DEApress

Tuesday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Mimmo Calopresti scrittore sociale

E-mail Stampa PDF

Mimmo Calopresti fino ad ieri raccontava le sue storie usando il cinema, arrivando a narrare segmenti di vite difficili e anche un pò disperate. Dopo aver girato documentari sempre sulle vite (indimenticabile quello sulla Shoah) ora prova a narrare la propria storia, romanzare, inventare, cercare un senso in un'Italia meridionale che si trova ad essere desiderata e rinnegata dall'Italia del nord, dal miracolo torinese e quindi dalla Fiat. In Io e l'avvocato. Storia dei nostri padri (Mondadori 269 pag. € 17,00) Calopresti spazza i ricordi, gli dona luce nuova e s'inventa un alter ego, presenza assenza della vita che cambia; narra quindi senza tema di sbaglio, il suo sud che diventa nord, la Calabria che improvvisamente diventa Torino e che un signore come Gianni Agnelli diventi il vero macchinatore delle macchine Fiat. Intorno alla sua Fiat si inanellano un numero incredibile di altre vite e la speranza di rimanere sempre sotto il sole  dell'avvocato, per molti è la sola spiaggia a cui approdare. Detto ciò, la narrazione scorre spontanea, gli occhi del bambino vedono ciò  che è meraviglioso, futuribile. Com'è fantasioso il legame che unisce un Agnelli con il protagonista della storia. Il tutto si legge serenamente, con rabbia e con ardore; si  rinnova così quel tipo di letteratura che non soffre della mancanza di realismo e di socialismo. In questo Calopresti è molto bravo, sa individuare i dolori di una società che è costretta a scappare dalle proprie terre per vivere in una città sovrabbondante di odori, luci e rumori, con una paga che non vale la distanza. In fondo, una vita non può mai valere l'imperatore e in questo Gianni Agnelli è stato sicuramente l'ultimo erede italiano dell'imprenditore-imperatore.

Share

 

Concorsi & Festival

https://zonadiguerra.ch/

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Novembre 2020
E’ ripresa la guerra nel Sahara Occidentale: si fronteggiano il  Fronte Polisario (movimento politico e militare del popolo saharawi) e il regno del Marocco. C'è in ballo un referendum spostato in continuazione e una delusione continua di spera...
DEApress . 22 Novembre 2020
IL POTERE DELLA CONTESTAZIONE IN PERU’ Grazie alla forza della protesta il golpe parlamentare sembra essere stato sventato, all’interno di un sistema politico corrotto e di una crisi di rappresentanza che dura da anni. In conseguenza alla mobilitaz...
Ni Weijun . 21 Novembre 2020
Oggi sono andata alla manifestazione alla stazione di S.M Novella. Ho fatto un'intervista a Antonella Bundu e foto.  
Fabrizio Cucchi . 21 Novembre 2020
  Questa seconda ondata di infezioni da coronavirus stà mettendo in luce vecchi problemi della società e della sanità italiana (e mondiale) oltre a creare dei nuovi problemi. Per dare una risposta "dal basso" a tutto ciò, quest'oggi, in circa...
Ni Weijun . 20 Novembre 2020
Il teatro cinese - Opera di Pechino Interessante recupero storico del teatro cinese e dell'Opera di Pechino famoso in tutto il mondo. Nell’antica Cina il teatro si avvaleva del canto, la danza e l’arte mimica. Le prime testimonianze di ...
Fabrizio Cucchi . 19 Novembre 2020
Mentre il paese mediorentale stà affrontando, oltre alla pandemia, agli strascichi della guerra civile e alla crisi economica, anche una grave serie di incendi (1) che stanno distruggendo il già scarso e già provato patrimonio forestale dello stato, ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2020
Tensione al confine con la Mauritania tra l’esercito del Marocco e il Fronte del Polisario.   Sulla linea di Guerguarat, piccolo insediamento che segna un confine del Maghreb, si sta giocando il futuro del popolo saharawi. Alle prime luci de...
DEApress . 19 Novembre 2020
Recensione del "Il Manifesto"
DEApress . 19 Novembre 2020
Zona di Guerra propone il seguente articolo https://zonadiguerra.ch/2020/11/19/siria-nuovo-attacco-di-isis/

Galleria DEA su YouTube