DEApress

Thursday
Oct 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Corte di Strasburgo: prima condanna di inerzia alle autorità nei casi di violenza domestica

E-mail Stampa PDF

Corte.jpg

L'Italia condannata dalla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo per non aver fornito rapida ed efficace protezione a Elizaveta e suo figlio Ion dalla violenza di Andrei Talpis, marito e padre delle vittime, il quale tentò di uccidere la moglie e uccise il figlio che era intervenuto per difendere la madre. Elizaveta aveva denunciato l'uomo per violenze domestiche nel 2012 per la prima volta. Nello stesso anno si rivolse ancora alla polizia quando fu nuovamente aggredita con un coltello, che valse al marito la segnalazione per porto d'armi abusivo, e successivamente ancora per maltrattamenti. Nel 2013 altre due segnalazioni per botte, e a novembre l'epilogo: l'uomo va ubriaco a casa della donna, la picchia, viene portato dalla polizia in ospedale per intossicazione, poco dopo ne esce, ritorna a casa e, prendendo un coltello dalla cucina, si avventa sulla donna. Interviene il figlio Ion che cade sotto le pugnalate poi Talpis insegue la donna che viene raggiunta per strada e colpita. La polizia trova l'uomo seduto a terra davanti la casa.
Nel processo che seguì dichiarò che voleva soltanto spaventare la moglie, ma fu condannato all'ergastolo. Roberto Mete, avvocato dell'uomo, dichiara: "Era un soggetto profondamente disagiato, affetto da un alcolismo cronico che viveva in una situazione familiare per lui insoddisfacente. La situazione avrebbe dovuto essere affrontata in modo più approfondito in precedenza"
Nella sentenza i giudici rilevano che "la signora Talpis è stata vittima di discriminazione come donna a causa della mancata azione delle autorità, che hanno sottovalutato (e quindi essenzialmente approvato) la violenza in questione"
E' una sentenza importante perchè definisce i limiti entro i quali troppo spesso, in casi di violenza domestica, le istituzioni si sono asserragliate adducendo l'impossibilità legale di intervento. Negli ultimi anni c'è stato un cambio di rotta e più spesso si sente dire "donne, denunciate", ma fino a ieri la frase ricorrente in questi casi era "finchè non c'è reato non possiamo fare nulla, cerca di non provocarlo", in un rovesciamento di responsabilità che è prassi in una società che ha sempre ritenuto, evidentemente, che l'uomo non sia tenuto al controllo di sé. Le donne oggi denunciano, ma continuano a cadere vittime dell'inerzia culturale che contraddistingue una mentalità maschilista ancora troppo radicata, che lascia gli uomini liberi di uccidere anche quando esistono tutti i segnali premonitori per evitarlo.
Speriamo quindi che la giurisprudenza, visto che non riescono i legislatori (è di ieri la notizia della sentenza che riconosce la validità giuridica in Italia dell'atto di nascita di due bambini nati all'estero che indicava come genitori due uomni) riesca ad aprire la strada a quella rivoluzione culturale necessaria ad affrontare, con occhi aperti, l'inevitabile evoluzione della società.

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 04 Marzo 2017 00:00 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 21 Ottobre 2020
BOLIVIA ELEZIONI OTTOBRE 2020 Alla fine di una feroce polemica interna la Bolivia si appresta ad eleggere un presidente che dovrebbe continuare l’eredità di Evo Morales, che dopo i presunti brogli elettorali del 2019 si era rifugiato all’estero, su ...
DEApress . 21 Ottobre 2020
  Gio Molina "Artista Plástico"   Artista palestino plasma su arte en nopales, en Querétaro. Como calificas su obra del 1 al 10..... Artista palestinese plasma la sua arte in nopales a Querét...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Un'atroce uccisione quella di Samuel Paty in Francia, colpevole solo perché in classe ha voluto spiegare la satira ai ragazzi. Il giovane professore è stato decapitato da un esaltato musulmano ceceno di 18 anni, Abdoulakh Abuyezidvich Anzorov. Samue...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Bolivia: nessuno ne parla. Come mai non fa notizia?
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
(ph. Giuseppe Varchetta)   E' morto Enzo Mari (un designer che ho amato molto in gioventù). Ora ci giunge la notizia che è morta anche la sua compagna Lea Vergine, geniale critica d'arte che definirfei fantastica e bellissima. Milano era ce...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
LA Rivista A si è diversificata da sempre per la bella impaginazione, la scelta degli articoli e per la disponibilità editoriale.  Un' uomo meraviglioso come Paolo Finzi che ha saputo dare un forte carattere alla Rivista A dove emergeva ...
DEApress . 20 Ottobre 2020
  “American gothic” icona pop dell’America di Grant Wood Spesso osservo questa opera emblematica ed ironica nella composizione (purtroppo ancora non ho ancora avuto il piacere di vederlo dal vivo) e cerco di capire chi sono i personaggi che ...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
Solidarietà  al popolo andino
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2020
CROFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Cari lettori e lettrici eccovi i dati di oggi di  9 ottobre 2020 - Tot. visite: 32.289.980  - h. 9.14  n. 125 visitatori on line  17 ottobre - Tot. visite: 32.328.843 h. ...

Galleria DEA su YouTube