DEApress

Saturday
Apr 04th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CARISMAND non è una banca

E-mail Stampa PDF

    Carismand 2

 

A Firenze si sono dati appuntamento gli studiosi delle università Europee insieme alle autorità ed a coloro che sono in prima linea nella gestione delle emergenze per parlare degli aspetti culturali legati alla gestione delle situazioni di emergenza in conseguenza di catastrofi naturali o causate dall'uomo!
Il progetto CARISMAND acronimo di Culture and Risk Management in Man Made and Natural Disaster, coordinato dal prof. Joseph Cannataci dell'Università di Gronnighen in Olanda ha visto la partecipazione di studiosi sociologi e antropologhi di varie università Europee, come Malta, Novi Sad, Gronningen, Firenze.
Partendo dal presupposto che i fattori culturali giocano un importante ruolo nel determinare la modalità di risposta delle persone allo stress, a prendere parte alla gestione delle crisi e ad accettare i soccorsi durante
un'emergenza. Una gestione della calamità che è consapevole, che rispetta e si avvale degli aspetti culturali locali, non solo sarà più efficace ma, allo stesso tempo, migliorerà anche la capacità della comunità di affrontare la calamità.

Carismand 1

CARISMAND ha realizzato una revisione multi-disciplinare e profonda di conoscenza all'avanguardia, di ricerca EU precedente e attuale, integrando la competenza accademica, dai campi dell'antropologia culturale e sociale, della scienza cognitiva, della sociologia, degli studi scientifici e tecnologici, della legge, della vittimologia e delle scienze naturali; ha identificato i fattori culturali, esplorando le lacune e le opportunità esistenti per il miglioramento delle politiche e
delle procedure da attuare in caso di calamità. Ha anche sviluppato un toolkit completo per i disaster manager e i professionisti dell'emergenza che potrebbe essere di aiuto nell'elevare la consapevolezza culturale, nel promuovere delle best-practices culturalmente informate, e supporta i cittadini nell'esplorare le loro forze culturali individuali e comuni nella fase di preparazione, di risposta, e di recupero delle calamità.
CARISMAND ha incorporato l'esperienza dei professionisti dell'emergenza e dei disaster manager con backgrounds diversi, ed iniziative pubblico-private innovative che sono basate e tracciano il ruolo attivo dei cittadini nella diffusione di informazioni sulle calamità. Il progetto ha messo al proprio centro lo scambio continuato di informazioni tra cittadini e persone interessate dalla gestione della calamità, attraverso tre Assemblee degli Stakeholder e sei Vertici Cittadini che
hanno avuto luogo in diverse località europee.
A conclusione di questo lavoro sono stati messi a punto ed illustrati in questa conferenza alcuni toolkit destinati ai vari livelli di soggetti che devono operare nelle calamità, dai politici, ai cosìdetti decisori, agli operatori in prima linea ed anche per i cittadini, un lavoro dunque a tutto tondo. C'è stato anche un momento di confronto sui temi del toolkit con tavoli di discussione dinamici, molto apprezzati dai partecipanti.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 21 Settembre 2018 15:10 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Stefania Parmigiano . 04 Aprile 2020
La discussione sulla necessità di prevedere uno scudo penale per gli operatori socio-sanitari, in relazione al loro operato durante l’emergenza Covid-19, ha prodotto la richiesta di emendamenti al decreto legge cosiddetto Cura Italia, in considerazio...
Silvana Grippi . 04 Aprile 2020
Associazione DEAonlus    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  gratuita e al servizio di coloro che lottano per i diritti umani e per una giusta informazione. Crea...
DEApress . 04 Aprile 2020
"Il Corona virus ha uccisola libertà e compromesso il libero pensiero" Giuseppe Grippi (1923)
DEApress . 04 Aprile 2020
Dialogando in redazione Correva l’anno 1960 quando il maestro Manzi, in un programma del tardo pomeriggio, faceva lezioni della lingua italiana contribuendo così alla scolarizzazione - seppur presente con la scuola dell’obbligo – a una maggiore comp...
Fabrizio Cucchi . 03 Aprile 2020
Certi oggetti diventano "simboli" di un'epoca. Io temo che il simbolo di questo drammatico momento, oltre alla mascherina, sia il drone. Qualcosa di non umano, di un pò inquietante....Persino in Tunisia c’è una sorta di versione locale di “questi agg...
Silvana Grippi . 03 Aprile 2020
 
DEApress . 03 Aprile 2020
  Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si ...
Marco Ranaldi . 02 Aprile 2020
Di seguito la seconda parte dell'intervista a Maurizio Spaccazocchi. E i bambini ai tempi dello smart come interagiscono con la musica? Hanno trovato, un buon “trastullo” che più di altri, li sta imprigionando nella mentalità musicale negativa che ...
DEApress . 02 Aprile 2020
Riflessione tra due amici: Uno scenario. come quello che è presente, in questo momento a livello mondiale non ha, forse, precedenti nella storia dell’umanità. L’epidemia che il 2020 ha sviscerato, in tutto il globo, oltre agli effetti sanitari mostra...

Galleria DEA su YouTube