DEApress

Wednesday
Jun 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

I giornalisti al posto dei politici ...?

E-mail Stampa PDF

"Il vero giornalista è quello che non lo fà di mestiere" Lenin.

Ultimamente, come molti, mi sono "ubriacato" con le notizie relative alla guerra che sta svolgendosi in Ucraina. Non stò a spiegare le ragioni di questa tragedia, rischierei di essere frainteso; questa situazione viene da lontano e siccome non sono uno storico "di mestiere", lascio ad ognuno le proprie considerazioni Invece, voglio esprimere un paio di valutazioni personali su come viene "raccontata la guerra" attraverso il mezzo di comunicazione di massa - che quasi tutti noi possediamo - quello più popolare e passivo: "la televisione".

Nello specifico mi sono imbattuto, anche volontariamente, in diverse trasmissioni, dibattiti e "speciali" trasmessi dalle  più svariate reti pubbliche e private;  quello che ho potuto verificare è che - abituato a vedere sempre esponenti politici - anche in talk-show demenziali, in questa situazione invece la loro presenza nei dibatti specifici sulla guerra passa in secondo piano e a "tener banco" ora sono i giornalisti. Anche se in Studio possono essere presenti un paio di esponenti politici, non sono loro che espongono analisi, soluzioni, posizioni e considerazioni; ma sono i vari direttori di testate e singoli giornalisti che dal loro pulpito - coadiuvati dagli "esperti" militari ed economisti di turno - creano lo scenario ideale a seconda della linea editoriale del proprio padrone. Ai politico/i presenti vengono fatte pochissime domande, forse sempre le stesse, invece di pressare anche con domande scomode per dare al "pubblico" l'informazione su come la classe dirigente italiana si sta ponendo.
Questi/e "prime donne" portano il loro egocentrismo e la loro spocchia ai limiti del comizio politico. Sono loro che costruiscono scenari apocalittici, chiaroveggenze di dubbia consapevolezza, e alchimie geopolitiche,  m  come se fossero i detentori del sapere, sparlando di guerra/guerre come se si parlasse di una scazzottata al bar sottocasa; una ignoranza laureata.
Non fanno domande, si danno risposte e pretendono "che siano le nostre".

 

 

 

Simone Fierucci Deapress

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 10 Marzo 2022 11:18 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 29 Giugno 2022
5 per mille al Centro D.E.A.   Cari soci, amici, lettori e conoscenti, prendete nota del nostro codice fiscale: 03938570482 da indicare per la destinazionedel 5 per MILLE. Ci aiutererete a fare progetti di solidarietà e partecipazione.Ser...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo: "COMUNICATO STAMPA: 1 luglio 2022 secondo SCIOPERO del personale in APPALTO di Archivio Storico e Biblioteche del Comune di Firenze Firenze: Secondo sciopero generale per le lavoratrici e i lavoratori in appalto dell’Arc...
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
Riceviamo e pubblichiamo La vita di Giorgio La Pira in una biografia pubblicata dalla Firenze University PressIl 30 giugno in Via Laura la presentazione del volume edito dalla casa editrice di Unifia cura di Giovanni Spinoso e Claudio Turrini Propo...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
Giornata di lotta e musica alla GKN                                                    Articolo di  Massimil...
DEAPRESS . 28 Giugno 2022
In preparazione catalogo pubblicazioni DEA dal 1991  
Silvana Grippi . 28 Giugno 2022
  Giovedì 30 giugno, alle ore 17, presso MAD Murate Art District in piazza delle Murate a Firenze si terrà la presentazione e proiezione in anteprima assoluta del film: I MAESTRI DELL’ ARCHITETTURA E DEL DESIGN: ENZO ZACCHIROLIdi ...
Silvana Grippi . 27 Giugno 2022
Rubrica Schegge - di Samira Sharfeddin     Maria Nikiriforova nasce nel 1885 a Alexandrovsk in Ucraina (oggi Zaporizhia). All'età di 16 anni inizia la militanza nei circoli anarco-comunisti della zona. Nel 1906 viene con...

Galleria DEA su YouTube