in modo pacifico (come in effetti fu), improvvisamente cominciarono a contrastare i manifestanti con brutalità e spavalderia, giungendo anche a manganellare con violenza le stesse donne.

altLa stessa brutalità e arroganza è stata usata, in modo più drammatico, a Katra Sadatganj, un villaggio dell’India Nord orientale dove, nel maggio 2014, due cugine dalit di 14 e 15 anni sono state trovate impiccate a un albero dopo essere state ripetutamente violentate. Anche in questo caso, tra le sette persone accusate, vi sono due poliziotti.

In una intervista alla Bbc la scrittrice Arundhaty Roy afferma che «esercito e polizia utilizzano regolarmente lo stupro come arma contro la popolazione nel Chhattisgarh, Kashmir, Manipur».

E quando le forze dell’ordine non sono direttamente coinvolte negli atti di maltrattamento, spesso le persone che cercano di sporgere denuncia sono «invitate» a desistere, tanto che nell’aprile 2013 la Commonwealth Human Right Initiative (Chri), una Ong che da tempo chiede una riforma della polizia indiana, ha denunciato la sua «mancanza di una risposta verso le vittime degli stupri».

La morte di Jyoti, soprannominata dai media indiani e internazionali Nirbhaya (impavida) o Damini (fulmine) ha scatenato quello che il caso di Mathura era riuscita a fare solo in parte: la condanna nazionale di una pratica che va ben oltre il mero crimine «accidentale», come lo ha chiamato Ramsevak Paikra, ministro per la Legge e l’Ordine dello stato indiano di Chhattisgarh.

Un sistema patriarcale e misogino

Cosa è cambiato in questi quarant’anni nella società indiana e, soprattutto, come mai proprio il caso di Nirbhaya, certamente non isolato, ha creato tale scompiglio nell’opinione pubblica nazionale e mondiale?

altPartendo dallo stupro di Mathura e arrivando fino a oggi, la donna, seppur con difficoltà, si è emancipata tra i gangli della società indiana, ma la sua indipendenza non è ancora stata accettata dall’uomo. Sempre Arundhaty Roy spiega che «Viviamo in una nazione in cui la maggior parte della popolazione vive in un sistema feudale e patriarcale retaggio del passato, dove le donne dalit sono stuprate da uomini delle caste più alte semplicemente perché viene ritenuto un diritto di questi ultimi. Per contro viviamo in un sistema in cui le donne stanno cambiando più velocemente degli uomini: entrano in massa nei posti di lavoro, hanno più potere, stanno modificando il modo di vestire, di porsi di fronte all’uomo, di guardarlo, le loro aspettative. Questi cambiamenti sociali creano un nuovo stimolo di violenza contro le donne da parte di chi vorrebbe che tutto restasse immobile».

«Il sistema capitalista ha avuto il merito di contribuire a elevare la posizione della donna in India» afferma Rajesh Tembarai Krishnamachari, scrittore e analista dello sviluppo sociale ed economico dell’India e Pakistan. Stando a quanto sostiene Krishnamachari «l’avvento del capitalismo ha permesso alle donne di lavorare accanto all’uomo nelle fabbriche al fine di aumentare la produzione. Questo ha incoraggiato l’intero sistema a ricercare una sorta di equità tra i due sessi che si riflette sia nel sistema legislativo, con l’approvazione di leggi che pongono uomo e donna sullo stesso piano, sia nel sistema sociale, che oggi permette alla donna di entrare nelle fabbriche e nell’apparato produttivo contribuendo alle finanze familiari. È anche vero, però, che con l’avanzare dell’economia di mercato e della necessità di aumentare le vendite dei prodotti, il capitalismo deve cercare nuove forme di sollecitazioni. La pubblicità è, quindi, diventata sessualmente più allusiva, più provocante, portando a una radicalizzazione del maschilismo nella società». E alla sottomissione della donna, aggiungeremmo noi.

Secondo l’attrice Leeza Mangaldas, conosciuta a Delhi nel 2012 quando, assieme a Samyak Chakrabarty, fondò il forum di discussione Evoke India, le responsabilità di questa sottomissione sono da imputare anche alle donne stesse: «Siamo noi che uccidiamo le nostre figlie perché femmine, siamo noi che accusiamo le nuore se partoriscono femmine anziché maschi e siamo ancora noi che disapproviamo, ancora prima degli uomini, le donne che tentano di rendersi attraenti. Gli uomini indiani sono misogini; le donne indiane provano disgusto per se stesse».

