DEApress

Sunday
Apr 05th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Associazione Trisomia 21 ONLUS

E-mail Stampa PDF

Per la rubrica: Inchieste sull’associazionismo fiorentino

LogoAT21Q.png

Trisomia 21 ONLUS

Cos’è Trisomia 21?

Siamo un’associazione che si occupa di persone con sindrome di Down o disabilità intellettiva genetica affine, e delle loro famiglie. Nel 2009 abbiamo inaugurato il nostro Centro per lo sviluppo abilitativo delle persone con Sindrome di Down o altro handicap intellettivo, unico in tutta la regione per completezza dei servizi e numero di utenti.

In cosa consiste il vostro lavoro?

Cerchiamo di aiutare genitori e figli rispondendo a tutti i dubbi e quesiti che hanno sulla malattia, sia sul piano medico, sia su quello sociale, insieme a un supporto durante tutto il processo evolutivo, dalla nascita all’inserimento nella scuola e nel mondo del lavoro. L’esperienza ci mostra che le persone con sindrome di Down o altro handicap assimilabile possono essere inserite ed integrate nella società, seguendo le giuste procedure

Qual è la vostra missione?

Il nostro impegno consiste nel favorire il miglior sviluppo possibile delle persone con Sindrome di Down e la loro reale integrazione sociale. La nostra attività si sviluppa da una collaborazione tra genitori, professionisti e volontari, sorta per condividere le esperienze di ciascuno e sostenere lo sviluppo dei propri figli, affrontando insieme le comuni difficoltà.

Quando nasce l’associazione?

L’Associazione Trisomia 21 Onlus nasce nel 1979 grazie al lavoro e alla cooperazione di un gruppo di famiglie con figli con la sindrome di Down. Nel 2009 abbiamo abilitato la nuova sede di Viale Volta a Firenze. Nel 2014 abbiamo inaugurato un appartamento attiguo alla sede dell’associazione, destinato alle attività di sperimentazione della vita indipendente per giovani e adulti. Successivamente con l’impresa sociale Trisomia 21 srl abbiamo cercato di gestire attività di ristorazione e catering, per dare maggiori opportunità di formazione e inserimento lavorativo ai nostri ragazzi. Nel 2015, con l’aiuto di Unicoop Firenze, abbiamo inaugurato il bar Milleluci Cafè, in Piazza Leopoldo, con lo scopo di inserimento lavorativo per ragazzi con sindrome di Down e disabilità genetiche di tipo intellettivo assimilabili.

Cosa vi spinge ad andare avanti?

La maggior parte delle persone con sindrome di Down può raggiungere un buon livello di autonomia personale, sia sul piano personale che lavorativo. Ci sono lavoratori con sindrome di Down tra i bidelli, gli operai, i giardinieri ed altre mansioni semplici. Stanno nascendo inoltre anche alcune prime esperienze in lavori più. Le persone con sindrome di Down sanno fare molte cose e ne possono imparare molte altre: perché queste possibilità diventino reali occorre che tutti imparino a conoscerli e ad avere fiducia nelle loro capacità.

Sede:

Viale Alessandro Volta 16/18; 50131 Firenze (FI)

Recapiti:

e-mail: at21@at21.it

tel. 055 5532872 – 055 5000458

cell. 338 6424724

tel/fax. 055 5058545

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 18 Febbraio 2019 16:16 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Stefania Parmigiano . 04 Aprile 2020
La discussione sulla necessità di prevedere uno scudo penale per gli operatori socio-sanitari, in relazione al loro lavoro durante l’emergenza Covid-19, ha prodotto la richiesta di emendamenti al decreto legge cosiddetto Cura Italia, in considerazio...
Silvana Grippi . 04 Aprile 2020
Associazione DEAonlus    Divulgazione - Formazione - Comunicazione sociale DEApress è una redazione socialmente utile  gratuita e al servizio di coloro che lottano per i diritti umani e per una giusta informazione. Crea...
DEApress . 04 Aprile 2020
"Il Corona virus ha uccisola libertà e compromesso il libero pensiero" Giuseppe Grippi (1923)
DEApress . 04 Aprile 2020
Dialogando in redazione Correva l’anno 1960 quando il maestro Manzi, in un programma del tardo pomeriggio, faceva lezioni della lingua italiana contribuendo così alla scolarizzazione - seppur presente con la scuola dell’obbligo – a una maggiore comp...
Fabrizio Cucchi . 03 Aprile 2020
Certi oggetti diventano "simboli" di un'epoca. Io temo che il simbolo di questo drammatico momento, oltre alla mascherina, sia il drone. Qualcosa di non umano, di un pò inquietante....Persino in Tunisia c’è una sorta di versione locale di “questi agg...
Silvana Grippi . 03 Aprile 2020
 
DEApress . 03 Aprile 2020
  Dopo giorni in cui si dibatte del grave problema del sovraffollamento delle carceri in riferimento al diffondersi della pandemia, ieri all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna è morto per coronavirus il primo detenuto in Italia. Si ...
Marco Ranaldi . 02 Aprile 2020
Di seguito la seconda parte dell'intervista a Maurizio Spaccazocchi. E i bambini ai tempi dello smart come interagiscono con la musica? Hanno trovato, un buon “trastullo” che più di altri, li sta imprigionando nella mentalità musicale negativa che ...
DEApress . 02 Aprile 2020
Riflessione tra due amici: Uno scenario. come quello che è presente, in questo momento a livello mondiale non ha, forse, precedenti nella storia dell’umanità. L’epidemia che il 2020 ha sviscerato, in tutto il globo, oltre agli effetti sanitari mostra...

Galleria DEA su YouTube