DEApress

Friday
May 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il Forte Belvedere

E-mail Stampa PDF

Storia vissuta direttamente . Il Forte Belvedere. Ebbene, anche il Forte Belvedere ho avuto la fortuna (o sfortuna) di conoscere. È stato costruito e finito alla fine del 500, da Ferdinando primo, figlio di Cosimo primo de Medici, per due motivi. Il principale, il Forte Belvedere essendo costruito sopra il poggio del costa San Giorgio e il giardino di boboli, parte sud della città fortificata, era il prolungamento blindato e fortificato del corridoio Vasariano, che conducevano i regnanti che dal palazzo sede governativa della città, ( palazzo Vecchio) potevano fuggire e mettersi in salvo da tumulti o ribellioni interne di Firenze. Il pericolo era quotidiano e palpabile, dal tempo dei Ciompi, dei Pazzi ecc..

il secondo motivo della sua costruzione era maggiore fortificazione dall'esterno. Dai possibili assedi di eserciti potenti che volevano entrare da sud. Ma già dal inizio del 500 sul poggio costa San Giorgio c'erano dei bastioni fortificati progettati dal Michelangelo stesso per sopperire agli assedi già avvenuto in precedenza (spagnolo). Ma erano cinte murarie fortificate. Dopo con Ferdinando primo, e costruito dal Architetto Buontalenti, da non confondere con il gelato, verrà costruito una vera e propria fortezza con 5 grandi bastioni, due puntati sulla città e tre sul sud. In modo da formare un pentagono con area interna di oltre 9000 metri quadrati.  E chi studia forme di fortificazione geometriche sicuramente sa e conosce che il pentagono è la forma geometrica più efficace alle pressioni esterne. Un esempio semplice. La sede del ministero della difesa statunitense (impero attuale dominante) è un grande pentagono e chiamato pentagono. 

Il Forte Belvedere di Firenze non era la santa barbara della città (depositi di armi e munizioni) ma un sufficiente presidio di soldati, è situato in una posizione strategica centrale. E di bella vista. Ci sono stati dei tristi giorni di lutto, in periodo recente, una signora fiorentina e un giovane romano, in visita turistico o di festa, sono caduti dalle mure, tutti nella zona est confine giardino di boboli,e deceduti....per mancanza segnale di pericolo o perché non transennato il punto critico. 
Ma ora parliamo di cose belle. Il forte Belvedere è stato, è, e spero sarà luogo di eventi, sia artistico, che di gourmet che letterario, o moda, alta moda, o qualsiasi convegno sia nazionale che mondiale. Il luogo è incantevole e prestigioso, sembra di saltare con un passo più lungo, sulla città. 
Ora spiego perché oggi ho voluto scrivere sul belvedere. Perché lo conosco bene. Vi ricordate quando scrissi che avevo (nei miei 150 anni e non 64) ho lavorato in tante ditte di catering e visitato oltre 50 luoghi tra palazzi castelli dimore ecc ecc, ebbene ho fatto anche un paio di servizi al Forte, ne ricordo una in particolare, indimenticabile. Forse la più grande festa di catering che io abbia fatto in Toscana. Era il '97,  o il '98. Non mi ricordo bene!
Ma era per Pitti Uomo. Il 24 giugno.  Il Forte Belvedere era stato preso a carico noleggio completamente per oltre 30 gg dal inizio per organizzare evento del 24 giugno, la festa, la sera, sarebbe durata in tutto due ore. E poi si doveva smontare tutto, poi altri cinque giorni. con il catering Il Convivium e sono stato là dieci giorni.
Costo totale dell'evento 6 miliardi di lire. Costi per il catering 500 milioni di lire. Non sono balle quello che scrivo.Il committente era Holding Ugo Boss. Con quel evento voleva dare un schiaffo a tutti (Armani, Versace, Valentino, ecc ecc) a tutti. Perché in quel anno il suo fatturato tot, superava la somma di tutti gli altri messi insieme. Cosi si diceva li tra le maestranze. E poi ho avuto la fortuna di conoscere la vera mente di Hugo Boss, un ragazzo di trent'anni. Un genio puro. Nome:Alen, belga, come il suo principale, di origine italiana, con Alen ero io che facevo da cuscinetto con il catering, quando c'era incomprensione di dettagli. Con Alen parlavo in francese o inglese. Hugo Boss non si è mai visto, solo il giorno della performance, è venuto in elicottero ed atterraggio vicino, e c'era sempre anche un altro elicottero in volo, quello della sicurezza. E attorno al Forte c'erano 70 guardie private. Ora mi fermo. Spiegherò domani o quando ho voglia
E racconterò perché era così costosa. 
 

Marco Eracli/DEApress

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 16 Aprile 2024 16:18 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEAPRESS . 23 Maggio 2024
DAL 26 MAGGIO AL 21 LUGLIO 2024GIULIANO VANGI: IL DISEGNOa cura di Marco Fagioli e Nicoletta Ossanna CavadiniSpazio Officina, Chiasso[...]Dal 26 maggio al 21 luglio 2024 lo Spazio Officina ospita la mostra GIULIANO VANGI: IL DISEGNO, a cura di Marco ...
Silvana Grippi . 23 Maggio 2024
ph Silvana Grippi
Silvana Grippi . 22 Maggio 2024
   Comune di Firenze Quartiere 2 - Centro Socio-Culturale D.E.A.   XVIII Festival Mediamix Senza confini   Il Centro Socio-Culturale D.E.A. con il Quartiere 2 del Comune di Firenze, è lieto di comunicare l’organi...
DEAPRESS . 22 Maggio 2024
  XVIII Festival Mediamix Regolamento del concorso “Senza Confini” Requisiti di partecipazione: · Copia CD, Pendrive, posta o email · Scheda di partecipazione compilata in stampatello e firmata dall’autore. · Scheda tecnica dell’opera...
DEAPRESS . 21 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo   COMUNICATO STAMPA Nell'occasione sarà presentato il libro “Tiziano Terzani mi disse” di Jacopo StorniTiziano Terzani, serata omaggio nel suo quartiere natale Monticelli (Firenze)Nel ventennale della morte, un even...
Fabrizio Cucchi . 20 Maggio 2024
Riceviamo e pubblichiamo:"La cultura umanistica all’Università di Firenze, sette maestri raccontati da allievi e colleghiDue appuntamenti in Via Laura martedì 21 maggio nel programma del centenario dell’Ateneo L'eredità di Oreste Macrí, Arnaldo Pizzo...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
Il 6 luglio a Cesenatico mi verrà consegnato un premio: è una biennale arte visiva contemporanea. Due anni fa all'inizio del mio percorso ero alla biennale di Cesenatico con questo quadro, che è rimasto poi esposto tutta l'estate all'hotel Brixton ...
DEAPRESS . 20 Maggio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo L’Associazione Novoli Bene Comune e l’Unità di Ricerca “Paesaggio, Patrimonio culturale, Progetto” del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze Invitano la cittadinanza alla present...
Fabrizio Cucchi . 19 Maggio 2024
Il difficile processo di decolonizzazione non può dirsi ancora compiuto. Per non parlare qui dei fenomeni colonialistici che hanno preso piede negli ultimi 30-40 anni, molte aree del terzo mondo sono ancora direttamente sotto il completo e formale co...

Galleria DEA su YouTube