DEApress

Wednesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

NATALIA GONCHAROVA

E-mail Stampa PDF

NATALIA GONCHAROVA Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso – 28 settembre 2019 – 12 gennaio 2020

alt

Firenze, Palazzo Strozzi celebra Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, attraverso una grande retrospettiva che ripercorre la sua vita controcorrente e la sua produzione artistica a confronto con opere di celebri artisti che sono stati per lei punti di riferimento come Paul Gauguin, Henri Matisse, Pablo Picasso, Umberto Boccioni.

L’esposizione – a cura di Ludovica Sebregondi, Fondazione Palazzo Strozzi, Matthew Gale, Head of Displays e Natalia Sidlina, Curator, International Art, Tate Modern – esalta la poliedricità di Natalia Goncharova(Governatorato di Tula 1881-Parigi 1962), tra i principali artisti dell’avanguardia russa, attiva come pittrice, costumista, illustratrice, grafica, scenografa, decoratrice, stilista, ma anche come attrice cinematografica, ballerina e performing artistante litteram.

Prima figura femminile a imporsi nel panorama internazionale, Natalia Goncharova ha vissuto per l’arte in maniera totale e anticonformista. Ha esposto nelle più importanti mostre dell’avanguardia europea, tra Monaco, Berlino, Parigi e Londra, mentre a Mosca ha partecipato a performance in cui ha sfilato nella zona più elegante della città con il volto e il corpo dipinti con immagini e frasi destinate a scandalizzare i benpensanti. Sfidando la pubblica morale è stata la prima donna ad aver esposto dipinti raffiguranti nudi femminili, e per questo accusata e processata. Per oltre cinquant’anni ha vissuto e lavorato insieme all’artista Mikhail Larionov in modo libero e aperto, arrivando al matrimonio solo negli ultimi anni di vita e solo per tutelare il comune lavoro. Eroina dell’avanguardia russa, ha vissuto come esule a Parigi per continuare a lavorare senza costrizioni. Attraverso la sua arte ha creato una fusione originale e potente di tradizione e innovazione, Oriente e Occidente, rendendo la propria opera un esempio unico di sperimentazione tra stili e generi artistici. Natalia ha infatti unito in maniera fortemente personale elementi iconici della tradizione popolare e religiosa russa alle istanze dell’arte moderna occidentale, passando attraverso il periodo eroico del primo Novecento, quello della Grande guerra e della Parigi degli anni Venti: dal primitivismo di Gauguin e dal cromatismo di Matisse alla forza costruttrice di Picasso, fino al dinamismo di Boccioni e Balla.

LA MOSTRA

 

In una sorta di viaggio tra la campagna russa dove è cresciuta, Mosca dove si è formata, e Parigi dove ha scelto di vivere, la mostra permette di raccontare la straordinaria vivacità di un’artista originale e innovativa, vera e propria enfant terrible dell’avanguardia. Il percorso ospita 130 opere, in prestito da importanti collezioni e istituti internazionali: da musei russi quali la Galleria Tretyakov di Mosca e il Museo Statale Russo di San Pietroburgo, e dalle collezioni della Tate, della National Gallery, della Estorick Collectione del Victoria and Albert Museum di Londra. Fondamentali anche i prestiti da istituzioni italiane come i milanesi Museo del Novecento e il Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco, oltre che dal Mart di Rovereto. Tra le principali opere presenti in mostra lavori giovanili quali l’Autoritratto con gigli gialli (1907-1908), la tela Contadini che raccolgono le mele (1911), il polittico della Mietitura (1911) e i suoi dipinti di nudi, che la portarono a processo per oscenità. Una sezione dedicata alle opere religiose accoglie tra l’altro il monumentale polittico degli Evangelisti (1911), che nel 1914 a San Pietroburgo sconvolse il pubblico e fu ritirato dalle autorità. In occasione della mostra è stato restaurato il grande paravento commissionato a Natalia nel 1927 per l’Arts Club di Chicago dalla raffinata collezionista americana Rue Winterbotham Carpenter.

alt

La mostra mette a confronto importanti opere di futuristi italiani, come lo studio per il dinamismo tra il ciclista di Boccioni e il Ciclista di Goncharova che permette di apprezzare analogie e differenze tra Futurismo italiano e russo.

