DEApress

Monday
Apr 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il tema delle pensioni in Francia (e in ltalia)

E-mail Stampa PDF

In Italia l'età pensionabile è di 67 anni (di cui 20 di contributi) o di 71 anni con almeno 5 anni di contributi (1). L'ideologia "giovanilistica" (chiaro retaggio fascista: basti citare il titolo della famigerata canzone: "Giovinezza"), ha prodotto l'assoluta idiozia per cui, sebbene la maggior parte della popolazione continui inesorabilmente a essere biologicamente "vecchia" (quindi in menopausa o in andropausa) intorno ai 50 anni, con conseguente degenerazione fisica, acciacchi invalidanti e declino "totale", è ancora costretta ad affrontare un'altra ventina d'anni di lavoro (perlopiù manuale e "usurante" visto che per la borghesia nazionale lo schiavo salariato rimane sempre più economico da comprare rispetto a qualunque macchinario).

Questa assurdità si auto-giustifica con la disastrosa abitudine di prendere dalle tasche dei lavoratori stessi i soldi per mantenere i pensionati, invece di prenderli (come sarebbe ovvio) dal pozzo senza fondo dei sempre maggiori profitti delle grandi imprese, costituiti (è bene ricordarlo) solo grazie alla schiavitù dei lavoratori "ormai sfruttati fino alla fine". Meno lavoratori, quindi, con il sistema attuale significa meno soldi per i pensionati. Quindi -con il sistema attuale- il numero degli schiavi salariati  deve rimanere sempre lo stesso, per permettere la sopravvivenza fisica di una vasta percentuale della popolazione. E se gli schiavi non si riproducono, deve aumentare il loro tempo di sfruttamento. Così è chiaro che "non cambierà mai nulla". E' un tipico esempio di sistema "che giustifica sé stesso" per autoconservarsi.

(Peggio ancora. Il pianeta è già sovrappopolato. Così facendo il problema della sovrappopolazione diventa irrisolvibile).

Non parliamo qui della vera e propria rivoluzione che sarebbe rendere "la carne umana" quantomeno più cara della macchina. Se ciò venisse applicato, il rischio sarebbe quello di far venir meno la venerata e difesa tradizione che vuole la borghesia italiana come "la più retrograda e ignorante d'Europa".

I famosi "cugini d'Oltralpe" in genere tendono ad essere "un passo indietro" a noialtri sulla strada delle peggiori bestialità. Ma il programma del presidente francese Emmanuel Macron è quello di "tenere il passo" con la barbarie che ormai imperversa in tutta Europa. Già prima della sua rielezione (poco meno di un anno fa), sebbene costui abbia tentato in un primo momento e in minima parte di smarcarsi dall'ala più bellicista dell'Unione Europea (in fondo cosa ci guadagna la Francia dalla guerra in Ucraina?), poi "è corso dietro" agli inevitabili interessi degli sciacalletti (leggasi commercianti e fabbricanti di armi) che vogliono la guerra "senza se e senza ma". Un vecchio proverbio regola le condotte di tutte le borghesie europee (inclusi gli oligarchi russi) verso ogni nuova guerra: "piatto ricco, mi ci ficco".

Sulla "crisi energetica", la "ricetta Macron" è stata "più che italiana". Sei nuove centrali nucleari (2), nonostante che quelle esistenti si siano dimostrate incapaci di essere una soluzione al fabbisogno energetico del paese (3). Neppure la nostra Confindustria sarebbe riusciuta a proporre una tale assurdità.

Ma è stata la proposta di innalzare l'età pensionabile da 62 a 64 anni, la misura che ha fatto "colmare la misura" della pazienza dei francesi. In effetti, la logica con cui si chieda un nuovo sacrificio alla classe lavoratrice, proprio mentre essa deve sopportare il peso di una nuova guerra, è "particolarmente italiana", e non francese. Scioperi e manifestazioni si sono susseguiti per due mesi, la spazzatura non raccolta dagli spazzini ha raggiunto vette "mai viste" a Parigi, e proprio quando si era alla vigilia del voto in parlamento (che avrebbe magari rivestito la nuova stupidaggine con la foglia di fico della sovranità popolare) Macron ha scelto la linea delle imposizioni dall'alto (4). Subito, è stato applaudito dall'ala più violenta dei pasdaran del "libero mercato" in Europa (5), chiaro segno della mancanza di ogni razionalità nel suo operato.

E' difficile prevedere cosa succederà adesso. La polizia francese ha già dimostrato di voler reprimere nel sangue ogni dissenso(6). Il clima di guerra non aiuta la ricerca di una soluzione "incruenta". Da un lato, appare difficile che il diktat di Macron possa rendere popolare una riforma che vede il 70% dei francesi contrari, dall'altro ci si può chiedere se, altre proteste possino durare o se il perdurare delle manifestazioni di sdegno popolare finiscano per erodere le forze di chi protesta. In un caso o nell'altro, è certo che le ripercussioni dei futuri avvenimenti in Francia si sentiranno anche da noi. 

Andremo verso il lavoro coatto dei vivacissimi centenari ? Oppure è finalmente venuto il momento di riconsiderare le tante bestialità su cui si regge anche la nostra repubblica?

Fabrizio Cucchi /DEApress

(1) fonte: https://www.fiscoetasse.com/approfondimenti/12731-eta-e-requisiti-per-andare-in-pensione-2023.html
(2)https://www.agi.it/estero/news/2022-03-17/promesse-macron-elezioni-francia-16037346/
(3)https://europa.today.it/attualita/tradita-nucleare-francia-tagliare-elettricita.html
(4)https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/pmi/2023/03/16/ansa/-macron-scavalca-il-parlamento-caos-sulle-pensioni_0dc2a0a2-3b1b-4992-8a34-3e242d02c4a0.html
(5)https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/pmi/2023/03/17/ocse-con-macron-su-riforma-pensioni-era-cosa-giusta-da-fare_1b5af315-d808-4511-9202-eefdc81895e1.html
(6) https://www.ultimavoce.it/scioperi-in-francia-lo-stato-risponde-con-la-violenza/

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Marzo 2023 14:49 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Aprile 2024
Una donazione per contnuare a informare e formare in modo libero indipendente e senza pregiudizi   Attraverso la dichiarazione dei redditi è possibile devolvere una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) senza oner...
Silvana Grippi . 19 Aprile 2024
    TEATRO DANTE "CARLO MONNI"     comunica   PIERO PELU' - nominato consulente artistico del Teatro Carlo Monni di Campi Bisenzio      
Luca Vitali Rosati . 19 Aprile 2024
Il termine solidarietà ha un'accezione piuttosto ampia: dal singolare essa abbraccia il generale, essendo principio cardine della società odierna. A confermare questa molteplicità di significati, si può partire da quello che afferma la Costituzione ...
Nima Shafiei . 19 Aprile 2024
Al cinema Astra di Firenze, il 26 aprile, in occasione delle commemorazioni della liberazione dall'occupazione nazifascista, verrà proiettato un documentario sulla vita di Flora Monti, la più giovane staffetta partigiana. Per l'occasione la prese...
Nima Shafiei . 18 Aprile 2024
L'associazione Novoli Bene Comune e l'unità di ricerca PPcP del Dipartimento di Architettura organizzano il 20 Aprile un convegno per discutere del futuro dell'area Mercafir all'interno della riqualificazione del quartiere di Novoli di Firenze. Al co...
DEAPRESS . 18 Aprile 2024
Oggi, in un momento di forte tensione dell' umanità per le due guerre non più locali ma regionali, ( Ucraina e Medio oriente) dirottero' su argomenti di distrazione. I famosi Detti Fiorentini. Firenze è forse la città italiana con i Detti popolari co...
DEAPRESS . 18 Aprile 2024
Costantino 313 dc. Adrianopoli 476. Conosco bene la storia fino a Marco Aurelio (fino 200 circa dc.) dopo solo i fatti salienti ma non in profondità.  Oggi ho voglia di scrivere come è nata Firenze (Florente, Fiorenza). Quello che non tutti...
Silvana Grippi . 17 Aprile 2024
San Suu Kyi (Birmana) da oggi è fuori dal carcere: è stata trasferita ai domiciliari ma non si sa se è una misura cautelare o un fine pena. Si ricorda che San Suu Kyi ha settantanove anni e ha anche vinto un premio Nobel   
DEAPRESS . 17 Aprile 2024
Oggi scrivo la seconda parte della storia del Forte Belvedere.    Come avevo già anticipato, il Forte Belvedere quel anno era stato completamente riservato per oltre 30 giorni alla futura famosa holding casa di moda Hugo Bos...

Galleria DEA su YouTube