E allora bisognerebbe rivalutare le parole di Marx quando, assieme a Engel, scriveva che «Non si deve dimenticare che [le] idilliache comunità di villaggio, sebbene possano sembrare innocue, sono sempre state la solida base del dispotismo orientale […] contaminate dalla divisione in caste e dalla schiavitù».

Una cosa è certa: se Jyoti Singh Pandey fosse stata stuprata ed uccisa in uno sperduto villaggio di campagna, nessuno si sarebbe indignato. La storia di Jyoti - precedente la sua violenza - e della sua famiglia di origine contadina, trasferitasi a Delhi in cerca di fortuna, illustra la speranza di riscatto per milioni di indiani. Il padre che lavorava come facchino all’aeroporto di Delhi; Jyoti che, per permettere anche ai suoi fratelli di continuare gli studi offriva ripetizioni ai ragazzi del quartiere in cui abitava, erano il perfetto esempio delle più alte aspirazioni della gran parte degli indiani.

Ci si dovrebbe chiedere come mai in una società dove la violenza tra le mura di casa è così frequente (una statistica risalente al 2007 afferma che il 54% degli adolescenti ha assistito a violenze in famiglia), ci si scandalizzi solo quando le donne sono stuprate o umiliate per strada.

Tra induismo e Bollywood
alt

Basterebbe guardare a un aspetto della mitologia e della religione indiana, quello che valorizza la femminilità, per designare il ruolo fondamentale della donna.

Nella cultura religiosa indiana il potere femminile shakti è l’unico in grado di alimentare l’energia - al tempo stesso distruttiva e rigeneratrice - di Shiva. Senza la shakti anche Shiva diviene un cadavere. Il Gange, il sacro fiume indiano, in lingua hindi è la Ganga, al femminile. Infine, molti nomi degli eroi mitologici includono il nome della propria madre, retaggio delle primordiali società matrilineari: così Radhakrishna significa che Krishna è figlio di Radha, così come Sitaram indica che Ram è figlio di Sita.

Detto questo, la cultura indiana odierna propone come unico esempio virtuoso per la donna l’immagine mitologica di Sita, la sposa di Rama, succube e pronta a perdonare ogni intemperanza del marito sino a immolarsi per il suo amore.

Questo filone è quello più seguito dall’industria cinematografica di Bollywood che, con più di mille film sfornati ogni anno, è la maggiore al mondo. La responsabilità dei produttori e degli attori di Bollywood è, chiaramente, enorme nel raccontare il ruolo che la donna deve rivestire nella società indiana.

Qualcosa sta, finalmente, cambiando: l’All India Backhod, un collettivo di attori e registi indiani, ha voluto dare una sterzata significativa producendo un divertente filmato, diretto da Ashwin Setty, dal titolo eloquente Rape: It’s Your Fault (Stupro: è colpa tua), che ha superato le 3.700.000 visualizzazioni su You Tube2. In esso l’attrice Kalki Koechlin spiega ironicamente come lo stupro sia sempre colpa delle donne «perché gli uomini hanno gli occhi» e un «abbigliamento provocante potrebbe spingere a uno stupro». Seguono alcuni esempi di abbigliamento inverecondo che, partendo da maglietta senza maniche e pantaloncini, giungono fino a una tuta spaziale, inevitabilmente anch’essa tentatrice. Il tutto, sempre nell’intelligente ironia del filmato, dimostrerebbe che la colpa degli stupri è da attribuirsi esclusivamente alle donne perché «senza donne non ci sarebbero stupri» e, se è vero che gli stupri sono commessi dagli uomini, è altrettanto vero che gli uomini sono nati da donne. Infine c’è un attacco alla polizia: «Se sei stanca di essere umiliata dagli stupratori, rivolgiti ai poliziotti e potrai essere umiliata da loro».

