DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il regista Guadagnino presenta Ferragamo a Venezia

E-mail Stampa PDF

Palazzo Spini Feroni - Ponte Santa Trinità 
Foto Ni Weijun/Archivio DEApress

0.jpg

 

 A Firenze troviamo il museo di Salvatore Ferragamo dove raconta la storia della sua vita ed espone tutti i suoi lavori più importanti. Ferragamo è un uomo che ha vissuto tutta la vita da outsider. Nasce a Bonito il 5 giugno 1898 e muore il 7 agosto del 1960. Giovanotto intraprendente che dal paese natale si trasferisce a Napoli dove impara il mestiere di calzolaio.Emigra a New York e viaggia in vari posti: Santa Barbara, California e si ferma ad Hollywood diventando carpaio dei divi del cinema muto. Dopo aver messo da parte molti risparmi ritorna in Italia e si ferma a Firenze dove finalmente trova una sua collocazione. Con la sua capacità linguistica appresa in America ed essendo un uomo di forte personalità riesce ad attrarre molti personaggi del cinema americano (turisti in Italia) che negli anni 50/60 attraverso il passa parola si innamorano del Made in Italy. Così diventa un famoso artigiano e poi un vero imprenditore.  Diventa un marchio di artigianato e qualità quando inizia a servire i Kennedy, la Callas, Onassis. I prototipi dei suoi lavori sono esposti nel Museo fiorentino. La famiglia con il marchio ha ampliato molti settori, articoli di abbigliamento e accessori: borse, gioielli, occhiali, fragranze ed altri prodotti. Le sfilate di moda poi lo faranno conoscere in tutto il mondo della moda.

Una vita travagliata ma anche fortunata : ora è diventato un ineressante docufilm con aggiunte filmiche di repertorio e così ora verrà conosciuto dal grande pubblico per le sue immagini storiche portate al Festival di Venezia dal regista Guadagnino.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 08 Settembre 2020 10:50 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube