DEApress

Wednesday
Jul 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Verso il secondo sciopero per il clima

E-mail Stampa PDF

Dopo il (relativo) successo del primo "sciopero per il clima", lo scorso 15 Marzo, è in fase avanzata di preparazione un secondo evento globale della stessa portata: il secondo sciopero per il clima. Il giorno prescelto è il prossimo 24 Maggio. Il sito italiano di "Friday for future", il movimento internazionale che organizza questa protesta, riporta, a proposito degli obbiettivi da raggiungere: "L’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change, organismo internazionale per la valutazione dei cambiamenti climatici N.d.R) prevede che, se continuiamo al ritmo attuale e superiamo di 1,5°C l’aumento di temperatura media globale rispetto al periodo pre-industriale, vari feedback loops (meccanismi irreversibili, come ad esempio lo scioglimento del permafrost) entreranno in azione provocando un improvviso aumento della temperatura. A quel punto la situazione sarebbe totalmente fuori controllo e nessun intervento umano sarà più possibile. Per evitare questo rischio concreto, dobbiamo dimezzare le emissioni globali di CO2 entro il 2030 e azzerarle al 2050" (1).

L'esistenza effettiva di cambiamenti climatici legati alle attività umane è oramai un dato di fatto che tutti noi possiamo osservare. L'impatto di questi sulle nostre vite quotidiane è qualcosa che avviene oggi, al presente, non è più "un lontano futuro". Invece diverse catastrofi sono ormai facilmente prevedibili in un prossimo futuro. La colpa di tutto ciò è sicuramente da attribuire ai "padroni del vapore" che hanno voluto la crescita economica a tutti i costi. Adesso siamo "a guardare il conto", che pagheremo tutti noi, non solo "chi si è preso ciò che voleva".

Il primo sciopero globale, degli studenti contro i cambiamenti climatici, ha ottenuto una partecipazione notevole, anche se, come era prevedibile, molti -soprattutto, ma non esclusivamente, tra chi si dovrebbe, a parere di chi scrive, sentire un pò "in colpa"-  polemizzarono con l'iniziativa (2). Il parlamento britannico, anche grazie alle altre proteste sullo stesso tema denominate "Extinction Rebellion" (3), ha dichiarato ufficialmente lo scorso 1 Maggio l'esistenza di un'emergenza legata ai cambiamenti climatici (4), anche se rimane il dubbio che si tratti di una mera formalità. Lo scorso 9 Maggio, anche il parlamento irlandese rilasciava un'analoga dichiarazione (5). Misure un pò più pratiche sono state decise localmente in Scozia e Galles (6).

Per quanto riguarda l'Italia, al di là del "clamore mediatico", poco o nulla di concreto è stato ottenuto con le proteste dello scorso 15 Marzo. Speriamo che questo nuovo sciopero possa ottenere qualche risultato tangibile. In alcune località però si sono comunque creati "gruppi di lavoro locali", come per esempio a Cuneo, dove, come riporta la stampa locale, ogni venerdì gruppi di studenti si ritrovano per raccogliere rifiuti abbandonati e condividere un pranzo a tema (7) e la speranza -forse- è anche quella che una maggiore consapevolezza sul tema sia di per sé stessa un risultato.

Fabrizio Cucchi, DEApress

(1)http://www.fridaysforfutureitalia.it/
(2) Qualche esempio? https://www.ilsussidiario.net/news/cronaca/2019/3/14/sciopero-venerdi-15-marzo-di-studenti-e-docenti-in-piazza-per-il-clima-gli-orari/1859228/
(3)https://www.pressenza.com/it/2019/04/emergenza-clima-a-londra-protesta-extinction-rebellion/
(4)https://www.bbc.com/news/uk-politics-48126677
(5)https://www.bbc.com/news/world-europe-48221080
(6)https://www.bbc.com/news/uk-scotland-48123960
(7)http://www.targatocn.it/2019/03/26/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/24-maggio-2019-e-la-data-per-il-secondo-sciopero-mondiale-per-il-futuro.html

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 23 Luglio 2019
Nel nord-est della Siria, dove incombono le propaggini sud-occidentali delle catene montuose anatoliche, c'è la parte di territorio definito "Kurdistan siriano" o "Rojava". Tribù kurde sono presenti anche nella regione semimontuosa dell'est del Paes...
DEApress . 23 Luglio 2019
Con la caduta dell'impero ottomano e la nascita della Repubblica turca guidata da Mustafa Kemal Atatürk, si impone un modello di stato a forte impronta nazionalista che esalta la cultura, la lingua e le abitudini turche. I kurdi costituiscono il gru...
Silvana Grippi . 22 Luglio 2019
Lo scopo del laboratorio DEApress è imparare il lavoro di Redattore sociale: 1. La comunicazione indispensabile per inquadrare le problematiche sociali; 2. L'informazione da divulgare 3. La formazione per poi poter insengnare. Laboratorio a...
Marco Ranaldi . 22 Luglio 2019
Che Tex Willer fosse un mito questo lo si sapeva da lungo tempo. Oggi che ha compiuto 70 anni di permanenza nelle edicole italiane lo è di più poichè è dura essere vegliardi nel fumetto di casa nostra. Solo la tenacia dei Bonelli poteva presagire tan...
DEApress . 22 Luglio 2019
Paolo Sorrentino riceve il Premio Fiesole ai Maestri del Cinema 2019 “I film sono belli quando si occupano del falso” Fiesole (Firenze), 18 giugno – “I film sono belli quando si occupano del falso. La verità, secondo me, dentro un film si ra...
DEApress . 22 Luglio 2019
www.middleastnow.it   Middle East Now   /// Global Connections:   ...
DEApress . 20 Luglio 2019
I Kurdi nel corso dei secoli Le origini del popolo kurdo risalgono a tempi remotissimi: quando dall'Asia centrale si mosse la grande massa di indoiraniani, dividendosi verso l'India da una parte e l'Europa dall'altra; vari gruppi, col passare del te...
DEApress . 19 Luglio 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Cosimo Biliotti . 19 Luglio 2019
Sono passati quasi 11 anni dal fatidico settembre del 2008 quando la famiglia Della Valle lanciò in grande stile l'idea del nuovo stadio per Firenze. Da allora una successione di piccoli passi pareva stesse avvicinando la città all'obbiettivo, lent...

Galleria DEA su YouTube