DEApress

Thursday
Apr 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Chi era Anna Politkovskaja

E-mail Stampa PDF

Anna Politkovskaja

“Il giornalista deve produrre reportage, servizi, interviste. E le lacrime che versa nell’una o nell’altra occasione non interessano, in fondo, nessuno. Descrivi quello che vedi, metti insieme dei fatti e analizzali. Punto e basta.”

Il 7 Ottobre 2006, a Mosca, moriva Anna Politkovskaja, vittima di un assassinio.
Definire chi fosse e cosa facesse non è semplice.
All’apparenza Anna era una giornalista pluripremiata e rispettata in tutto il mondo per le sue numerose inchieste volte a far luce sulla questione cecena, ma in realtà era molto più di questo.
“Sono andata oltre il mio ruolo di giornalista. L’ho messo da parte e ho imparato cose di cui non sarei mai venuta a conoscenza se fossi rimasta una semplice giornalista, che sta ferma nella folla come tutti gli altri”, scriveva.
Anna certamente non rimase ferma, ma partecipò attivamente a quello che vedeva e raccontava: prendeva parte ai colloqui con i terroristi, portava cibo e assistenza ai civili e agli ostaggi di guerra, intervistava i soldati e le autorità.

Il suo essere sempre in prima linea le causava non pochi problemi. Costantemente vittima di diffamazioni, minacce e attentati veri e propri, fu costretta più di una volta a scappare dalla Russia e a rifugiarsi all’estero per qualche tempo, ma la sua temerarietà e il suo rigore interiore superavano di gran lunga la paura della morte, e la spingevano a tornare, sempre.

I colleghi sostengono che quella della Cecenia, oltre ad esser stata per Anna un’importante missione, era diventata una vera e propria ossessione.
Ma il decidere di affrontare dozzine di trasferte –anche a proprie spese- per la realizzazione di articoli che quasi sicuramente le avrebbero portato denunce e querele, invece che restare a casa a godersi la fama giustamente meritata, è quello che ha fatto sì che Anna diventasse una delle giornaliste e scrittrici più apprezzate e celebri del mondo.

Il suo assassinio ha messo a tacere l’ennesima voce della verità.
Tutt’ora non è stato individuato un colpevole, e le versioni a riguardo sono molteplici.
Probabilmente quello di Anna resterà uno dei tanti casi irrisolti, uno dei tanti casi che testimoniano il continuo deterioramento dei diritti civili e politici.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

amministratore . 22 Aprile 2021
  ABBI IL CORAGGIO DI CONOSCERE ARTICOLO di CRISTINA FONTANELLI Nel mese di aprile ricorre l’anniversario di nascita di Rita Levi-Montalcini (22 aprile 1909– 30 dicembre 2012), scienziata lungimirante e storico personaggio del Secolo ...
simone fierucci . 22 Aprile 2021
https://freedomarchives.org/ The Freedom Archives contiene oltre 12.000 ore di registrazioni audio e video e materiale cartaceo risalente principalmente dalla fine degli anni '60 alla metà degli anni '90. Queste raccolte raccontano la storia pro...
simone fierucci . 22 Aprile 2021
Divulghiamo un articolo di Ramona Wadi pubblicato sul sito orientxxi che ripercorre le “amicizie pericolose” dello stato di Israele ; in particolare con i regimi dittatoriali SudAmericani .   La storia dimenticata dell’alleanza tra Israele e l...
simone fierucci . 21 Aprile 2021
Superlega, debiti e altre miserie ....   In questi ultimi giorni il mondo del calcio Europeo sta dando il peggio di se . L'annuncio da parte di alcuni club inglesi , spagnoli e italiani della volontà di creare una SuperLega Europea , una sor...
Silvana Grippi . 21 Aprile 2021
Foto di strada - Rumors fotografico di Silvana Grippi/Archivio DEApress   Una domanda: Chi ha commissionato e pagato il Murales e il restauro della seguente targa?  
Silvana Grippi . 21 Aprile 2021
Silvana Grippi . 21 Aprile 2021
Chi denuncia uno stupronon fa una passeggiata.E' dura metterci 'la faccia'!
Silvana Grippi . 21 Aprile 2021
   
Silvana Grippi . 20 Aprile 2021

Galleria DEA su YouTube