DEApress

Monday
Sep 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Chi guadagna su repressione ed espulsioni

E-mail Stampa PDF

L'ingresso diretto delle aziende nella repressione, altresì detta “gestione delle strutture carcerarie”, è oramai un dato di fatto anche per l'Italia. Non c'è solo il carcere (1); un altra vergognosa fonte di guadagno per i capitalisti sono i famigerati CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione).

Infatti, come vi mostrerò tra un attimo, i CIE sono passati dalla gestione non sempre esemplare -per usare un eufemismo- da parte della Croce Rossa, ad essere gestiti dal capitale privato, che, come è noto, non fà mai nulla per nulla....

Con questo si può dire che “il cerchio si è chiuso”; analogamente a quanto avveniva con la tratta degli schiavi nel '700 e nella prima metà dell'800 - quando con il cosiddetto commercio triangolare ogni tappa del viaggio delle navi schiaviste era lucrosa per i “padroni del vapore”- oggi ogni passaggio della moderna schiavitù risulta lucroso per squali e squaletti di Piazza Affari e di luoghi simili...

Tacendo del fatto che il padrone ci guadagna anche sulla miseria dell'immigrato nel suo luogo d'origine, il padrone lucra sul fatto che l'immigrato clandestino (perchè oggi, l'entrare in Italia “da regolare” è concesso solo a privilegiati), sia senza diritti; infatti, a tenerlo senza diritti, esso costituisce una riserva virtualmente inesauribile di manodopera a costo zero.

Poi, quando si è poveri, si aprono le porte del carcere, (come notava, per fare un nome, quasi un secolo addietro, il Pietro Gori) e, sul carcere i soliti signori ci guadagnano altri quattrini (1). Infine, se si è immigrati, il carcere porta al CIE. E il CIE per il padrone vuol dire ancora soldi....

Sembra che in Italia siano attualmente attivi 5 CIE (2). Elenchiamoli:

-Il CIE di Ponte Galleria a Roma. Soprannominato “la Guantanamo d'Italia” anche da fonti non proprio rivoluzionarie, “viene oggi gestito da un raggruppamento d'imprese guidato dalla francese GEPSA” (3). Chiaramente se non ci fosse il guadagno, anche i transalpini “troverebbero di meglio da fare”.

-Il CIE di Bari. Gestito dal Consorsio Connecting People (4) peraltro così male che la sua gestione ha richiesto continui richiami da parte delle autorità (5) e ha suscitato continue proteste della “società civile”(6) . Il detto consorsio....almeno a quanto traspare dal proprio sito (7), pertanto confermanto implicitamente dalle dichiarazioni “dei protagonisti” (8), è , una matrioska di altri consorsi, a cui partecipano banche, imprese, ong.....Per molti il movente è facilmente intuibile....

Sul detto consorsio girano inoltre “voci poco edificanti”. Viene descritto in un articolo di Lettera43 (9) come quello: “i cui vertici sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa dello Stato e a inadempienze di pubbliche forniture, come riportato su documenti della Camera.”

-Il CIE di Trapani. Da circa 15 giorni è passato dalla gestione della Croce Rossa a quello della cooperativa “Badia Grande”. Le motivazioni sono state chiaramente riassunte dalla stampa locale: “A voler fare un esempio, anche se il Cie ospitasse 10 persone, il Ministero dell'Interno (per il tramite della Prefettura) dovrebbe erogare a Badia grande il rimborso per 102 ospiti.  Dunque, se finora i costi del Cie sono stati un incognita al ribasso (a rischio del gestore privato) adesso diventato una certezza al rialzo (a rischio dello Stato).  Oggi sappiamo con certezza che il Cie di Milo avrà un costo minimo di 88 mila euro al mese, anche con un numero risicato di ospiti. Un autentico gioco dell'oca in cui a guadagnarci non sono di certo i migranti” (10).

-Il CIE di Caltanissetta. Gestione disputata da vari enti (11). Con una certa malizia, mi chiedo perchè mai la sua gestione debba essere così desiderata. Non che le cose lì vadano meglio, a smentire la presunta efficienza del sistema della concorrenza (12).

-Il CIE di Torino. Anche qui da circa 15 giorni la Croce Rossa è stata sostituita dall'associazione Culturale Acuarinto e dalla già menzionata GEPSA. (13) Legittimamente qualcuno si chiede: “Come gestirà GEPSA, colosso francese specializzato nella gestione delle carceri in Francia, le stesse strutture distrutte negli ultimi anni dalle fiamme dei  reclusi in rivolta? È ancora presto per dirlo anche se nel  CIE  di  Roma, in cui sono subentrate da poco GEPSA e Acuarinto, si possono già vedere gli effetti della nuova gestione: peggioramento del vitto, sovraffollamento, mancanza di riscaldamento, soppressione di beni di prima necessità.” (14)


La repressione non è maggiormente giustificabile quando è gestita direttamente dall'organo preposto (ossia lo stato), ma è particolarmente odiosa l'inveterata abitudine del capitale di lucrare sulla miseria, sulle disgrazie, e oggi, direttamente sulla repressione. E' purtroppo facilmente prevedibile, che al crescere del lucro, crescano parimenti gli interventi repressivi.

