DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Efferato omicidio nell'indifferenza dei presenti

E-mail Stampa PDF

Venerdì scorso un uomo è stato ucciso in pieno giorno per le strade di Civitanova Marche (Macerata) nell' indifferenza dei passanti.

Un video mostra la vittima ripetutamente colpita e schiacciata per terra dal suo assalitore. Il morto era un venditore ambulante nigeriano, cosa che purtroppo ci fa pensare ad un movente razzista del criminale gesto. Ma, è la mancata reazione dei presenti -che si sono limitati a filmare la scena- che dovrebbe farci riflettere tutti. Questo nonostante il livello impressionante di violenza dimostrato dall'assalitore. La vittima era un padre di famiglia che cercava ogni giorno di procacciare il sostentamento per i due figli con un' attività tra le più umili. Come se ciò non bastasse, un'altro omicidio ai danni di un migrante è stato commesso poche ore dopo a Recanati, nella stessa provincia. Sebbene le circostanze di questi episodi rimangono "al vaglio degli inquirenti" la futilità dei probabili motivi di questi atroci gesti è un'ulteriore aggravante.

Ieri la comunità locale nigeriana ha manifestato il suo sdegno per l'accaduto, e tutti i politici in piena campagna elettorale si sono affrettati a "dire la loro". Data la gravità dell'accaduto, persino la stampa internazionale ha dato un certo risalto all'accaduto, cosa che prova oltre ogni ragionevole dubbio che lo stato di abbruttimento morale che imperversa a tutti i livelli in Italia è ormai evidente e innegabile. Purtroppo abbiamo raggiunto un livello tale di assuefazione a ogni barbarie che ogni nuovo episodio di morte e di violenza, lungi dallo scuotere le coscienze diventa solo un pretesto per chiedere "più sicurezza e più polizia". Persino se un omicidio avviene di fronte a noi, noi non facciamo nulla per fermarlo. Anche la rapida circolazione sul web del video dell'assassinio, sembra più rispondere a un certo "voyeurismo" della violenza che ad altro. Noi dovremmo invece interrogarci sulle profonde carenze di un sistema scolastico che si pone l'unico obbiettivo di forgiare schiavi "adeguati" alle esigenze dei padroni del vapore...Dimenticando così ogni valore umano e civico che segna la differenza tra la civiltà e la barbarie. 

Non si è trattato infatti - purtroppo- di un caso isolato dovuto ad una particolare crudeltà di un singolo, ma di un episodio -neppure isolato - in cui tutta la collettività ha dimostrato la propria colpevole indifferenza di fronte ad un'efferato assassinio. Invece di "puntare il dito" sull'esecutore materiale del gesto, dovremmo interrogarci sul perchè non è stato fermato da nessuno, nonostante abbia agito "di fronte agli occhi" di tutta la città. Ovviamente "ci laviamo le mani" parlando di "disagio psichico" dell'assassino, dimenticando che egli ha ucciso solo grazie al mancato intervento dei cosiddetti "normali", che hanno assistito al sanguinoso gesto. Invece di parlare del "disagio" del singolo,  dovremmo chiederci che cosa è diventato l'uomo "normale".  La puntuale ricorrenza di simili episodi di indifferenza dovrebbe suonare come un campanello d'allarme sull'esser venuta ormai meno ogni traccia di civiltà nel cosiddetto "Belpaese". Noi dobbiamo imparare di nuovo a sentirci personalmente colpevoli e individualmente coinvolti quando si verificano simili scelleratezze. L'obbiettivo di apprendere nuovamente i sentimenti perduti,  è più importante e più urgente del foraggiare i pescicani di Piazza Affari. Purtroppo noi in Italia siamo giunti a un livello in cui ci si preoccupa solo del far crescere i profitti delle aziende. E il risultato è in episodi come quello di Civitanova Marche.

Fabrizio Cucchi/DEApress

Fonti:

https://www.ansa.it/marche/notizie/2022/07/29/ambulante-ucciso-a-civitanova-polemiche-per-mancato-intervento_9e527053-782b-4300-9bc8-757f481a125a.html

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2022/07/30/un-22enne-di-origini-nordafricane-accoltellato-da-47enne-di-recanati_857b6174-a03a-4e59-9209-5729fbcb5a2d.html

https://www.bbc.com/news/world-62361744

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 01 Agosto 2022 11:21 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube