DEApress

Wednesday
Dec 07th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Barack Obama: quando la politica diventa marketing

E-mail Stampa PDF

Le elezioni presidenziali americane quest’anno passeranno alla storia, al di là di quale sarà il risultato, per due semplici motivi: la natura dei candidati (repubblicano sui generis l’uno, primo candidato nero l’altro) e per l’ampio e diffuso utilizzo di tutte le risorse comunicative del web 2.0.

Prendendo in esame quest’ultimo aspetto, si può dire, senza paure di smentite, che il senatore dell’Illinois abbia difatti già cambiato le regole del marketing elettorale. E lo ha fatto divenendo ed elevandosi a vero e proprio consumer brand. Un marchio presente ovunque. Obama everywere, diceva il suo sito. E così è. Lo staff di Obama è stato abile a sfruttare la sterminata di Internet garantendo presenza e visibilità al candidato post razziale, come è stato definito: myspace, facebbok, linkedlin, blog e sito personale, mygente, AsianAve, BlackPlanet,Flickr, youtube. Solo per citarne i più noti.  Già di per sé questo è stato un potente fattore innovativo, perché si è così potuto stabilire un contatto più diretto con i potenziali elettori, stimolando l’interazione attraverso i social networks, e guadagnandosi così la simpatia e il consenso soprattutto del mondo giovanile. E’ verosimile ritenere che buona parte dell’elettorato che voterà per Barack rientri e faccia parte di questa fetta di popolazione. 

Ma lo staff del democratico non si è fermato qui. Anzi ha progredito sempre più veloce sulla via dell’innovazione. Creando operazioni e campagne di marketing virale. Inviando sms, e-mail direttamente ai sostenitori che si erano iscritto sul sito del candidato. “Barack sta scegliendo il suo numero due e vuole che tu sia il primo a saperlo. Ci hai aiutato a costruire questo movimento dal basso e Barack vuole che tu prenda parte a questo importante momento”. Questa una delle tante e-mail ma emblematica quanto significativa.  Perché? Perché vengono bypassati tutto i tradizionali organi di informazioni e, mentre tutti si aspettavano una tradizionale conferenza stampa, si viene ancora stupiti, utilizzando un canale di comunicazione diretto ed immediato. Una strategia, quella adottata da Obama, definita, come ricorda il professor Antonino Sofi, cross mediale: il centro di gravità fisso sul web e gli altri media a girarci attorno come satelliti. La campagna di Obama ha tratto dal Web creatività, soldi e organizzazione. Ha tratto forza. Che è ritornata sui media tradizionali sotto forma di spot e idee.

Molti hanno sintetizzato l’Innovazione di Obama con il noto insegnamento di Confucio: “dimmi qualcosa e la dimenticherò, mostrami e forse ricorderò, coinvolgimi e comprenderò”. Azzeccatissima, direbbe Di Pietro. Perché esemplifica quali sono i vantaggi dell’utilizzo del web 2.0 nella comunicazione politica: l’aumento del grado di penetrazione tra la gente e la velocità di diffusione; la spinta verso la politica diretta (“democrazia diretta”); la possibilità di partecipazione da parte degli elettori potenziali attraverso la pubblicazione di video, foto, commenti, idee.
“Le elezioni, in questo modo, vengono percepite come una “esperienza collettiva”, come una sorta di “lavoro di squadra” in cui il cittadino è stato protagonista direttamente”. Ed’è forse proprio questa capacità di coinvolgere, di emozionare, di essere presente sempre e comunque, al fianco dell’americano medio, il quale oggi più che mai ha bisogno di sicurezza e avverte il bisogno di una svolta, che probabilmente sarà la leva strategica per il successo del candidato democratico.

 2 novembre 2008                                                                                                Simone Grasso

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 23 Gennaio 2009 00:19 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 07 Dicembre 2022
      Presentazione del libro "Per tutte per ciascuna, per tutti per ciascuno" di Filippo Kalomenidis  ospite nella città di Trento il 6 dicembre 2022.   "Il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale (DSRS) nas...
Silvana Grippi . 07 Dicembre 2022
Il 15 dicembre 2022, presso la Biblioteca delle Oblate di Firenze, si terrà la presentazione del libro: "Io e Cencio. Il movimento degli Arditi del Popolo dal 1919 al 1922"di Pierluigi Gatteschi a cura del centro socio-culturale D.E.A. e dell'A.N...
Silvana Grippi . 07 Dicembre 2022
  L'Associazione Novoli Bene Comune e la Casa Editrice D.E.A. presentano: Presentazione del libro "La storia infinita, l'Urban Center di Novoli" di Alberto di Cintio. Presso Le Murate, Caffè Letterario   Interverranno: L'autore Albe...
DEAPRESS . 07 Dicembre 2022
Mostra di M.C. Escherdal 20 ottobre 2022 al 23 marzo 2023, al Museo degl'Innocenti di Piazza Santissima Annunziata Una mostra antologica con circa 200 opere e i lavori più rappresentativi dell'artista, che si configura anche come primo grande even...
DEAPRESS . 07 Dicembre 2022
Riceviamo e pubblichiamo: “Il casolare sull’aia”: debutto letterario  di Paola Sbarbada Ferrari Il romanzo di Paola Sbarbada Ferrari tra spunti autobiografici e colori musicali Un esordio autorevole, quello di Paola Sbarbada F...
Silvana Grippi . 06 Dicembre 2022
Galleria DEA onlus in Via Alfani 16/r Firenze  Mercatino di Solidarietà per finanziare Edizioni DEA   7 dicembre 2022 - 7  gennaio 2023 Info: redazione@deapress.com
Silvio Terenzi . 05 Dicembre 2022
LUCA BOCCHETTI"Vado mo'?" Ascolta il disco su SPOTIFY Fresco di pubblicazione questo nuovo disco del cantautore romano Luca Bocchetti che promette un lavoro di totale indipendenza, prodotto a casa con un Tascam 8 tracce e poi quel certo sapor...
DEAPRESS . 05 Dicembre 2022
Siamo felici di segnalare il libro "The Translingual Verse. Migration, Rhythm and Resistance in Contemporary Italian Poetry" di Alice Loda (Legenda Edizioni). Come suggerisce la bellissima citazione iniziale di Gezim Hajdari ("Ci innamoriamo delle l...
DEAPRESS . 05 Dicembre 2022
Oggi ho ricevuto quella notizia che mai avrei voluto sentire. Anche se da tempo era nell'aria un pò di insofferenza da parte della nostra presidentessa Silvana Grippi, dovuta sia al mancato interessamento da parte dell'Assessorato alla Cultura (Set...

Galleria DEA su YouTube