Nella sezione dedicata al soggiorno italiano di Natalia e Mikhail, sono inclusi due lavori riemersi recentemente: Quattro Evangelisti, esposto all’epoca, da allora mai più esibito, e Icona del Salvatore, totalmente inedito. Donati all’amica artista boema Rougena Zátková, rappresentano una significativa testimonianza dell’uso di Natalia di donare proprie opere alle persone care. Fotografie d’epoca illustrano la biografia di Natalia, mentre alcuni video introducono al suo mondo e alla sua epoca: la vita rurale e urbana russa prima della Rivoluzione, la religiosità ortodossa e l’affascinante ambiente dei Ballets Russes di Serge Diaghilev. Il teatro le ha infatti assicurato rapidamente fama internazionale, grazie a scene e costumi di un esplosivo colorismo, che interpretano con grande vivacità l’animo russo, come quelli per il Coq d’or e l’Oiseau de feu. Anche l’allestimento della mostra rievoca le tinte forti, decise, che sono prerogativa di Natalia, utilizzando una rielaborazione grafica di motivi decorativi desunti dalle sue illustrazioni di libri, per un’immersione totale nella molteplice e spettacolare realtà dell’artista.

alt

Orari Tutti i giorni 10.00-20.00, Giovedì 10.00-23.00. Dalle ore 9.00 solo su prenotazione. Accesso consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura. Biglietti: intero € 13,00; ridotto € 10,00; scuole € 4,00.

Informazioni +39 0552645155 www.palazzostrozzi.org

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvio Terenzi . 23 Ottobre 2019
CISCO"INDIANI & COWBOY" "L'ERBA CATTIVA" - Official HD Torna in scena, discografica si'intenda, il grande Stefano "CISCO" Bellotti, storica voce dei Modena City Ramblers... una storia importantissima per quelli che come me hanno vissuto un'intera...
Antonella Burberi . 23 Ottobre 2019
Jim Dine - White gloves 4 Wheels 2007 smalto a base olio e carboncino su legno 207x148x61 cm Firenze, Villa Bardini - Dal 22 ottobre al 22 marzo, oltre 50 opere tra sculture in legno, ferro e cartapesta, dipinti, bronzi ma anche foto e video. P...
Silvana Grippi . 22 Ottobre 2019
«Le guerre sono le attività umane più stupide e costose; il mio Paese, gli Stati uniti, ne ha fatte molte, violando il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite; le guerre sono un atto volontario, una scelta che è dunque possibile evitare...
DEApress . 21 Ottobre 2019
Riceviamo e pubblichiamo da Medici per i diritti umani : "LA CATTIVA STAGIONERapporto sulle condizioni di vita e di lavoro dei braccianti nella Capitanata Foggia, 21 ottobre 2019 – Medici per i Diritti Umani (MEDU) ha presentato oggi, presso l’Audi...
Silvana Grippi . 21 Ottobre 2019
CALENDARIO Teatro della Pergola 24 ottobre – 3 novembre | (ore 20:45, domenica ore 15:45; riposo lunedì 28 ottobre) Fondazione Teatro della Toscana in coproduzione con Teatro Stabile di Torino, Teatro Biondo di Palermo Gabriele Lavia...
Silvana Grippi . 21 Ottobre 2019
Presentazione dei  Festival dei Popoli a Firenze foto di silvNa grippi      
DEApress . 21 Ottobre 2019
Il Festival dei Popoli, Festival Internazionale del Film documentario riapre i battenti. Dal 2 al 9 novembre va in scena la 60esima edizione della rassegna cinematografica che racconta diversi popoli e culture. teaqtro dell'evento sarà prin...
Silvio Terenzi . 21 Ottobre 2019
VALENTINA GULLACE"La mia stanza segreta" "La responsabilità di te" - OFFICIAL HD L'abbiamo conosciuta sul grande schermo, in teatro e tanto altro... ma oggi la storia di Valentina Gullace passa per la musica dallo spiccato taglio Jazz, mescolando...
Silvana Grippi . 21 Ottobre 2019
Comune di Firenze -  Consiglio di Quartiere 2 e Centro socioculturale D.E.A. presentano la XIII Edizione FESTIVAL MEDIAMIX  "In viaggio" - Arte e Ambiente Letteratura - Arte - Cortometraggi & Fotoreportage   Il pr...

Galleria DEA su YouTube