DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Collettivo Tina Modotti - Firenze

E-mail Stampa PDF

 Mercoledi 20 febbraio si è tenuta la presentazione pubblica del Collettivo Fotografico "COLFOT Tina Modotti", ospitato presso la sede dell'Associazione Culturale Mariano Ferreyra di via degli Alfani 13r, a Firenze.

In occasione del lancio del collettivo è stato presentato il lavoro monografico "Tina Modotti. Fotografa, niente più" sulla fotografa, emigrata in America dall'Italia, durante il suo viaggio di lavoro per documentare  l'attività nel Messico postrivoluzionario, attraverso l'interpretazione semantica di cinque sue fotograf‌ie realizzate tra il 1926 e il 1929.
Ripercorrendo gli anni d'oro della fotograf‌ia della Modotti, è possibile awicinarsi alla storia del Messico: dei peones, dei campesini che lottavano per la rivoluzione; il Messico del muraiisti e dell'arte del popolo, dei matriarcato e delle lotte per la Riforma Agraria. Sarà così possibile notare come la vicenda biografica della Modotti si sovrapponga con alcuni dei più importanti eventi della prima metà del XX secolo. Dalla Rivoluzione messicana alla Guerra civile spagnola, passando per il Comintern e per il Movimento Spartàchista, per la lotta contro Machado a Cuba e per la campagna di liberazione di Sacco e Vanzetti. L'inaugurazione del collettivo fotografico è così un'ottima occasione per scoprire quest'artista politicizzata, passionale e a tratti controversa, ma sicuramente affascinante e ammirevole. Oltre alla presentazione del collettivo e alla presentazione del lavoro sulla fotografia, sono state presentate altre attività come l'autoproduzione di fotografie analogiche con la camera oscura del Collettivo. Il tutto accompagnato da buona musica, ceccoil. birra e vino!

“Sempre, quando le parole “arte” e “artistico" vengono applicate al mio iavoro fotograf‌ico, io mi sento in disaccordo. Questo è dovuto sicuramente al cattivo uso e abuso che viene fatto di questi termini...Mi considero una fotografa, niente più. Se le mie foto si differenziano da ciò che viene fatto di solito in questo campo, e precisamente perché io cerco di produrre non arte, ma oneste fotograf‌ie, senza distorsioni o manipolazioni. La maggior parte dei fotograf‌i vanno ancora alla ricerca dell’effetto "artistico”, imitando altri mezzi di espressione grafica. Il risultato è un prodotto ibrido che non riesce a dare al loro lavoro le caratteristiche più valide che dovrebbe avere: la qualità fotografica. Negli anni recenti si è molto discusso se la fotograf‌ia possa o non possa essere un lavoro artistico comparabile alle altre creazioni plastiche. Naturalmente ci sono molte opinioni diverse. Ci sono quelli che accettano veramente la fotograf‌ia come mezzo d’espressione alla pari con qualsiasi altro, e altri che continuano a guardare in modo miope al ventesimo secolo con gli occhi del diciottesimo, incapaci di accettare le manifestazioni della nòstra civiltà meccanica. Ma per noi che usiamo la macchina fotograf‌ica come uno strumento, proprio come il pittore usa il pennello,queste diverse opnioni non hanno importanza. Noi abbiamo l'approvazione di coloro che riconoscono i meriti della fotograf‌ia nei suoi aspetti multipli, e l'accettano come il più eloquente, il più diretto mezzo per f‌issare, per registrare l'epoca presenfe. Sapere se la fotografia sia o non sia arte importa poco. Ciò che è importante è distinguere tra buona e cattiva fotografia. Per buona si intende quel tipo di fotograf‌ia che accetta tutte le limitazioni inerenti la tecnica fotografica e usa al meglio le possibilità e caratteristiche che il medium offre. Per cattiva fotograf‌ia si intende ciò che è fatto, si potrebbe dire, con una specie di complesso di inferiorità, senza apprezzare ciò che la fotograf‌ia in se stessa offre, ma al contrario, ricorrendo a ogni sorta di imitazioni. Le fotograf‌ie realizzate in questo modo danno l'impressione che l'autore quasi si vergogni di fotografare le realtà, cercando quasi di nascondere l'essenza fotograf‌ica stessa della sua opera, con trucchi e falsificazioni che può apprezzare solo chi ha un gusto deviato. La fotograf‌ia proprio perché può essere prodotta solo nel presente e perché si basa su ciò che esiste oggettivamente davanti alla macchina fotograf‌ica, rappresenta il medium più soddisfacente per registrare con obbiettività la vita in tutti i suoi aspetti ed è da questo che deriva il suo valore di documento. Se a questo si aggiungono sensibilità e intelligenza e, soprattutto, un'idea chiara sul ruolo che dovrebbe avere nel campo dello sviluppo storico, credo che il risultato sia qualcosa che merita il posto nella produzione sociale, a cui tutti noi dovremmo contribuire."    Tina Modotti. Fotografa, niente più

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 14 Marzo 2019 16:18 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube