DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Emergenza freddo e neve: prova superata

E-mail Stampa PDF

neve 3neve 1neve 2

 

E' stata un a di quelle settimane che le previsioni ci preannunciavano da Bollino Nero, vento siberiano con temperature polari e neve. In effetti non ci siamo fatti mancare nulla, anche se la realtà è stata fortunatamente più mite del previsto. Temperature che si sono fermate a -8 in città e neve che è caduta sono per alcune ore, quanto basta per imbiancare città e colline ma che grazie al quyasi immediato rialzo delle temperature è rimasta ben poco in città, nel tardo pomeriggio grazie ad una pioggia intensa si è quasi totalmente disciolta.
Le previsioni erano però di ben altro tenore ed allora proprio in questi casi che si testa la macchina organizzativa della Protezione Civile, si verifica se quanto si è pianificato, e su cui ci siamo esercitati nella realtà si può definire efficace a contrastare l'evento avverso.
A seguito delle avverse previsioni meteo ed alle prime avvisaglie di freddo, il Sindaco di concerto con il Dirigente del servizio Protezione Civile attiva immediatamente l'unità di crisi e questo già accade domenica sera, viene attivato anche il volontariato convenzionato con il Comune di Firenze per effettuare un servizio di monitoraggio del territorio comunale diviso in settori, incarico perlustrare e segnalare eventuali situazioni di pericolo per l'incolumità die cittadini e dEMERGENZA FREDDO e NEVE: Firenze supera la prova!elle infrastrutture pubbliche con particolare attenzione a rottura di tubi del servizio idrico e anomale formazioni di ghiaccio. Circa 105 volontari suddivisi in tre turni di quattro ore dalle 20.00 alle 08.00, 25 mezzi spargisale, non tutti operativi, alcuni fermi in postazioni strategiche in attesa di essere attivati, la sala operativa attiva 24 ore su 24, per raccogliere e gestire tutte le segnalazioni.

Si comincia domenica sera, si va avanti senza grosse criticità fino alla notte tra mercoledì e giovedì, quando verso le 01.30 inizia a nevicare. Quel sentimento a metà tra attesa soddisfazione e timore, si smorza immediatamente quando le radio dei volontari in perlustrazione iniziano a segnalare che i fiocchi cadono sempre più copiosi, al mattino Firenze si sveglia imbiancata da un soffice manto segnato da molte strisce scure, sono le strade che grazie all'opera sapientemente gestita sono quasi tutte percorribili. Vengono richiesti accertamenti sulle zone più critiche, quelle delle strade collinari, Trespiano, cavalcavia dell'Africo, Bellosguardo, Santa Margerita a Montici, addirittura c'è un'associazione di volontari che trasmette sul maxischermo della sala operativa immagini in diretta della situazione nelle varie zone, contributo efficace perché chi deve valutare e prendere decisioni possa farlo vedendo direttamente lo stato dei luoghi!
In città tutto è regolare, per quanto riguarda il traffico, poche macchine in giro, qualche temerario che si avventura anche con bici o moto, nelle strade collinari qualche difficoltà in più ma non si sono registrati blocchi o congestioni. Qualche problema in più per il trasporto pubblico, regolare il tram, hanno invece avuto problemi i bus, che seppur in servizio ridotto, paradossalmente a causa delle strade pulite si sono trovati in difficoltà! Erano usciti infatti dai depositi con le catene montate, ma a causa della poca neve le catene facevano sobbalzare le vetture e quindi si è dovuto procedere allo smontaggio operazioni che hanno richiesto tempo e quindi generato qualche ritardo. Intorno alle 15.00 la precipitazione nevosa si trasforma in acqua, piano piano la neve tende a sciogliersi, alle 19.00 già restano solo tracce e solo nelle zone più periferiche della città. Il Comune di Firenze, consultate le previsioni e meteo considerate le notizie di gelicidio che arrivano dalle regioni confinanti, dispone che comunque il servizio di monitoraggio del territorio per la prevenzione della formazione di ghiaccio debba restare attivo, la nottata scorre tranquilla nessuna segnalazione significativa giunge alla sala operativa.
Un sospiro di sollievo, nessun ferito, pochissimi disagi, missione compiuta, emergenza superata!

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 06 Marzo 2018 11:22 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Ottobre 2020
Antonella è stata sfrattata dalle case delle Minime e oggi un centinaio di sostenitori si sono riuniti in Piazza Signoria per manifestare sdegno e per darle solidarietà con un intervento del Targetti per spiegare l'accaduto del 21 ottobre 2020. &nbs...
DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...

Galleria DEA su YouTube