Fabrizio Cucchi, DEApress

(1) http://www.deapress.com/cronache/16542-il-carcere-qgestito-da-privatiq-anche-in-italia.html

(2) http://www.interno.gov.it/sites/default/files/cartina_cie.pdf Si parla spesso del centro di via Corelli a Milano come di un CIE, ma secondo la fonte che ho appena citato, questa definizione in qualche modo “non è ufficiale”.

(3) http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2014/12/22/news/ponte_galeria_la_guantanamo_italiana_la_situazione_al_cie_di_ponte_galeria_dopo_il_cambio_gestione-103531674/

(4)
http://www.cronachediordinariorazzismo.org/cie-bari-ministero-dellinterno-viola-disposizioni-tribunale/

 

(5)
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/09/cie-di-bari-il-tribunale-condizioni-illegali-lavori-di-manutenzione-in-90-giorni/837602/

 

(6)
http://bari.repubblica.it/cronaca/2014/11/13/news/cie-100445600/

 

(7)
http://www.connecting-people.it/partners/

 

(8)
http://www.meltingpot.org/Il-nuovo-corso-del-Cpt-di-Gradisca-Parte-seconda.html#.VNKK2rs9veQ

 

(9)
http://www.lettera43.it/cronaca/cie-in-italia-come-funzionano-le--prigioni--dei-clandestini_43675121502.htm

 


(10)
http://www.tp24.it/2015/01/15/cronaca/migranti-la-gestione-del-cie-di-trapani-milo-va-a-badia-grande-ma-con-una-clausola/88673

 

(11)
“la gestione è contesa tra la cooperativa sociale Auxilium e il Consorzio Solidalia” fonte: http://www.lettera43.it/cronaca/cie-in-italia-come-funzionano-le--prigioni--dei-clandestini_43675121502.htm

“La gestione è affidata al consorzio Auxilium – dice Giuliana Geraci - ma la prefettura presto dovrà passare la gestione ad un’altra realtà che ha vinto il ricorso” fonte: http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/460312/Sbarchi-oltre-1-500-immigrati-iscritti-nel-registro-dei-senza-dimora

(12)
http://www.meltingpot.org/Caltanissetta-Chiuso-il-Cie-incendiato-dopo-una-fuga.html#.VNNAfNKG9yA

 

http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/460312/Sbarchi-oltre-1-500-immigrati-iscritti-nel-registro-dei-senza-dimora

 


(13)
http://piemonte.indymedia.org/articolo/21390/nuovo-gestore-del-cie-di-torino

 

(14)
http://www.autistici.org/macerie/?p=31129

 

 

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

simone fierucci . 25 Settembre 2022
Pubblichiamo il report sul dibattito sul futuro delle navi da crocieria tenutosi a Venezia il 10 Settembre tratto dal sito globalproject. Presente e futuro delle navi da crociera nel Mediterraneo. Il report del dibattito al Venice Climate Camp Con ...
simone fierucci . 23 Settembre 2022
Cultura. Liliana Ancalao Meli, poetessa mapuche: "Scrivo per ricordarmi chi sono" Pubblichiamo un'intervista rilasciata dalla poetessa indigena Liliana Ancalao Meli a Rebeca Meteos Diaz . Liliana è una delle voci della poesia indigena sud Am...
Silvana Grippi . 23 Settembre 2022
Abbiamo bisogno di voi! L'Archivio DEA contiene:  Mostre, Depliants, Foto, Volantini, Foto, Fumetti Presentazione degli artisti, Libri e Riviste prodotte fin dal 1987 ad oggi. Il materiale cartaceo (organizzato dal 1987) sarà visibile dal...
Silvana Grippi . 23 Settembre 2022
DEAPRESS . 23 Settembre 2022
STATUTO D.E.A. Didattica-Espressione-Ambiente   ART.1E' costituita l'Associazione denominata "D.E.A.". ART.2L'associazione ha sede in Firenze, Via Alfani 16/r ART.3L'associazione ha durata illimitata, lo scioglimento, in caso di impossibili...
Silvio Terenzi . 22 Settembre 2022
SHARK EMCEE“Vip” Ascoltalo “VIP” su Spotify Dopo il successo, soprattutto nelle radio Italiane e nei magazine di settore, di “Accussì Mo” e “Na man' aizàt”, arriva il nuovo singolo “Vip” che consacra il ritorno sulle scene discografiche del...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2022
Eccoci giunti alla XVI edizione del concorso "Mediamix", indetto dal Comune dei Firenze con l'aiuto dell'associazione Didattica-Espressione-Ambiente. Anche quest'anno, il Festival segue il filo delle metafore ed ha per sottotitolo, "tracce"; tracce c...
Silvana Grippi . 20 Settembre 2022
    Piazza Signoria - Firenze -  IO NON HO PAURA - Foto di Silvana Grppii - 1 . Demir - 2- Gennaro Spinelli /Archivio DEA              
Silvio Terenzi . 20 Settembre 2022
DEZABEL"With You" "With You" - Official Video Dopo il successo di “Move”, arrivato nelle radio Italiane nei mesi scorsi e più volte in classifica nel circuito radio indipendenti, il produttore svizzero Dezabel, conosciuto anche con il nome Bilgi Sa...

Galleria DEA su YouTube