DEApress

Sunday
Jan 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tunisi restituisce all'Italia migliaia di tonnellate di rifiuti

E-mail Stampa PDF

                           Tunisi restituisce all'Italia migliaia di tonnellate di rifiuti

     7/11/2020

Le autorità tunisine hanno sequestrato migliaia di tonnellate di rifiuti nocivi importati dall'Italia a seguito di un rapporto investigativo trasmesso dalla TV locale, ha riferito venerdì RT .

Secondo RT , le autorità tunisine hanno bloccato 70 container di rifiuti al porto di Sousse per restituirli in Italia, dopo aver controllato altri 200 container tra cui migliaia di tonnellate di rifiuti.

In un comunicato stampa, il Ministero degli Affari Locali e dell'Ambiente ha dichiarato che si è tenuta una riunione multipartitica per discutere la questione e si è deciso di rifiutare tutti i nuovi contenitori e di restituire alla fonte tutte le quantità precedentemente importate.

Il ministero ha ribadito di non aver rilasciato alcuna licenza per l'importazione di rifiuti dall'estero e ha annunciato l'apertura di un'indagine sulla questione.

Secondo quanto riportato dai media tunisini, 70 contenitori di rifiuti provenienti dall'Italia con 120 tonnellate di rifiuti, compresi i rifiuti ospedalieri, saranno sequestrati all'arrivo al porto di Sousse.

Più di 200 altri container provenienti dall'Italia, affermano i rapporti, sarebbero rimasti al porto per essere controllati. I rapporti prevedono che tutti i rifiuti vengano restituiti alla fonte.

La Tunisia ha concluso un accordo con un'azienda italiana per l'importazione di 120mila tonnellate di rifiuti all'anno, al costo di 48 euro la tonnellata. Le importazioni dovrebbero essere rifiuti di plastica riciclabili, ma le autorità hanno confermato che non sono riciclabili e sono quindi oggetto di dumping nel suolo tunisino.

fonte :meaddle east monitor

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 23 Gennaio 2021
Ore 15.00 - Il carcere è tortura - Con questo slogan si sono ritrovati oggi circa  trecento persone appartenenti a Centri sociali, Associazioni, Comitati, collettivi studenteschi e gente comune, Gruppi e Partiti politici della sinistra. S...
Marco Ranaldi . 23 Gennaio 2021
Lo sappiamo bene, abbiamo imparato a convivere con tutto il peggio che questa "insolita" pandemia ci ha portato a considerare. La limitazione delle libertà, la continua ricerca di ansie nuove e l'infinitesimale distanza fra centro del potere e libero...
DEApress . 22 Gennaio 2021
EVA: UN’AVVOCATA CHE TUTELA LE FAMIGLIE DEGLI IMMIGRATI Di Laura Ciampini   Eva González Pérez è nata a Cáceres, la sua famiglia si è trasferita dalla Spagna franchista in Olanda, dove Eva si è laureate in Giurisprudenza. Oggi è l’ avvocata ...
DEApress . 21 Gennaio 2021
                                                        E' stato completato da pochi giorni un grande mu...
Fabrizio Cucchi . 21 Gennaio 2021
In Tunisia è in corso un' ondata di proteste. Più di 600 persone, in gran parte giovani e giovanissimi, sono stati arrestati a partire dallo scorso venerdì, quando, nella notte, nonostante il coprifuoco, manifestanti e polizia sono stati protagonisti...
DEApress . 21 Gennaio 2021
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:     Amici della Musica  Aldo Ciccolini protagonista del concerto in streaming e dei materiali dagli archivi di questa settimana Proseguono le attività a distanza degli Amici della Musica, conc...
Silvana Grippi . 20 Gennaio 2021
Il CENTRO STUDI D.E.A onlus è a disposizione di Studenti, Laureandi, Laureati, Dottorandi e Ricercatori.   Scrittori, Free Lance, Artisti e Creativi Per info redazione@deapress.com
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:   Buongiorno, inviamo, in allegato, il comunicato stampa relativo alle riaperture degli spazi delle Gallerie degli Uffizi e alcune immagini sulla riapertura del Giardino di Boboli di oggi. Il Giardino di Boboli...
Silvana Grippi . 19 Gennaio 2021
In Sicilia, dal VIII al X secolo d.c., la poesia ha svolto un ruolo importante, alcune fonti ricordano come i sovrani e i ceti benestanti si appropriarono di questa forma di cultura popolare e la fecero diventare mezzo di esaltazione del potere ad op...

Galleria DEA su YouTube