DEApress

Wednesday
Jul 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'infinito Zeffirelli

E-mail Stampa PDF

Franco Zeffirelli ci mancherà soprattutto ci mancherà  quel suo decadente ritratto di una nazione che sotto i suoi attenti occhi mutava. Zeffirelli uomo a tratti contraddittorio, è sempre però stato coerente con quella sua umana logica di sentimenti. Sapeva da Visconti come trattare il cinema di sociale impegno. Sapeva narrare con fine garbo e ricercatezza interiore alcuni aspetti del genere umano. Da cattolico ha trattato San Francesco come se fosse un antico rivoluzionario non eremita ma a tratti eretico. E così è stato il suo colossale Gesù, trattato con un amore di un figlio verso un padre difficile e non unico. E poi l'amore di Romeo e Giulietta, narrato con le lacrime di chi sa che la propria storia sarà sempre un subito e poi. E le passioni umane del Giovane Toscanini, del gruppo di inglesi che vivono la sua FIrenze aspettando domani. E' lui Amleto? Forse si, con un dramma interiore che appartiene alla più nascosta vergogna di accettarsi per come si è. Ritratto di Jane come quello di Maria, tante anime femminili che parlano di un proprio femminile, decadente e disperato ma fiero di essere tale. Fino alla fine, fino a quando il tempo arriva a fermare l'aria che gira intorno. Come le sue amate opere ci hanno insegnato che non è necessario stravolgere il corpo per fare innovazione. E' l'eleganza del gesto a rendere immortali i personaggi e le musiche. Ci mancherà Zeffirelli anche perchè con la sua morte si è chiuso un tempo molto importante per il cinema italiano e non solo. Ma con quella forma del pensiero che lo rendeva amabile o odiabile, Zeffierlli ha lasciato il suo immutabile segno nel gesto di un uomo carico del suo dramma interiore e del suo essere se stesso in un mondo che non ha forse mai amato l'onestà del proprio infinito.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 23 Luglio 2019
Nel nord-est della Siria, dove incombono le propaggini sud-occidentali delle catene montuose anatoliche, c'è la parte di territorio definito "Kurdistan siriano" o "Rojava". Tribù kurde sono presenti anche nella regione semimontuosa dell'est del Paes...
DEApress . 23 Luglio 2019
Con la caduta dell'impero ottomano e la nascita della Repubblica turca guidata da Mustafa Kemal Atatürk, si impone un modello di stato a forte impronta nazionalista che esalta la cultura, la lingua e le abitudini turche. I kurdi costituiscono il gru...
Silvana Grippi . 22 Luglio 2019
Lo scopo del laboratorio DEApress è imparare il lavoro di Redattore sociale: 1. La comunicazione indispensabile per inquadrare le problematiche sociali; 2. L'informazione da divulgare 3. La formazione per poi poter insengnare. Laboratorio a...
Marco Ranaldi . 22 Luglio 2019
Che Tex Willer fosse un mito questo lo si sapeva da lungo tempo. Oggi che ha compiuto 70 anni di permanenza nelle edicole italiane lo è di più poichè è dura essere vegliardi nel fumetto di casa nostra. Solo la tenacia dei Bonelli poteva presagire tan...
DEApress . 22 Luglio 2019
Paolo Sorrentino riceve il Premio Fiesole ai Maestri del Cinema 2019 “I film sono belli quando si occupano del falso” Fiesole (Firenze), 18 giugno – “I film sono belli quando si occupano del falso. La verità, secondo me, dentro un film si ra...
DEApress . 22 Luglio 2019
www.middleastnow.it   Middle East Now   /// Global Connections:   ...
DEApress . 20 Luglio 2019
I Kurdi nel corso dei secoli Le origini del popolo kurdo risalgono a tempi remotissimi: quando dall'Asia centrale si mosse la grande massa di indoiraniani, dividendosi verso l'India da una parte e l'Europa dall'altra; vari gruppi, col passare del te...
DEApress . 19 Luglio 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Cosimo Biliotti . 19 Luglio 2019
Sono passati quasi 11 anni dal fatidico settembre del 2008 quando la famiglia Della Valle lanciò in grande stile l'idea del nuovo stadio per Firenze. Da allora una successione di piccoli passi pareva stesse avvicinando la città all'obbiettivo, lent...

Galleria DEA su YouTube