DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

"...questo non è amore" Progetto Camper in piazza

E-mail Stampa PDF

Immagine.jpg

È tempestivo e utile ricordare, proprio oggi, che l’amore ha molte facce e che, di queste, molte sono maschere. A ricordarlo c’è il progetto “Camper” promosso dalla Polizia di Stato già da luglio 2016, che si propone di favorire un diretto contatto con le potenziali vittime offrendo loro il supporto di un’èquipe multidisciplinare per favorire l’emersione del sommerso e sollecitare la collaborazione e il lavoro di rete, individuando comportamenti e condotte sintomatiche di violenza domestica attraverso il supporto di operatori specializzati come medici, psicologi della Polizia di Stato o dei Centri operativi sul territorio, esperti della sezione specializzata della Squadra Mobile, della Divisione Anticrimine e/o dell’Ufficio Denunce dell’U.P.G.S.P., rappresentanti della rete antiviolenza locale ed eventualmente altri referenti di Enti particolarmente attivi nell’ambito delle attività di prevenzione e contrasto del fenomeno nel singolo territorio, presenza di un funzionario delle squadre mobili per l’immediata informazione all’A.G. per i fatti costituenti reato. La prevenzione, attraverso la diffusione delle informazioni sugli strumenti di tutela, mira al superamento della mentalità di sopraffazione, all’acquisizione di consapevolezza che permetta di comprendere ai primi segnali intimidatori il comportamento che potrebbe sfociare in violenza, e soprattutto all’emersione dei tanti atti di violenza che non vengono denunciati per paura, per intimidazione, per solitudine. Troppe sono le persone (non solo vittime, ma anche parenti e amici non direttamente coinvolti) che giustificano, in nome di un (malinteso) amore appassionato, comportamenti psicologicamente aberranti, aggressivi e potenzialmente pericolosi.

Ricordiamo qualche numero: gli omicidi di donne in ambito familiare sono stati 117 nel 2014, 111 nel 2015, 108 nel 2016; gli atti persecutori (circa il 76% in danno delle donne) 12.446 nel 2014, 11.758 nel 2015, 11.400 nel 2016; i maltrattamenti in famiglia (circa l'81% in danno delle donne) 13.261 nel 2014, 12.890 nel 2015, 12.829 nel 2016; le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 15.285 nel 2014, 15.249 nel 2015, 13.146 nel 2016; le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 4257 nel 2014, 4000 nel 2015, 3759 nel 2016.

Il progetto, con camper, gazebo e operatori sarà presente oggi in molte piazze del territorio italiano.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 14 Febbraio 2017 13:29 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  Pubblichiamo un vecchio articolo di Michele Azzu - Per ricordare: Sgomebero a Bologna Oggi mi sono vergognato di vivere a Bologna.   "Hanno usato i manganelli contro le mamme". Vetri spaccati, e ancora urla: "Pagherete tutti"...

Galleria DEA su YouTube