In una intervista Kalki Koechlin, che da bambina ha essa stessa subito uno stupro, afferma che le donne devono sentirsi libere di essere loro stesse all’interno di una società che sta cambiando: «Dobbiamo essere pronti culturalmente ad accettare le donne indiane di oggi le quali non sono le donne che la maggior parte degli uomini indiani ha visto crescere in casa loro. Le donne di questa generazione potrebbero non saper cucinare, potrebbero volersi rendere indipendenti economicamente, potrebbero voler scegliere il loro marito, oppure rimanere addirittura nubili».

Più facile a dirsi che a farsi. Anzi, a pensarci, non è facile neppure a dirsi.

Parole indecenti

altDopo gli ultimi casi di stupro la classe politica indiana si è esibita in una serie impressionante e vergognosa di affermazioni. A cominciare da Manohar Lal Sharma, uno degli avvocati degli uomini accusati dello stupro e dell’omicidio di Nirbhaya, che il 10 gennaio 2013 ebbe a dire di non aver «mai visto un solo incidente o esempio di stupro in cui sia stata coinvolta una donna rispettabile». Altrettanto indecenti sono state le parole di Abu Asim Azmi, presidente del Maharashtra Samajwadi Party, che dopo essersi pronunciato a favore della pena di morte per gli stupratori, ha detto che «dovrebbe esistere una legge che proibisca alle donne di vestire abiti succinti e girare con ragazzi che non siano loro parenti». E che dire dell’agghiacciante sentenza dell’avvocato A.P.Singh: «Se mia figlia dovesse avere rapporti prematrimoniali e girare con il suo ragazzo di notte, io stesso la brucerei viva. Non posso permettere che accada questo e invito tutti i genitori ad adottare la stessa mia attitudine nei confronti delle loro figlie».

Terminiamo con le parole di un alto rappresentante del parlamento indiano: Abhijit Mukherjee, figlio del presidente dell’India, carica che è stata ricoperta da quel Jawaharlal Nehru che citavamo all’inizio dell’articolo. Nel difendere la brutale repressione della polizia nei confronti dei manifestanti dopo la morte di Jyoti, Mukherjee ebbe a dire che le donne che protestavano erano donne «dipinte» che vanno in discoteca, con scarsa conoscenza della realtà sociale e che seguono la moda di fare veglie al lume di candela... Nonostante le critiche piovute su di lui, nelle recenti elezioni indiane Abhijit Mukherjee è stato rieletto.

I numeri e le sorprese

Alla fine di tutto, è proprio vero che l’India descritta dai media occidentali è diventata così pericolosa tanto da consigliare alle donne di non aggirarsi da sole per le strade?

Le cifre, per quello che possono rappresentare, pare dicano il contrario. Da uno studio condotto dalla Thomson Reuters Foundation, in India 2 donne su 100.000 vengono violentate, contro i 26,9 stupri su 100.000 commessi negli Stati Uniti. Anche tenendo conto del fatto che solo il 10% delle violenze perpetrate ai danni delle donne indiane viene denunciato (contro il 26-46% negli Usa), i tassi di abusi sessuali tra i due paesi si equivalgono. Bisogna, però, tener conto che secondo la legge indiana non vi è violenza sessuale se non si è consumato l’atto. Nel 2011 (ultimo dato disponibile) il National Crime Records Bureau ha indicato che nella nazione - in cui, non bisogna dimenticarlo, vivono un miliardo e 200 milioni di persone - vi sarebbero stati 25.000 stupri, 45.000 tentati stupri e 106.000 violenze contro le donne in famiglia3. Il problema non sono tanto i numeri, ma il fatto che, ai 25.000 stupri regolarmente denunciati alle autorità, solo per il 26% è seguita una condanna degli imputati (contro il 50% negli Usa). Vi è, quindi, una forte disillusione nei confronti delle istituzioni.

Forse è proprio questo il punto su cui lavorare per poter cambiare un atteggiamento sociale.

PiergiorgioPescali
Note

1 - Termine con cui in India si indicano gli appartenenti ai popoli originari (tribù indigene) del paese.
2 - L’indirizzo del filmato: http://www.youtube.com/watch?v=8hC0Ng_ajpY.
3 - Il sito: www.ncrb.nic.in.

- See more at: http://www.rivistamissioniconsolata.it/new/articolo.php?id=3430#sthash.jpbINQne.dpuf

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Settembre 2014 12:40 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube