DEApress

Saturday
Apr 04th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Educazione di genere infantile nel Medioevo

E-mail Stampa PDF

fig_22_c2bassa.900x600.jpg

Da cosa derivano le teorie medievali sull'infanzia e sull'educazione più adatta da riservare al bambino?

A partire dal XIII secolo gli scrittori, che si occupavano di letteratura medica, iniziarono a trattare argomenti come “la qualità delle età della vita”, dando inizio all'indagine sull'infanzia. Dunque, furono riprese, studiate e analizzate dai “letterati” del tempo le principali idee guida della tradizione classica greca e romana. L'interesse di Ippocrate (460-370 a.C.) per i fattori genetici fu raccolto nelle enciclopedie divulgative dell’epoca, ereditando le erronee convinzioni che le caratteristiche dei progenitori e i loro temperamenti potessero essere acquisiti dal nascituro. Per questo, si sviluppò la convinzione che già dalla nascita un bambino potesse essere irrimediabilmente compromesso, negandogli di conseguenza qualsiasi intervento educativo. La scoperta ippocratica della differenza fra organismo infantile e adulto si tradusse nel Medioevo nell'accomunare la natura infantile a quella femminile adulta, ovviamente con un’accezione negativa. Il pensiero scientifico aristotelico venne recuperato in Europa nel XIII secolo grazie alle varie traduzioni latine.

La Riproduzione degli animali di Aristotele offriva alla società medievale la risposta ai problemi del concepimento e le differenze sessuali;pertanto il bambino appariva come l'animale più incompleto fra tutti, caratterizzato da un lungo processo di crescita e scoordinato per via del peso del cervello. Per rafforzare tale ipotesi, Aristotele dichiarò che la differenza fra l'organismo adulto maschile e quello femminile e infantile, risiedesse nella minor quantità di cervello rispetto a quella posseduta dall'uomo; ancora una volta la costituzione femminile e infantile venivano accomunate dall'impotenza delle loro facoltà, dalla mancanza di peli, dalla voce stridula, dalla sterilità e così via. Il comportamento del bambino veniva accomunato al comportamento animale in quanto governati entrambi (secondo le convinzioni del tempo) dal perseguimento del piacere; questa tesi ostacolò la comprensione dei processi psichici del bambino.

La relazione adulto/minore e uomo/donna era impostata in modo che i soggetti ritenuti meno perfetti fossero - per forza di cose - obbligati ad obbedire a chi possedeva a tutti gli effetti la ragione: l'uomo. Aristotele assicurava nella Riproduzione degli animali che le differenze sessuali fossero presenti sin dal momento del concepimento. I movimenti e i tempi di formazione del feto venivano caratterizzati da vivacità e vitalità per il maschio, e passività ed inerzia per le femmine. Medici, filosofi, teologi e precettori diedero credito a queste ipotesi, accettando di fatto che la debolezza femminile fosse una costante immutabile e permanente.

Anche le differenze sessuali erano concepite come causa della leggerezza del cervello femminile e della freddezza del suo temperamento, e a tutti gli effetti ostacolo alla comparsa di un'intelligenza piena e vivace.

Tutte queste argomentazioni, nel Medioevo, posero le basi di un'inferiorità femminile a priori; Aristotele dichiarò addirittura che la bambina raggiungeva l'età adulta e la vecchiaia prima del soggetto maschile a causa della sua debolezza, per questo motivo l'individuo femminile era soggetto ad un'infanzia più breve. Tali pregiudiziali convinzioni scientifiche, furono usate per giustificare, nel tempo, sotto le sembianze di un fatto naturale, l'ineguaglianza dei rapporti sociali tra uomini e donne.

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 07 Febbraio 2019 13:27 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Stefania Parmigiano . 04 Aprile 2020
La discussione sulla necessità di prevedere uno scudo penale per gli operatori socio-sanitari, in relazione al loro operato durante l’emergenza Covid-19, ha prodotto la richiesta di emendamenti al decreto legge cosiddetto Cura Italia, in considerazio...
Silvana Grippi . 04 Aprile 2020
Associazione DEAonlus    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  gratuita e al servizio di coloro che lottano per i diritti umani e per una giusta informazione. Crea...
DEApress . 04 Aprile 2020
"Il Corona virus ha uccisola libertà e compromesso il libero pensiero" Giuseppe Grippi (1923)
DEApress . 04 Aprile 2020
Dialogando in redazione Correva l’anno 1960 quando il maestro Manzi, in un programma del tardo pomeriggio, faceva lezioni della lingua italiana contribuendo così alla scolarizzazione - seppur presente con la scuola dell’obbligo – a una maggiore comp...
Fabrizio Cucchi . 03 Aprile 2020
Certi oggetti diventano "simboli" di un'epoca. Io temo che il simbolo di questo drammatico momento, oltre alla mascherina, sia il drone. Qualcosa di non umano, di un pò inquietante....Persino in Tunisia c’è una sorta di versione locale di “questi agg...
Silvana Grippi . 03 Aprile 2020
 
DEApress . 03 Aprile 2020
  Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si ...
Marco Ranaldi . 02 Aprile 2020
Di seguito la seconda parte dell'intervista a Maurizio Spaccazocchi. E i bambini ai tempi dello smart come interagiscono con la musica? Hanno trovato, un buon “trastullo” che più di altri, li sta imprigionando nella mentalità musicale negativa che ...
DEApress . 02 Aprile 2020
Riflessione tra due amici: Uno scenario. come quello che è presente, in questo momento a livello mondiale non ha, forse, precedenti nella storia dell’umanità. L’epidemia che il 2020 ha sviscerato, in tutto il globo, oltre agli effetti sanitari mostra...

Galleria DEA su YouTube