DEApress

Friday
Jun 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Nucleare: quando s’inizia a riflettere

E-mail Stampa PDF

[cfr. Notizia ANSA e Il Giappone devastato, di Riccardo Fratini]

Il mondo trema e ci terrorizza. Migliaia di morti travolti dall’acqua, il rischio di una strage ancor più grave e dalle conseguenze imprevedibili: il Giappone è in ginocchio – economicamente, tecnologicamente e, soprattutto, a livello umano.

Ma noi, come viviamo questa strage? Con la paura di chi ha già preso una decisione, e rischia di pagarne le conseguenze. E non ci fanno tanto orrore i morti affogati o gli avvelenati dalle radiazioni. La nostra paura, di italiani, è che tutto questo “potrebbe succedere anche a noi”.

Le coscienze si risvegliano sempre tardi, e a ragion veduta – o meglio: a morte e distruzione, vedute. E ci rassicuriamo, naturalmente, con la falsa coscienza che questa nuova paura è solo il frutto di un evento straordinario, sconvolgente e, soprattutto, casuale. Ma non ci chiediamo quanto invece tutto questo non sia il risultato “naturale” del futuro “innaturale” che ci stiamo disegnando (sulla nostra pelle). Perché la tecnologia fornisce fiducia, e quando qualcosa va storto, ce la prendiamo con il caso, con l’“imprevisto”, e non guardiamo invece a quella smania di prevedere ed imbrigliare, che aggioga il nostro mondo di computer e cellulari, di navigatori satellitari e “giochi” nucleari.

Alla fine, daremo tutta la colpa allo tsunami, e torneremo ad affettare atomi, tranquilli come prima. Sotto le nostre case, le centrali nucleari continueranno ad accumulare scorie, gli acceleratori di particelle a simulare big bang e buchi neri… e se di nuovo capiterà qualche “incidente”, ce la prenderemo con il terremoto di turno: “perché la colpa, non è stata di nessuno!” (sempre che, quel giorno, resti ancora qualcuno da incolpare)

Simone Rebora

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 20 Giugno 2019
DEApress . 20 Giugno 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Silvana Grippi . 20 Giugno 2019
 Agenzia di stampa - DEAonlus Informazione -  Formazione - Comunicazione sociale DEApress crea opportunità di dialogo e scambi Presente alle iniziative per l'ambiente e il sociale organizza forum, eventi e dibattiti  su imm...
Silvio Terenzi . 20 Giugno 2019
ANCE“Anche se” “Anche se” - OFFICIAL HD Nuovo singolo per il cantautore toscano Andrea Lovito, in arte ANCE, che con la RadiciMusic pubblica questo nuovo brano fresco con la produzione artistica di Gianfilippo Boni, goliardico, decisamente ricco ...
DEApress . 20 Giugno 2019
Il rap dei detenuti nel nuovo cd 'Vorrei, Potrei, Andrei' Una compilation di 23 tracce realizzate dai detenuti nel carcere 'M. Gozzini' e nell'Istituto Penale per Minorenni 'G.Meucci' di Firenze, che utilizza il rap come strumento educativo, di in...
Erika Lapini . 19 Giugno 2019
Fra mille difficoltà obiettivo raggiunto Dal nostro consuntivo di metà anno abbiamo riscontrato nella nostra quasi trentennale attività che, per la prima volta, siamo riusciti ad autofinanziarci con le nostre forze attraverso la vendita e ...
Erika Lapini . 19 Giugno 2019
Cantiere-scuola in aiuto ai restauratori A far risplendere l'ingresso del Chiostro Grande della Basilica della Santissima Annunziata hanno collaborato sedici studenti selezionati dalle sezioni di pittura/scultura dell'istituto d'Arte di Porta R...
Erika Lapini . 18 Giugno 2019
CONTACT WARHOL "fotografia senza fine" di PEGGY PHELAN e RICHARD MEYER «Una foto significa che so dove sono stato ogni minuto. Ecco perché fotografo» - Andy Warhol Le creazioni artistiche di Andy Warhol sono diffuse e note a tutti, ma non si par...

Galleria DEA su YouTube