DEApress

Sunday
Oct 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tre giorni prima dell'8 marzo - Ritratti

E-mail Stampa PDF

Pankhurst.jpg220px-Emmeline_Pankhurst_Arrested_1914.jpg

"Non possiamo rispettare una legge che non ci rispetta"

"Per cinquant'anni abbiamo operato pacificamente per far ottenere il voto alle donne. Siamo state ridicolizzate, maltrattate e ignorate. Adesso abbiamo capito che l'azione e il sacrificio devono essere quotidiani. Combattiamo perché ogni bambina che nascerà abbia le stesse possibilità dei suoi fratelli. Non sottovalutate la forza che noi donne abbiamo nel decidere il nostro destino. Noi non vogliamo infrangere la legge, vogliamo scriverla! [...] Non ci hanno lasciato alternativa se non sfidare questo Governo. Se dobbiamo andare in prigione per avere il voto, saranno le finestre del Governo e non le ossa delle donne ad essere frantumate. Incito ognuna di voi e tutte le donne inglesi alla ribellione. Preferisco essere una ribelle che una schiava!"
Nella sua autobiografia My own story, dalla quale è stato tratto, nel 2015, il film "Suffragette" di Sarah Gavron, Emmeline Pankhurst racconta l'origine del suo desiderio di cambiare la visione patriarcale della donna, subordinata all'uomo: il padre, pensandola addormentata, sussurrò: -Se solo fossi un maschio-.
Nata a Manchester nel 1858, fu una figura di spicco nel movimento delle suffragette (da suffragio, nell'accezione di voto) battendosi strenuamente per il diritto al voto delle donne inglesi, fino ad allora concesso solo agli uomini. Con la Women's Franchise League ottenne il diritto al voto nelle elezioni locali, ma fu nel 1903 che fondò la Women's Social and Political Union che aveva come obiettivo il suffragio universale. Più volte arrestate per le azioni dimostrative che mettevano in atto, come sabotare i fili del telegrafo, rompere finestre, infilando bombe rudimentali nelle cassette della posta, le suffragette venivano picchiate e umiliate per piegarne la forza. La stessa Pankhurst subì arresti e violenze. Nel maggio del 1914 fu arrestata davanti a Buckingham Palace perché intendeva consegnare una petizione nelle mani del re Giorgio V. Il suffragio femminile venne sancito a Londra nel 1918.
Il primo Paese (1838) a sancire il voto alle donne sono state le isole Pitcairn, quelle degli ammutinati del Bounty.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Marzo 2017 01:47 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Scintille tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte P...
Silvana Grippi . 24 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  Pubblichiamo un vecchio articolo di Michele Azzu - Per ricordare: Sgomebero a Bologna Oggi mi sono vergognato di vivere a Bologna.   "Hanno usato i manganelli contro le mamme". Vetri spaccati, e ancora urla: "Pagherete tutti"...
DEApress . 23 Ottobre 2020
  In foto  Francesco Mori e Graziella Rumer . ph. silvana grippi/Archivio DEApress Mi chiedi, Silvana, del nostro percorso: Francesco si è laureato nel 1953 ed io nel  1957. Laureatosi, Francesco ha fatto il servizio militare nell’...
Ni Weijun . 23 Ottobre 2020
Corrispondente dalla Cina -  La Commissione Nazionale per le Riforme in Cina, collegata al Partito comunista (NDRC)  che si muove su un terreno favorvole per le aspirazioni cinesi nel settore dei microchip, Intel Corp, e il gigante global...

Galleria DEA su YouTube