DEApress

Monday
Oct 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Coldiretti- Freddo:a rischio ortaggi in pieno campo. Situazione critica nel pisano

E-mail Stampa PDF

 

 

 Il gelo artico colpisce anche l’agricoltura pisana. A rischio le coltivazioni invernali in pieno campo come cavoli, verze, cicorie, radicchio, broccoli e finocchi. Situazione critica nella piana pisana specializzata nelle produzioni orticole. Il monitoraggio effettuato da Coldiretti Pisa nelle scorse ore ha rilevato la forte preoccupazione da parte degli agricoltori per il futuro delle produzioni destinate ai mercati di Campagna Amica e alla media grande distribuzione organizzata. L’ondata eccezionale di freddo artico ha spinto la colonnina di mercurio fino a – 4 nella giornata di martedì 9 gennaio portando le temperature ben al di sotto della media: lo scorso anno, nello stesso giorno, il termometro segnava + 8. “Siamo in stato di allerta – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa – perché se il freddo persisterà con questa intensità molte aziende perderanno i raccolti invernali seminati in pieno campo. Siamo in ansia anche per le gemme delle piante da frutto che si trovano in una fase molto delicata che è quella della prefioritura e sono quindi molto vulnerabili così come per gli olivi e le produzioni floricole. Nei prossimi giorni avremo un quadro più completo ed esaustivo”.

Rispetto allo stesso periodo la temperatura media è scesa di 4 gradi passando da 7,8 agli attuali 4,4 mentre le minime da 4,6 grandi a 0,1. “A soffrire di più, in questo momento, sono le produzioni tipiche dell’inverno che rappresentano una base alimentare importante ed indispensabile per l’alimentazione e la salute. – analizza Aniello Ascolese, Direttore Coldiretti Pisa – Al momento, almeno nei nostri mercati, il prodotto non manca grazie alla coltivazione in serra che ha però una produzione limitata. Il timore di nuove gelate è diffuso su tutto il territorio provinciale. Il gelo sta costringendo gli agricoltori ad uno sforzo anche economico maggiore che devono accendere le caldaie per riscaldare i tunnel. L’altro rischio – conclude Ascolese – è per il settore cerealicolo: il freddo potrebbe bloccare o rallentare la crescita. Continuiamo a tenere la situazione sotto controllo”.

Per informazioni www.pisa.coldiretti.it, pagina ufficiale Facebook e @coldirettitosca

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 10 Gennaio 2017 13:27 )  

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Ottobre 2020
Antonella è stata sfrattata dalle case delle Minime e oggi un centinaio di sostenitori si sono riuniti in Piazza Signoria per manifestare sdegno e per darle solidarietà con un intervento del Targetti per spiegare l'accaduto del 21 ottobre 2020. &nbs...
DEApress . 26 Ottobre 2020
  Fonte Comunicazioni solidali Il passo del Gargarat è chiuso dalle donne saharawi che offrono datteri e latte. El Gargarat è un punto di passaggio illegale nel Sahara occidentale occupato tra il confine di Mauritania e Sahara occidental...
Silvana Grippi . 25 Ottobre 2020
CROWDFUNDING PER LA LIBERTÀ DI STAMPA Centro socio-culturale D.E.A.onlus - FirenzeIBAN IT93Q0760102800000026574509 -  Conto Corrente Postale n° 26574509 (Bonifico)causale: Contributo Centro di Documentazione/Archivio Cari lettori e lettrici&nb...
DEApress . 25 Ottobre 2020
~ ~ ~ ~ ~ ~ Ho capito che non ti voglio solo bene quando dentro a quegli occhi di mare ho scorto i ghiacciai Quando vivendoti in una giornata di sole, ho visto gli acquazzoni che nascondi L'ho capito quando dietro la tua risata ...
DEApress . 24 Ottobre 2020
. Napoli brucia Napoli apre la contraddizione di un virus che esiste, c’è ed è pericoloso ed uno Stato che più che prendere provvedimenti seri ed adeguati è stato per mesi il pane quotidiano dei creatori di meme.Non si può scegliere se morire di fa...
DEApress . 24 Ottobre 2020
Sahara occidentale - Tensione tra Marocco e RASD La “ferita” del Sahara ccidentale, è ancora lungi dall’essere sanata, infatti è di queste settimane la notizia delle crescenti tensioni tra la monarchia Alawita che occupa il territorio e il Fronte Po...
Ni Weijun . 24 Ottobre 2020
Xi Jinping in questo periodo,  è l'uomo più in vista ma anche il più ascoltato nel mondo. Nel suo ultimo discorso ha dichiarato che la terra è di tutti e vuole la pace mondiale e lo ha detto con fermezza affermando anche che sarà attenz...
DEApress . 24 Ottobre 2020
ZONA DI GUERRA PROPONE IL SEGUENTE VIDEO https://zonadiguerra.ch/2020/10/20/la-fine-di-muammar-gheddafi/
Fabrizio Cucchi . 23 Ottobre 2020
Il Presidente del Consiglio, Conte ha ripetutamente affermato di non volere un nuovo lockdown nazionale, ma ha da sempre sostenuto che potrebbe esserci costretto...Una delle particolarità di ogni politico, è l'attitudine a evitare ogni responsabilità...

Galleria DEA su YouTube