DEApress

Thursday
Dec 01st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Strawinskij, il jazz e Benny Goodman

E-mail Stampa PDF

Fortuna ha voluto che in anni incredibili, due mostri sacri come Igor Strawinskij e Benny Goodman avessero delle linee comuni di appartenenza. Come è spesso stato scritto, Strawinskij conosceva il jazz, forse lo amava ma certamente lo utilizzava. Così come facevano i suoi colleghi francesi come Claude Debussy e Maurice Ravel. In effetti per alcuni compositori di quel tempo l'interesse verso la musica afro americana era notevole. Divenne spesso linguaggio usato da tanti compositori, anche italiani. Soprattutto quel modo di scrivere armonie, gli accordi dissonanti ma belli usati nel jazz fecero innamorare molti musicisti e compositori che venivano dallo studio accademico. Ma lo stesso fu per i jazzisti. Ad iniziare dal mitico George Gershwin, spesso o spessissimo nell'ambito del jazz si provò una forte attrazione verso il mondo pù o meno ordinato della scrittura classica. Un esempio su tutti fu Duke Ellington che dopo Gershwin cercò di fra crescere quel necessario connubio fra due generi che avevano molti punti in comune. Ed è così che Benny Goodman, che era comunque un clarinettista di formazione classica, tant'è che ci sono ancora le sue incisioni di Mozart o o di altri compositori classici, si avvicinò ad una scrittura compositiva discretamente espressiva, d'impronta impressionista e non mancò di suscitare veramente l'interesse di Stravisnkij. Ma poi il compositore russo scelse il clarinetto di Woody Herman per il suo Ebony Concerto indiscutibile capolavoro di misura fra il linguaggio moderno su vari fronti. Ma i due si rifecero anni appresso, quando si incontreranno veramente per realizzare il disco per la Cbs Chamber Music dove Goodman non solo suono l'Ebony Concerto ma eseguì il Concertino per 12 strumenti ed alcuni altri brani scritti da Strawinskij. Era una sorta di ravvedimento tardivo di Stravinskij che non fu poi molto contento del risultato ottenuto da Herman. Fu un successo. Ora Biagio Biagini, penna acuta ed interessante, scrive per Oligo Edizioni il suo Swinging Strawinskji che è un viaggio a ritroso o futuribile su quella che è l'essenza della musica e degli incontri che per essa avvengono. Infatti Biagini crea una storia dove i protagonisti sono certamente Goodman e Strawinskij ma non solo, c'è tutto un mondo che si muove attorno ad essi e una America che sembra essere la nuova terra delle libertà creative. Certo che l'amore che Biagini prova per la musica è dimostrato dalla dovizia di particolari che inserisce nella sua narrazione. Biagini è innamorato di un'epoca e la sua potrebbe essere senz'altro la logica di Scott Fitzgerald, di Tenera è la notte, de Il grande Gatsby o di Clint Eastwood di Mezzanotte nel giardino del bene e del male. Tempi complessi, così come  erano musicalmente composte le composizioni di allora. C'era una ricerca continua, un miscellare generi e esperienze senza l'angosciosa presenza di essere appartenenti ad una scuola o ad un'altra. Il libro è quindi necessario averlo, leggerlo, divertirsi a scoprire. Mettere poi o un lp o un cd dei tanti riferimenti che musicalmente Biagini fa. Insomma il suo lavoro è un invito a conoscere certamente ma anche a ricordare che nei linguaggi ci si può incontrare anche agli opposti.

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 09 Luglio 2022 13:46 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

simone fierucci . 30 Novembre 2022
Proteste in Cina Paolo Beffa per la Redazione di Contropiano L’incendio di Urumqi Il 24 Novembre è scoppiato un incendio in un condominio di Urumqi, la capitale della provincia dello Xinjiang. 10 persone sono morte nell’incendio. Rapi...
Silvana Grippi . 30 Novembre 2022
Galleria DEA onlus in Via Alfani 16/r Firenze  Mercatino di Solidarietà per finanziare Edizioni DEA   1 dicembre 2022 - 5  gennaio 2023 Info: redazione@deapress.com
Fabrizio Cucchi . 30 Novembre 2022
L'Agenzia DEApress, su decisione dell' Assemblea della Redazione DEA e DEApress, sostituisce il Capo Redattore dott. Samuele Petrocchi con la dott.ssa Silvana Grippi. "Accetto questa carica in attesa di un nuovo caporedattore che sappia guidarci" -...
DEAPRESS . 29 Novembre 2022
Si è aperta la campagna di tesseramento di D.E.A. e DEApress 2023. L'iscrizione al gruppo da diritto ai servizi offerti con un contributo di 20 euro e permette di scrivere articoli su DEApress, con possibilità di accredito e di lavoro di stampa pr...
Silvana Grippi . 29 Novembre 2022
I tatuaggi vanno di moda ma spesso reinterpretano quelli del passato. Come i geroglifici molte interpretazioni sono da ricercarsi come archeologia del passato. Eccovi una credenza utile tradotta da un antropologo di cui non ricordo il nome: Le parol...
DEAPRESS . 29 Novembre 2022
      Foto di Silvana Grippi Oggi, dopo una lunga pausa, sono finalmente tornato al mio posto di lavoro. Ora sto scrivendo, e mi sento come se fossi arrivato da un lungo viaggio: viaggio non di "piacere", poiché l'ennesima rica...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
Riceviamo e pubblichiamo:"Domenica 4 dicembre torna la Domenica Metropolitana Domenica 4 dicembre torna la Domenica Metropolitana, giornata nella quale tutti i residenti della Città Metropolitana di Firenze potranno visitare gratuitamente i musei cit...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
  L'Associazione Novoli Bene Comune e la Casa Editrice D.E.A. presentano: Presentazione del libro "La storia infinita, l'Urban Center di Novoli" di Alberto di Cintio. Presso Le Murate, Caffè Letterario   Interverranno: L'autore Albe...
DEAPRESS . 28 Novembre 2022
Il 15 dicembre 2022, presso la Biblioteca delle Oblate di Firenze, si terrà la presentazione del libro: "Io e Cencio. Il movimento degli Arditi del Popolo dal 1919 al 1922"di Pierluigi Gatteschi a cura del centro socio-culturale D.E.A. e dell'A.N...

Galleria DEA su YouTube