DEApress

Friday
Jun 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

"Picco del legname" tropicale

E-mail Stampa PDF

Da vari anni si discute sul cosiddetto “picco del petrolio” ossia del momento in cui l’estrazione del petrolio raggiungerà il  massimo del possibile, e dati i tempi enormi per la sua naturale formazione, non potrà che ridursi progressivamente. Ieri, un articolo firmato da M.Kinver, pubblicato sul sito della BBC (http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-16682177 ), citando vari studi in proposito, metteva in guardia a proposito del “picco del legname” tropicale. Pur rimando i lettori all’articolo citato per approfondimenti, vorrei citare in breve  alcuni dei dati proposti. Innanzitutto ogni anno, il solo taglio illegale di alberi fa scomparire  un'area di foresta pari alla superfice dell’Austria. Le stime ufficiali indicano che è di origine illegale “tra il 20 % e il 50% di tutto il legname in commercio. C’è da considerare inoltre il taglio derivante dall’apertura di strade, miniere illegali etc. Infine, anche il taglio “legale” ossia i cicli ormai standard di 30-40 anni  (“the standard cutting cycle of 30-40 years”), sono troppo corti per permettere agli alberi di crescere del volume richiesto dal taglio commerciale. Come mio solito, invito i lettori a riflettere che non si tratta di problemi “lontani”. Nel “nostro piccolo”, in Italia non si fa assolutamente nulla per aumentare la superficie boschiva (anzi, vari indizi suggeriscono che diminuisce, oltre all’incolto, anche il coltivato, a vantaggio del cemento). Con questa premessa, è oggettivamente difficile andare a criticare ciò che succede "in casa d'altri". E, si continuerà a non fare nulla, finchè questi argomenti (come quelli- del resto  collegati - della sovrappopolazione e dell’eccessiva densità demografica) resteranno ignorati dal dibattito politico. Non per sminuire l’importanza di altri temi, ma  per poter considerare “globalmente” ogni cosa. La cosiddetta sinistra dovrebbe rifletterci, sia come “problema interno”, sia come rapporti nei confronti di governi pressochè unanimamete considerati progressisti, come quello brasiliano, che, non molto tempo fà (http://www.bbc.co.uk/news/world-latin-america-16065069 ) ha approvato nuove leggi per estendere il potere dei latifondisti di disboscare a loro piacimento.

Fabrizio Cucchi, DEApress

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 26 Gennaio 2012 21:04 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Giugno 2019
DEApress . 20 Giugno 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Silvana Grippi . 20 Giugno 2019
 Agenzia di stampa - DEAonlus Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress crea opportunità di dialogo e scambi Presente alle iniziative per l'ambiente e il sociale organizza forum, eventi e dibattiti  su imm...
Silvio Terenzi . 20 Giugno 2019
ANCE“Anche se” “Anche se” - OFFICIAL HD Nuovo singolo per il cantautore toscano Andrea Lovito, in arte ANCE, che con la RadiciMusic pubblica questo nuovo brano fresco con la produzione artistica di Gianfilippo Boni, goliardico, decisamente ricco ...
DEApress . 20 Giugno 2019
Il rap dei detenuti nel nuovo cd 'Vorrei, Potrei, Andrei' Una compilation di 23 tracce realizzate dai detenuti nel carcere 'M. Gozzini' e nell'Istituto Penale per Minorenni 'G.Meucci' di Firenze, che utilizza il rap come strumento educativo, di in...
Erika Lapini . 19 Giugno 2019
Fra mille difficoltà obiettivo raggiunto Dal nostro consuntivo di metà anno abbiamo riscontrato nella nostra quasi trentennale attività che, per la prima volta, siamo riusciti ad autofinanziarci con le nostre forze attraverso la vendita e ...
Erika Lapini . 19 Giugno 2019
Cantiere-scuola in aiuto ai restauratori A far risplendere l'ingresso del Chiostro Grande della Basilica della Santissima Annunziata hanno collaborato sedici studenti selezionati dalle sezioni di pittura/scultura dell'istituto d'Arte di Porta R...
Erika Lapini . 18 Giugno 2019
CONTACT WARHOL "fotografia senza fine" di PEGGY PHELAN e RICHARD MEYER «Una foto significa che so dove sono stato ogni minuto. Ecco perché fotografo» - Andy Warhol Le creazioni artistiche di Andy Warhol sono diffuse e note a tutti, ma non si par...

Galleria DEA su YouTube